Pubblicità

Vita a quattro zampe:i bimbi nati in inverno gattonano prima

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 432 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

La stagione può influenzare lo sviluppo motorio. Ecco perché.

Quando si può dire che un bambino avrebbe già dovuto iniziare a gattonare? Rispondere a questa domanda è reso particolarmente difficoltoso dall'elevato numero di fattori che possono influenzare lo sviluppo di un bebè. Tra questi è inclusa anche la stagione in cui è nato. Infatti secondo i ricercatori dell'Università di Haifa i bambini nati in inverno iniziano a gattonare prima rispetto a quelli nati in estate.
Per giungere a questa conclusione i ricercatori hanno valutato attraverso una scala di misurazione specifica e le osservazioni dei genitori lo sviluppo motorio di 47 bambini in buono stato di salute. Dalle informazioni raccolte è emerso che, indipendentemente dal fatto che si trattasse di maschietti o di femminucce, i bimbi nati tra dicembre e maggio (considerati mesi invernali) iniziavano a camminare a quattro zampe a un'età media di 30 settimane, mentre quelli nati tra giugno e novembre (i mesi estivi) iniziavano a gattonare in media a 35 settimane di vita.

 

Tratto da www.salute24.ilsole24ore.com Prosegui nella lettura dell'articolo

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Convinzione occhi storti (1568…

mirko, 31 Dottori perdonate il disturbo. Sono un ragazzo di 31 anni e sono quasi 5 anni che vorrei capire una cosa che mi sta facendo diventare letteralmen...

Non riesco più a vivere (15667…

Francesca007, 25 Tutto inizia dai miei 17 anni, quando capisco di non essere abbastanza per i miei genitori. Mio papà mi teneva chiusa in casa come se foss...

Superare un tradimento (156741…

Lucrezia, 42 Salve, sto con il mio compagno da 12 anni, conviviamo. All'inizio del 2019 abbiamo cominciato ad avere qualche incomprensione a causa del suo ...

Area Professionale

Articolo 34 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.34 (sviluppo scientifico della professione), prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che se...

I vantaggi di sfruttare i Bann…

Proseguiamo con l'illustrazione degli strumenti che ci consentono di migliorare la nostra Brand Awareness professionale e di acquisire nuova visibilità e nuova ...

Articolo 33 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.33 (lealtà e colleganza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Limerence (o ultrattaccamento)…

È uno stato cognitivo ed emotivo caratterizzato da intenso desiderio per un'altra persona. Il concetto di Limerence (in italiano ultrattaccamento) è stato elab...

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

News Letters

0
condivisioni