Pubblicità

Vittime dimenticate di violenza

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 623 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Chi ha una disabilità è più a rischio di subire violenza e maggiormente vulnerabili sono coloro che soffrono di malattie mentali. Lo evidenziano ricercatori della John Moores University di Liverpool in uno studio commissionato dal Dipartimento «Prevenzione della violenza e disabilità» dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e pubblicato di recente sulla rivista scientifica The Lancet. Gli autori hanno passato in rassegna 26 ricerche che negli ultimi 20 anni hanno coinvolto circa 21mila adulti con disabilità di diversi Paesi del mondo: Regno Unito, Stati Uniti, Australia, Canada, Nuova Zelanda, Taiwan e Sud Africa.
LIMITI DELLO STUDIO - «Circa il 3% degli intervistati ha dichiarato di essere stato vittima negli ultimi 12 mesi di episodi di violenza, ma la percentuale sale quasi al 24% quando si tratta di persone con disabilità intellettiva - riferisce Mark Bellis, coordinatore del team di ricercatori -. Secondo il nostro studio, si tratta di un problema molto diffuso ma ancora sottostimato». «Mancano dati certi anche perché la violenza nella maggior parte di casi avviene in ambienti familiari o di cura - commenta Giampiero Griffo rappresentante italiano dell’Edf, l’European Disability Forum -.

 

Tratto da: "corriere.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

 

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

News Letters

0
condivisioni