Pubblicità

Vivere per sempre, e poi?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 535 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sopravvivere abbastanza a lungo da vivere per sempre. Questo il sogno, solo apparentemente ingenuo, che informa la vita di Ray Kurtzweil, brillante inventore di lettori computerizzati per non vedenti, vate delle nanotecnologie e autore di libri futuristici. Quindici anni fa ha predetto l’avvento di una rete computerizzata mondiale accessibile a tutti; adesso dipinge un prossimo futuro in cui l’uomo vincerà le malattie e la morte, attraverso tre punti di forza, tre “ponti”, come li definisce: un tenore di vita salutista, l’ingegneria genetica e le nanotecnologie. Ray Kurtzweil ha intenzione di non mancare all’appuntamento.

In attesa dell’avvento dell’immortalità (una ventina d’anni il tempo previsto), Kurtzweil si adopera per mantenersi vivo e in buona salute: tè verde, dosi industriali di integratori vitaminici e una dieta rigorosamente priva di grassi saturi, la stessa che gli ha permesso di superare la sua condizione di diabetico senza fare ricorso all’insulina. E uno stile di vita prudente: ci mancherebbe altro di perdere la vita alla vigilia della scoperta dell’immortalità, per qualche banale incidente dovuto a semplice disattenzione.

La sua visione del futuro è ottimista in modo disarmante. Il progresso tecnologico, osserva Kurtzweil, procede con velocità esponenziale, le conoscenze si raddoppiano di anno in anno e presto saremo in grado di controllare e modellare le stesse caratteristiche genetiche umane, tanto da emancipare l’umanità dalle pressioni selettive dell’evoluzione. Con meticolose proiezioni Kurtzweil descrive un futuro in cui minuscoli robot delle dimensioni di una cellula, che egli chiama “nanobots”, potranno pattugliare l’interno del nostro corpo riparando i guasti del tempo e delle malattie, ricostruendo tessuti lesionati, ripulendo il sangue da inquinanti e infezioni, restaurando ossa, neuroni e muscoli deteriorati.

Kurtzweil respinge l’idea dell’uomo come semplicemente un’altra specie animale, soggetta alle leggi naturali. I geni non sono per lui che piccoli programmi di software che possono essere riscritti; la ricerca è sull’orlo di scoperte che porteranno a eliminare quei geni che causano malattie congenite e a poterne inserire altri capaci persino di bloccare il processo di invecchiamento e dare all’uomo l’immortalità. “L’evoluzione biologica ha ceduto il testimone del progresso allo sviluppo culturale e tecnologico dell’uomo”, afferma, sorbendo litri di tè verde e ingoiando vitamine.



Tratto da Yahoo! Salute - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Adaptive Information Processin…

Secondo questo modello, per conferire senso agli stimoli in entrata, le nuove esperienze vengono assimilate all’interno di preesistenti network mnestici. &nb...

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

News Letters

0
condivisioni