Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

What happens in the brain when we remember our own past?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 224 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Researchers are using functional magnetic resonance imaging (fMRI) to probe brain activity in search of the answer. According to a new fMRI study using a "diary" method to collect memories, it all depends on what we're thinking about! Researchers have known for decades that thinking about autobiographical facts is different from thinking about autobiographical episodes that happened only once. Since both kinds of thoughts can occur at the same time when people talk about their past, researchers have struggled to find an effective way to separate them.

The new study, published in the current issue of the Journal of Cognitive Neuroscience (16:9), is the first brain imaging study of its kind to use diary-like memories collected by volunteers. It was led by The Rotman Research Institute at Baycrest Centre for Geriatric Care.

Over a period of several months prior to the brain scan, volunteers documented dozens of unique events from their personal lives on a micro cassette recorder (episodic memories). At the same time, they recorded statements about personal facts of their lives (semantic memories). The researchers played these recordings back to the volunteers while their brains were being scanned with fMRI.

The results showed that the two types of autobiographical memory engaged different parts of the brain, even when the memories concerned the same contents. For example, the semantic thought "Every Friday afternoon I take the dog for a long walk" produced brain activity in one set of regions, whereas the episodic thought "One Friday afternoon my dog got away and I spent 45 minutes running after him" produced brain activity in a different set of regions.

Tratto da EurekAlert - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Arredare lo studio di uno psic…

Arredare lo studio di uno psicologo è un impegno importante ai fini della futura professione. Una nuova ricerca, infatti, dimostra che le persone giudicano la q...

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Le parole della Psicologia

Innamoramento

Nell'uomo, è una pulsione che provoca una varietà di sentimenti e di comportamenti caratterizzati dal forte coinvolgimento emotivo verso un'altra persona, che, ...

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Acalculia

L'acalculia è un difetto a effettuare il calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale l...

News Letters

0
condivisioni