Pubblicità

What happens in the brain when we remember our own past?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 256 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Researchers are using functional magnetic resonance imaging (fMRI) to probe brain activity in search of the answer. According to a new fMRI study using a "diary" method to collect memories, it all depends on what we're thinking about! Researchers have known for decades that thinking about autobiographical facts is different from thinking about autobiographical episodes that happened only once. Since both kinds of thoughts can occur at the same time when people talk about their past, researchers have struggled to find an effective way to separate them.

The new study, published in the current issue of the Journal of Cognitive Neuroscience (16:9), is the first brain imaging study of its kind to use diary-like memories collected by volunteers. It was led by The Rotman Research Institute at Baycrest Centre for Geriatric Care.

Over a period of several months prior to the brain scan, volunteers documented dozens of unique events from their personal lives on a micro cassette recorder (episodic memories). At the same time, they recorded statements about personal facts of their lives (semantic memories). The researchers played these recordings back to the volunteers while their brains were being scanned with fMRI.

The results showed that the two types of autobiographical memory engaged different parts of the brain, even when the memories concerned the same contents. For example, the semantic thought "Every Friday afternoon I take the dog for a long walk" produced brain activity in one set of regions, whereas the episodic thought "One Friday afternoon my dog got away and I spent 45 minutes running after him" produced brain activity in a different set of regions.

Tratto da EurekAlert - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Alloplastica

tendenza mentale a trasformare l'ambiente ed il prossimo. È un effetto della condotta che consiste in modificazioni esterne al soggetto, in opposizione a mod...

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

Facies

Il termine latino Facies si riferisce all’espressività ed alla mimica facciali, nonché alla mobilità dei muscoli pellicciai. In semeiotica medica, il termine s...

News Letters

0
condivisioni