Pubblicità

"Why We Work?", il libro dello psicologo Barry Schwartz spiega il motivo per cui abbiamo bisogno di lavorare (oltre ai soldi)

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 884 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

n LAVORO large570"Perché lavoriamo? Perché ci costringiamo a balzare fuori dal letto ogni mattina invece di vivere una vita ricca di piaceri e avventure? Che domanda stupida. Lavoriamo perché dobbiamo vivere. Ma è solo questo? Ovviamente, no". Barry Schwartz è uno psicologo americano, editorialista del New York Times e autore di diversi libri. Nella sua ultima opera, "Why We Work?", recensita anche dal TIME e dal The Atlantic, ha affrontato uno dei temi più attuali e controversi: il lavoro, o meglio il suo impatto sulla nostra vita.

Lavoriamo per guadagnare, questo è certo. Ma, secondo lo psicologo, c'è qualcosa di più dietro all'odio-amore verso la nostra professione. Il sito Quartz ha riportato un estratto del testo: "Quando chiedi alle persone se sono soddisfatte del lavoro che fanno o il motivo per cui hanno scelto proprio quel mestiere, non nominano quasi mai i soldi. La lista di motivi non finanziari che la gente tira fuori per giustificare il proprio lavoro è lunga e convincente". Qual è, dunque, oltre ai soldi, la vera ragione per cui lavoriamo?

 

Tratto da huffingtonpost.it - prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Articolo 11 - il Codice Deonto…

con l'art.11 proseguiamo su Psiconline.it, anche questa settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parm...

Le parole della Psicologia

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

Pensiero

I disturbi della forma e i disturbi del contenuto del pensiero Il pensiero è la funzione psichica complessa che permette la valutazione della realt&agra...

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

News Letters

0
condivisioni