Pubblicità

"Why We Work?", il libro dello psicologo Barry Schwartz spiega il motivo per cui abbiamo bisogno di lavorare (oltre ai soldi)

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 848 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

n LAVORO large570"Perché lavoriamo? Perché ci costringiamo a balzare fuori dal letto ogni mattina invece di vivere una vita ricca di piaceri e avventure? Che domanda stupida. Lavoriamo perché dobbiamo vivere. Ma è solo questo? Ovviamente, no". Barry Schwartz è uno psicologo americano, editorialista del New York Times e autore di diversi libri. Nella sua ultima opera, "Why We Work?", recensita anche dal TIME e dal The Atlantic, ha affrontato uno dei temi più attuali e controversi: il lavoro, o meglio il suo impatto sulla nostra vita.

Lavoriamo per guadagnare, questo è certo. Ma, secondo lo psicologo, c'è qualcosa di più dietro all'odio-amore verso la nostra professione. Il sito Quartz ha riportato un estratto del testo: "Quando chiedi alle persone se sono soddisfatte del lavoro che fanno o il motivo per cui hanno scelto proprio quel mestiere, non nominano quasi mai i soldi. La lista di motivi non finanziari che la gente tira fuori per giustificare il proprio lavoro è lunga e convincente". Qual è, dunque, oltre ai soldi, la vera ragione per cui lavoriamo?

 

Tratto da huffingtonpost.it - prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Ricerche e Contributi

I test psicologici

Una rassegna dei principali Test psicologici disponibili in Italia. Ovviamente non ci sono tutti i reattivi ma abbiamo cercato di selezionare i principali o quelli maggiormente utilizzati. Tecniche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

Archetipo

“La nostra psiche è costituita in armonia con la struttura dell'universo, e ciò che accade nel macrocosmo accade egualmente negli infinitesimi e più soggettivi ...

News Letters

0
condivisioni