Pubblicità

I blog di Psiconline

Parliamo di Psicologia insieme ai nostri amici online...

ATTENZIONE: Per poter votare i post presenti o per lasciare un commento è necessario prima registrarsi oppure effettuare il login (puoi farlo cliccando sul lucchetto nella barra che segue). E' anche possibile accedere con il proprio account Facebook.

Aperti per ferie … in azione

aperti per ferie in azioneCome interessare dei bambini e dei ragazzi ad andare a scuola nei mesi di luglio e agosto?

Nel post precedente discutevo della proposta del Ministro Giannini circa la possibilità di tenere le scuole aperte nei mesi estivi con l’obiettivo di contrastare la dispersione durante l’anno scolastico, facendo delle proposte  formative “altre” che facciano “affezionare” gli alunni alla scuola … gli alunni che non vanno in vacanza e possono così sperimentare un rapporto a scuola e con la scuola.

Continua a leggere
  1270 Visite
1270 Visite

Aperti per ferie

aperti per ferieFa discutere la proposta del Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini di accorciare le vacanze estive della scuola. Forse a preoccupare è soprattutto il fatto che il Governo finora ha preso le sue idee talmente sul serio, da portare avanti una riforma contro il parere e il volere della stragrande maggioranza del mondo scolastico.

Ma qual è la proposta? Ridurre le vacanze estive a un mese per andare incontro ad una petizione di genitori.

I problemi che si pongono a mio avviso sono due:

  1. Il fattore climatico: in alcune regioni soprattutto del sud già a inizio giugno fa caldissimo e diventa molto difficile stare chiusi in un’aula scolastica per 5 o 6 ore al giorno.
  2. Il fattore organizzativo: è difficile organizzare il servizio scolastico in maniera ordinaria quando i docenti sono impegnati a gestire scrutini ed esami e, gli insegnanti delle superiori anche le verifiche dei debiti formativi.
Continua a leggere
  2233 Visite
2233 Visite

Non è solo un gioco: i “segni” del bullismo negli attori attivi

bullismo attivoNel post precedente sottolineavo come le conseguenze del bullismo sono determinanti per la qualità della vita della vittima, anche il bullo e i suoi sostenitori non sono esenti da conseguenze nella loro vita futura. In quest’ultimo post i soffermerò proprio sulle motivazioni e sulle conseguenze per gli attori attivi, cioè coloro che praticano atti di bullismo ai danni dei coetanei.

Cominciamo dai bulli, che spesso si sentono trascurati, non visti o peggio, sono maltrattati in famiglia. Appartengono infatti a famiglie “distratte” o distanti che talvolta sminuiscono la portata del fenomeno, affermando che in realtà è solo un gioco. In taluni casi la violenza fa parte del vissuto dei ragazzi, per loro è normale comportarsi così, fa parte del loro vissuto quotidiano, in altri casi è l’unico modo per farsi notare. Imparano le “regole del gioco” e in poco tempo riescono a ottenere quello che vogliono: prestigio, e potere nel gruppo. Col tempo, il perpetrarsi di tali sensazioni può indurli a continuare ad adottare tali condotte aggressive fino a manifestare difficoltà relazionali, disturbi della condotta per incapacità di rispettare le regole che possono portare, nel lungo periodo, a veri e propri comportamenti antisociali e devianti o ad agire comportamenti aggressivi e violenti in famiglia e sul lavoro.

Continua a leggere
  3766 Visite
3766 Visite

Vorrei nascondermi o scappare: i “segni” del bullismo nella vittima

nascondermi o scappareIl bullismo nella vittima, ma anche nel carnefice lascia segni visibili anche molti anni dopo e segna in maniera permanente l’esistenza di chi lo vive sulla sua pelle.[1]

Continuando il discorso intrapreso nelle settimane precedenti vediamo quali sono le conseguenze degli atti di bullismo protratti nel tempo, ricordando che purtroppo non risparmiano nessuno: né la vittima, né il bullo né il suo pubblico.

Continua a leggere
  3574 Visite
3574 Visite

Se ti “posto” ti cancello … la vita sociale: cyberbullismo e dintorni

cyberbullismo e dintorniFino a qualche tempo fa il bullismo, pur essendo un fenomeno frequente, non aveva assunto le dimensioni odierne. La grande diffusione di tele fenomeno sta infatti assumendo dimensioni “planetarie” che però si riflettono nel microcosmo privato della vittima di tali atti, che sono  amplificati dalla rete. Nel cyberbullismo, infatti, vengono a mancare riferimenti spazio – temporali, quindi la presa in giro avviene non solo “in presenza” ma continua da ogni luogo (da casa o da qualsiasi altro luogo) e in ogni ora del giorno e della notte, in quanto con lo smatphone (che consentono un continuo accesso a internet) si è sempre connessi: social network, chat, blog, forum i vari sistemi di messaggistica istantanea diventano l’ambiente diffuso in cui si intreccia al vita reale e quella virtuale. In molti casi la vittima, scelta a scuola, viene isolata attraverso la rete. 

Continua a leggere
  3110 Visite
3110 Visite

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Disturbi di Personalità

Con il termine Personalità si intende l'insieme dei comportamenti di un individuo, il suo modo di percepire se stesso, gli altri e la realtà, il modo di reagire...

Lallazione

Indica quella fase di sviluppo del linguaggio infantile, che comincia all’incirca intorno al quarto-quinto mese di vita, e che consiste nell’emissione di suoni...

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la ge...

News Letters