Pubblicità

Psicologi a scuola

0
condivisioni

Emergenza dispersione

Emergenza dispersione

Lo scopo della scuola è quello di
trasformare gli specchi in finestre.
(Sydney J. Harris)

Dopo una lunga pausa riprende il blog Psicologi a scuola.

Nel rilanciare il blog ho quindi pensato un taglio più operativo, con schede scaricabili e utilizzabili. Ho pensato infatti di rendere disponibile per i lettori un percorso strutturato sul metodo di studio che, congiuntamente all'aspetto emotivo, rappresentano a mio avviso una concreta possibilità per promuovere l'inclusione e contrastare la dispersione.

Dopo il primo articolo di presentazione del contesto e delle motivazioni che mi hanno spinto a dare questo taglio, i post successivi saranno quindi corredati di schede scaricabili e utilizzabili in classe.

È indubitabile, infatti, che la situazione di pandemia prolungata ha creato una “disaffezione” alla scuola e, quelle che ne sono maggiormente colpite, sono soprattutto le fasce deboli e in svantaggio socio-culturale. Ciò ha provocato una mancanza di interesse e motivazione nel continuare a frequentare la scuola, soprattutto nelle fasce adolescenziali.

Le restrizioni alla vita sociale in generale e alla vita scolastica in particolare, insieme alla tempesta mediatica, hanno generato una pandemia di aggressività, una pandemia di evitamento e una pandemia di regressione (Zac de Filc, 2020) favorendo una disorganizzazione delle routine che strutturano la vita familiare e lavorativa.

Pubblicità

Oltre al rischi di appiattimento sulle richieste cognitive, la disparità di connettività e di uno adeguato delle TIC hanno determinato una situazione molto difficile, tanto dal punto di vista cognitivo, tanto da quello emotivo. Tali affermazioni sono suffragate da dati statistici: il report Istat 2021 riporta i dati relativi agli spazi in casa e le dotazioni informatiche di cui hanno potuto usufruire gli studenti durante l’emergenza Covid-19. Tali dati evidenziano forti differenze territoriali e di classe sociale per quanto riguarda le dotazioni informatiche dei ragazzi. Prima della crisi pandemica, negli anni 2018-2019, il 12,3% dei ragazzi tra 6 e 17 anni (850 mila) non aveva un computer o un tablet a casa e la quota raggiunge quasi un quinto nel Mezzogiorno (Cascioli, R., 2021)  Tale disparità, con la fase pandemica, ha incrementato maggiormente il fenomeno della dispersione scolastica (Di Frangia, D. 2021). Il tema della dispersione scolastica è conseguenza più complessa di un fenomeno sociale legato a molteplici altri fattori che lo determinano, come ad esempio “la situazione socio-economica della persona, il background formativo della famiglia, i fattori di attrazione del mercato del lavoro, il rapporto con la scuola e con i programmi educativi offerti, le caratteristiche individuali e caratteriali della persona” (Cascioli, R., 2021). Per "Save the Children" la pandemia e le crisi climatiche sono tra le cause principali dell'abbandono scolastico. In Italia, la dispersione è al 23%, questo significa a conti fatti, che 1 studente su 5 viaggia sulla strade della dispersione scolastica (Milano, R., 2021).

In Italia, a settembre 2021 per l’avvio del nuovo anno scolastico, è stato pubblicato un Vademecum di WeWorld, realizzato insieme da Alberto Pellai (medico e psicoterapeuta), per sostenere chi doveva affrontare il rientro a scuola “portando sui banchi molte nuove fragilità” (Pellai, A., 2021).

La pandemia ha cambiato, dunque, il volto della scuola che sempre più deve essere attenta ad ascoltare le emozioni, avvalendosi anche del supporto di esperti. Se le emozioni restano incomprese o peggio ancora non ascoltate nel contesto scolastico, cosa succede? Provare emozioni, è quello che spesso vogliono la maggior parte delle persone, ma non saperle riconoscere è la triste conseguenza di non sfruttarle come punti di forza nelle relazioni sociali e di conseguenza nell’imparare a favorire l’apprendimento durante il percorso scolastico. Amalia Torres, riprende l’affermazione di Marc Brackett  (fondatore e direttore del Centro per l’Intelligenza Emozionale dell’Università di Yale): «Cuando tienes sentimientos desagradables, aprender es casi biologicamente imposibile» (Torres, A., 2021).

Un intervento che intenda essere di supporto a scuola deve quindi, necessariamente, guardare tanto l’espetto cognitivo, quanto quello emotivo.

In questa prospettiva ho pensato di proporre in ogni post uno strumento operativo che, con la guida di uno psicologo a scuola, può essere utile nella prospettiva di rendere ciascuno studente consapevole di come affronta lo studio. Il percorso assume ora un significato più pregnante, in quanto pone ciascuno in grado di “farcela”. Un percorso dunque motivante per docenti e studenti nella prospettiva dell’inclusione e della lotta alla dispersione scolastica.

Sta a noi dunque verificare se attraverso un intervento sul metodo di studio sia possibile motivare gli alunni all’apprendimento potenziando contemporaneamente l’autostima.

In maniera costruttiva e operativa vi aspetto dunque al prossimo post…

 

Bibliografia

 

 

Pubblicità

 

 

 

 

Consapevolezza emotiva e strategie di apprendiment...
L'Uovo Magico: finali alternativi
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Ecofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata di rimanere da soli nella propria casa Una paura comune a molti che spesso si associa ad altre...

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la ge...

Disturbo schizotipico di perso…

Disturbo di personalità  caratterizzato da  isolamento sociale, comportamento insolito e bizzarro,  “stranezze del pensiero.” Il Disturbo schizo...

News Letters

0
condivisioni