Pubblicità

Psicologi a scuola

0
condivisioni

I B.E.S. questi conosciuti: le “Parole per dirlo” (2)

bes le parole per dirloNon giudicare sbagliato ciò che non conosci, cogli l’occasione per comprendere
(Pablo Picasso)

Come anticipato nel post precedente[1], qui di seguito viene presentato un rapido inquadramento delle tipologie di B.E.S. più frequenti nella scuola… Un elenco necessariamente sintetico  (ciascuna voce richiederebbe un approfondimento a sé stante) delle situazioni cliniche più diffuse a scuola, che rientrano nei B.E.S., per le quali una diagnosi clinica ben fatta può essere un utile stumento per aiutare i docenti a personalizzare il processo di apprendimento:

  • ADHD[2]: (Attention-Deficit/Hyperactivity Disorder), corrispondente all’ acronimo italiano di D.D.A.I.,  sigla per sindrome da deficit di attenzione e iperattività, è un disturbo dello sviluppo neurologico caratterizzato da alterazioni della crescita e dello sviluppo del cervello o del sistema nervoso. Tale disturbo è caratterizzato da inattenzione, impulsività e iperattività motoria che rende difficoltoso e in alcuni casi impedisce il normale sviluppo, l'integrazione e l'adattamento sociale di bambini, adolescenti ed adulti. Per questi bambini è auspicabile la stesura del P.D.P.
  • DSA[3]: Disturbi Specifici dell’Apprendimento (Dislessia, Disgrafia, Disortografia, Discalculia). Definiti anche con la sigla F81 nella Classificazione Internazionale ICD-10 dell'Organizzazione mondiale della sanità e compresi nel DSM-IV americano. In Italia sono tutelati dalla legge 8 ottobre 2010, n. 170: "Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico" pubblicata sulla G. U. n. 244 del 18 ottobre 2010.Sono caratterizzati da:
    • Funzionamento intellettivo nella norma.
    • Almeno 2 prove diagnostiche con valori sotto le -2 DS
    • Funzionamento scolastico deficitario

Il DSM 5 annulla la differenziazione tra i disturbi (Dislessia, Disgrafia, Disortografia, Discalculia) sostituiti da una unica categoria diagnostica: “Disturbo specifico dell’apprendimento”. Alla definizione unica sono stati affiancati degli “specificatori” e per ciascuno di essi sono menzionate le capacità deficitarie con riferimento alla lettura, al calcolo e al linguaggio scritto. Chi effettua la diagnosi secondo il DSM 5 deve indicare anche la gravità della disfunzione distinte in lieve, moderata e severa. Per questi bambini è  obbligatoria la stesura del P.D.P. ai sensi della legge 170/2010.

  • F.I.L.: Funzionamento Intellettivo Limite. Sono così definiti quegli alunni che non rientrano nei Disturbi Specifici di Apprendimento né nella categoria della disabilità intellettiva e non necessariamente in quella dello svantaggio socio-culturale e linguistico. Si tratta di una specie di “limbo” tra normalità e ritardo mentale in bambini che presentano potenzialità cognitive ai limiti della norma, che nei test di intelligenza, ottengono un Quoziente Intellettivo globale (QI) compreso tra 71 e 84. I bambini con F.I.L.  mostrano una minore capacità di rispondere agli stimoli ambientali, cioè di assumere comportamenti adeguati al contesto; in questo senso, possiamo definire il FIL come una limitazione del “funzionamento adattivo” dell’individuo. I bambini che si trovano in questa “zona d’ombra cognitiva” manifestano difficoltà nell’apprendimento come conseguenza del potenziale intellettivo non ottimale. Se il ritardo maturativo non è certificato ai sensi della legge 104/92, gli alunni con FIL non hanno diritto all’insegnante di sostegno e sono affidati esclusivamente alla responsabilità e alla competenza degli insegnanti curriculari, rientrando nella normativa sui B.E.S. Come già scrivevo in un post precedente[4] sono i più penalizzati dalla normativa. In mancanza di P.E.I. per questi bambini è auspicabile la stesura del P.D.P.
  • MS: Il Mutismo Selettivo colpisce prevalentemente i bambini, caratterizzato dall’incapacità di parlare in alcuni contesti sociali, nonostante lo sviluppo e la comprensione del linguaggio siano nella norma. Il MS non è un fenomeno dovuto a qualche disfunzione organica o ad un’incapacità correlata allo sviluppo, ma è un atteggiamento di risposta ad un forte stato emotivo legato all’ansia. Nonostante vogliano farlo, i bambini muto selettivi NON riescono a parlare fuori casa o in presenza di estranei, si bloccano, e ciò avviene in particolare in luoghi pubblici o nei contesti sociali più ansiogeni come, ad esempio, l’asilo o la scuola. Al contrario di quanto avviene in tali contesti, i bambini muto selettivi a casa, negli ambienti familiari e con le persone con cui si sentono a loro agio, si esprimono normalmente e a volte sono dei grandi chiacchieroni[5]. Compreso già nel DSM IV nel quale al concetto di rifiuto si sostituisce quello di incapacità di parlare, nel DSM V il mutismo selettivo è stato finalmente inserito nei Disturbi d’ansia. Per questi bambini è auspicabile la stesura di un P.D.P. che contenga misure compensative adeguate a placare il loro altissimo livello di ansia.

Concluderemo nel prossimo post l’approfondimento sui B.E.S., in cui ci soffermeremo sui gruppi di lavoro che promuovono la diffusione di una cultura inclusiva.

 


[1] Improta, A. (2017). I B.E.S. questi conosciuti: le “Parole per dirlo” (1). Post del 20 giugno 2017 sul Blog Psicologi a scuola.

[2] Sroubek, A., Kelly, M. & Li, X. (2013). Inattentiveness in attention-deficit/hyperactivity disorder. In Neuroscience Bulletin, vol. 29, nº 1.

[3] Per approfondimenti  vedi i post su questo blog:

  • I D.S.A.: Divertirsi Sapendo Apprendere© (4) 21 Marzo 2016.   
  • I D.S.A.: Divertirsi Sapendo Apprendere© (3)14 Marzo 2016.   
  • I D.S.A.: Divertirsi Sapendo Apprendere© (2) 07 Marzo 2016.   
  • I D.S.A.: Divertirsi Sapendo Apprendere 22 Febbraio 2016.   
  • Giovanni non sa leggere!?! Un problema politico? 15 Febbraio 2016.   
  • Giovanni non sa leggere? Il problema della diagnosi. 8 Febbraio 2016.   
  • I Disturbi Specifici dell’Apprendimento: conosciamoli un po’ meglio 1 Febbraio 2016.   
  • Giovanni non sa leggere!?! (2) Introduzione ai Disturbi Specifici dell’Apprendimento  18 Gennaio 2016.   
  • Giovanni non sa leggere!?! (1) Introduzione ai Disturbi Specifici dell’Apprendimento  11 Gennaio 2016. 

[4] Improta, A. (2017). Luci ed ombre della normativa sui BES. Post del 24/04/2017 sul Blog Psicologi a scuola.

[5] https://www.aimuse.it/cose-il-mutismo-selettivo/
https://www.millaonlus.it/
https://www.studiosmail.it/mutismo-selettivo/  

 

 

 

Pubblicità

 

 

 

Charlie Gard e l'infanzia negata
Una lunga estate calda tra fuochi e cenere, tra pl...
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Richiesta di sessione di terap…

Daniele C., 24 anni     Ciao, sono un ragazzo di 24. Ho dei problemi a gestire rabbia e nervosismo e la cosa ha un effetto negativo su di me e ...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Psicoterapia

La psicoterapia è una forma d’intervento terapeutico nei confronti di disturbi emotivi, comportamentali, ecc., condotto con tecniche psicologiche. La Psicote...

Isteria

L'isteria è una sindrome psiconevrotica, caratterizzata da manifestazioni somatiche e psichiche, che insorgono generalmente sulla base di una personalità isteri...

Schema corporeo

  Il termine schema corporeo definisce una rappresentazione cognitiva inconsapevole della posizione e dell'estensione del corpo nello spazio e dell'organi...

News Letters

0
condivisioni