Pubblicità

Psicologi a scuola

0
condivisioni

I Disturbi Specifici dell’Apprendimento: conosciamoli un po’ meglio

dsaNei due articoli precedenti ho introdotto il discorso sui Disturbi Specifici di Apprendimento (D.S.A.) allo scopo di cominciare a ragionare intorno a un’importante tematica che attraversa il mondo della scuola ma anche tante famiglie. Da questa settimana vorrei invece approfondire il discorso anche con approfondimenti teorici per allargare la conoscenza nei confronti di tale tematica anche per i non addetti ai lavori, che tuttavia quotidianamente sono in contatto con tale problematica.

Come anticipavo negli articoli precedenti, in linea con le indicazioni della Consensus Conference (2011)[1] per la diagnosi definitiva di D.S.A., le prestazioni dello studente devono risultare significativamente al di sotto di quanto previsto in base all'età, all'istruzione, e al livello di intelligenza. Questi bambini non presentano, quindi, problemi di carattere neurologico o sensoriale o comunque derivanti da condizioni di svantaggio sociale. Poiché tali difficoltà si manifestano in studenti dotati di Q.I. nella norma, spesso esse vengono attribuite ad altri fattori: negligenza, scarso impegno o interesse. Questo può comportare ricadute a livello personale, quali ridotta autostima, depressione o comportamenti oppositivi, che possono determinare un abbandono scolastico o una scelta di basso profilo rispetto alle potenzialità. Demoralizzazione, scarsa autostima, e deficit nelle capacità sociali anche in età adulta sono dunque spesso associati ai DSA, se questi non vengono riconosciuti e adeguatamente trattati, con conseguente abbandono scolastico e difficoltà di adattamento.

Le evidenze scientifiche attuali dimostrano infatti che i vissuti di inadeguatezza e di incomprensione da parte del contesto spingono tali studenti a disinvestire l’apprendimento scolastico in quanto ritenuto poco gratificante. Nonostante la normativa vigente protegga tale categoria di studenti, il rischio maggiore al quale essi sono esposti è che i contesti educativi non attuino quelle strategie di supporto necessarie. Tali strategie risultano indispensabili affinché anche gli studenti con disturbi dell’apprendimento possano raggiungere il successo formativo che sarebbe garantito in un ambiente didattico attento ai loro bisogni educativi.

Diventa, infatti, sempre più chiaro che è necessario valutare e porre attenzione alla complessa interazione  di fattori comportamentali, relazionali,  motivazionali, psicosociali e ambientali che condizionano la persona. Sul piano operativo, diventa fondamentale favorire una relazione d’aiuto basata su precise strategie, strumenti e principi guida funzionali al  superamento delle difficoltà di adattamento che lo studente presenta e/o nella modificazione di un proprio stile di apprendimento disfunzionale attraverso un preciso lavoro che potenzi il metodo di studio e le strategie meta cognitive, andando contemporaneamente a supportare con un intervento mirato le aree di apprendimento disfunzionali, in relazione alla problematica presentata.

La riflessione continua la prossima settimana …

 


[1] Consensus Conference (2011). Disturbi specifici dell’apprendimento. Roma 6-7 dicembre 2010.

 

 

Medico, psicologo, guaritore
Giovani, Festa, Binge Drinking
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

Negativismo

Con il termine Negativismo si può indicare, in linea generale, un comportamento contrario o opposto, di tipo sia psichico che motorio. ...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

News Letters

0
condivisioni