Pubblicità

Psicologi a scuola

0
condivisioni

Il suono della campanella (quater): star bene insieme a scuola

il suono della campanella quaterSi vive nei rapporti se cresce nelle interazioni1
(Isabel Mansione)

Dopo la pausa estiva riprendo con questo post il blog psicologi a scuola… per il quarto anno consecutivo.

Nello scorso anno ho gettato le basi generali del modello dell’intersoggettivismo relazionale & educazione emozionale, un modello psicopedagogico ed educativo che nasce dalla collaborazione tra Italia e Argentina nell’ambito del Progetto binazionale Educreando. Cercherò ora di tratteggiare riflessioni per l’intervento degli psicologi a scuola, in relazione al loro porsi come catalizzatori di cambiamento, giacché spesso portano una visione “altra” per la promozione del benessere.

In questa prospettiva il ruolo dello psicologo può essere fondamentale per promuovere cambiamento nel modo di porsi del docente in relazione a realtà contestuali diversificate, che impongono una diversa posizione da assumere in classe con gli alunni e sul territorio e con le diverse istituzioni che hanno in carico quelli più problematici, ponendosi come fulcro di un come sistema formativo integrato.

In tale accezione il compito primario della scuola (e quindi degli adulti coinvolti) è quello di accogliere l’alunno come questo si presenta, predisponendo per lui un “ambiente educativo e di apprendimento”, nel quale gli sia possibile instaurare relazioni umane positive in un contesto sociale diverso da quello familiare, con regole e norme non imposte ma condivise e acquisite molto lentamente cominciando via via ad allargare i suoi orizzonti relazionali. Perché è dalla relazione e dalla motivazione che si parte per costruire un qualsiasi intervento PER l’alunno: per promuovere le sue potenzialità e a partire da queste costruire il suo percorso personalizzato, in classe, promuovendone l’inclusione.

La sfida è dunque lavorare per favorire nel docente uno sviluppo della sua soggettività, valorizzando la sua autoconoscenza, auto-accettazione e creatività, favorendo il dibattito, la narrazione e anche le voci dissonanti, allo scopo di costruire un’etica del lavoro di squadra e di rete. Solo attraverso tale percorso è ipotizzabile infatti la costruzione di modalità relazionali collaborative tra adulti, per risolvere tensioni che possono riproporsi nella coppia studente – insegnante. Come ho già scritto altrove2 quello che proponiamo dunque è un’impostazione organizzativa e metodologica dove per il docente è possibile infatti NON lavorare nella scuola, una scuola basata su obiettivi ortopedici e normalizzanti, bensì lavorare PER la scuola, attraverso obiettivi metodologici, che si configurano come incremento di competenza del cliente.

Quanto mai ampi sono gli spazi di intervento per gli psicologi a scuola e attingeremo a piene mani dal modello dell’intersoggettivismo relazionale & educazione emozionale in quanto ricco di stimoli e suffragato da dati di ricerca.

La riflessione continua nel prossimo post…

 

Bibliografia:

  • Carli, R. Paniccia, R.M. (2003). Analisi Della Domanda. Bologna: Il Mulino.
  • Improta, A. (2015). Intervento psicologico per la scuola e metodi narrativi. Strategie per la costruzione dell’intervento. Francavilla al Mare: Psiconline.
  • Improta, A. (2015). La gestione di un modello educativo inclusivo fra le nazioni: si vive di rapporti, si cresce con le interazioni. In blog “Psicologi a scuola” su www.psiconline.it. 09 Novembre 2015.
  • Improta, A. (2015). Si vive di rapporti, si cresce con le interazioni: la cultura e il mito come elementi di inclusione e convivenza civile . In blog “Psicologi a scuola” su www.psiconline.it. 02 Novembre 2015.
  • Improta, A. (2016). Ricomincia la scuola: il ruolo dello psicologo scolastico. In blog Psicologi a scuola. www.psiconline.it. 02 ottobre 2016.
  • Improta, A. (2017). Inclusione e disabilità. Corso di formazione in servizio per docenti nell’ambito del Piano Nazionale Formazione docenti. Rete Digital School: ambito 21. I.S.S. “Carlo Levi”. Portici.
  • Improta, A., I., Mansione, I., Raschia, C., Salzano, A. M., Zuntini, Gladys, G., Carballo, S., Colonna, I., Raiola, M.C. e collaboratori. (2017). “Educreando”. proyecto de extensión: un’esperienza di gemellaggio metodologico per favorire un apprendimento stimolante e significativo tra le scuole della provincia di Buenos Aires in Argentina, e le scuole della provincia di Napoli e Milano. Sezione “Buone Prassi” 11° Convegno Internazionale “La Qualità dell'integrazione scolastica e sociale”. Rimini.
  • Improta, A., Mansione, I. I., Zuntini, L., Cardoso, H., Rasullo Gianelli, C. Colonna, I. e Raiola, M.C. (2015). Si vive di rapporti, si cresce con le interazioni. La gestione di un modello educativo inclusivo fra le nazioni – Report di un’esperienza di collaborazione e ipotesi progettuali. Convegno per la VI edizione della Settimana del benessere psicologico in Campania. Portici, 11/11/2015.
  • Improta, A., Mansione, I. I., Zuntini, L., Cardoso, H., Rasullo Gianelli, C. Colonna, I. e Raiola, M.C. (2015). Si vive di rapporti, si cresce con le interazioni. La cultura e il mito come elementi di inclusione e convivenza civile. Sezione “Buone Prassi” 10° Convegno Internazionale “La Qualità dell'integrazione scolastica e sociale”, Rimini, 13-15 novembre 2015.
  • Mansione, I & Coll. (2016). Caja de herramientas para la educación emocional. Buenos Aires: Noveduc
  • Mansione, I., Improta, A, I., Raschia, C., Salzano, A. M., Zuntini, Gladys, G., Carballo, S., Colonna, I., Raiola, M.C. e collaboratori. (2017). Intersoggettivismo relazionale, ovvero, si vive nei rapporti e si cresce nelle interazioni: una ricerca metodologica tra le scuole della provincia di Buenos Aires in Argentina, e le scuole della provincia di Napoli e Milano. Sezione “Contributi scientifici” 11° Convegno Internazionale “La Qualità dell'integrazione scolastica e sociale”. Rimini.
  • Mansione, I., Zuntini, L., Raschia, C., Gloria, G., Viola, M., Zac, D., Temelini, J. P. & Carballo, S. Talleres de educación emocional para una escuela inclusiva y fotalecedora del deseo de aprender. IUSAM: Buenos Aires.
    Ragone, R. (2014). Mission Tanos. Teggiano (SA).
  • Salvatore, S. & Scotto di Carlo (2006). Intervento psicologico per la scuola. Modelli, metodi, strumenti. Roma: Firera & Liuzzo.

 

Note

   [1] Mansione, I & Coll. (2016). Caja de herramientas para la educación emocional. Buenos Aires: Noveduc

  [2] Improta, A. (2016). Ricomincia la scuola: il ruolo dello psicologo scolastico. In blog Psicologi a scuola. www.psiconline.it. 02 ottobre 2016.

 

 

Pubblicità

 

 

Il cibo della madre: dialogo sull'allattamento con...
Il video in psicologia e gli psicologi in video
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propri...

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. L...

News Letters

0
condivisioni