Pubblicità

Psicologi a scuola

0
condivisioni

La Didattica Metacognitiva come momento di riflessione e condivisione

La Didattica Metacognitiva come momento di riflessione e condivisioneMetacognizione è una parola interessante.
Rimanda a un concetto ancora più interessante,
che riguarda un’attività interessantissima.
 Peccato che sia la parola, sia il concetto, sia l’attività
risultino meno frequentati di quanto dovrebbero.

(Annamaria Testa)[1][2]

Metacognizione significa letteralmente “oltre la cognizione” e sta ad indicare la capacità di “pensare sul pensiero” o meglio di poter riflettere sulle proprie capacità cognitive.

Cesare Cornoldi, definisce la metacognizione come “l’insieme delle attività psichiche che presiedono al funzionamento cognitivo, e più specificatamente distingue tra conoscenza metacognitiva (le idee che un individuo possiede sul proprio funzionamento mentale e che includono le impressioni, le intuizioni, le autopercezioni) e i processi metacognitivi di controllo (tutte le attività cognitive che presiedono a qualsiasi funzionamento cognitivo e che includono la previsione, la valutazione, la pianificazione, il monitoraggio)”[3]

L’auto-riflessività metacognitiva permette agli studenti di riflettere sul proprio processo di apprendimento individuando i pensieri e gli stati mentali che lo sottendono. Attraverso domande mirate (che analizzeremo poi nello specifico quando presenteremo i dati della ricerca) l’alunno acquisisce consapevolezza su “come” apprende e tale consapevolezza può essere molto utile per “dirigere” i propri processi di apprendimento. Con la didattica metacognitiva lo studente acquisisce un atteggiamento attivo e responsabile rispetto all’apprendimento in quanto diventa capace di comprendere e riflettere sulle proprie percezioni,  sensazioni, credenze, sentimenti, disagi, etc. in sintesi suo stato mentale.

Pubblicità

L’allievo “metacognitivo” si propone di creare il proprio bagaglio intellettuale attraverso domande, investigazioni e problemi da risolvere, acquisisce quindi una modalità di approccio volta alla risoluzione del problemi (problem solving) e contemporaneamente  diventa consapevole di quello che fa e di come lo fa.

L’approccio metacognitivo ha quindi un’immediata ricaduta sull’auto percezione e sull’autostima: se sono consapevole di come faccio quello che faccio, posso migliorare il mio approccio allo studio! Se ne beneficia dunque anche la motivazione in quanto allievo “metacognitivo”, essendo consapevole delle  strategie che utilizza, è in grado di individuare quelle più funzionali, economiche e produttive per raggiungere il successo formativo.

Se, la Didattica Metacognitiva è utilizzata come momento di riflessione e condivisione, essa diventa lo strumento per diventare protagonisti “ora” del proprio tempo, condividendo l’esperienza  con il contesto sociale in cui i ragazzi vivono: la scuola e le famiglie!

 

Bibliografia:

 

Note

[1] Il progetto Educreando. Azioni educative e metodologia: La trattazione di ciascuna delle metodologie presentate, in questo e nei post successivi, lungi dall’essere esaustiva, rappresenta una riflessione che ha risvolti molto ampi. Rappresenta infatti un’opportunità di lavoro per gli psicologi che si occupano di ambienti educativi, ma anche una possibilità di riscatto e sviluppo per la scuola e (ambiziosamente) per la società. In questa prospettiva le riflessioni condivise si propongono come  l’apertura su una strumenti e possibilità di intervento da approfondire autonomamente.

[2] Testa, A. Metacognizione: pensare il pensiero – Idee 146

[3] Cornoldi, C. (1995). Metacognizione e apprendimento. Il Mulino: Bologna.

 

 

Pubblicità

 

 

 

Dei delitti e delle colpe: un incontro con Crimina...
Simbologia del suicidio: Fuoco e Vuoto
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senza via di uscita 2 (1572361…

straniero66, 53 Vi ho già scritto in precedenza e ho avuto la vostra risposta “SENZA VIA DI USCITA (1571319488503)”. Continuo a stare male, attualmente io ...

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Area Professionale

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 40 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.40 (pubblicità professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo ...

Le parole della Psicologia

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

Manierismo

Questo termine sta ad indicare un uso dei mezzi espressivi eccessivo e sovraccarico, cioè una mimica, un comportamento ed un linguaggio privi di naturalezza o s...

News Letters

0
condivisioni