Pubblicità

I blog di Psiconline

Parliamo di Psicologia insieme ai nostri amici online...

ATTENZIONE: Per poter votare i post presenti o per lasciare un commento è necessario prima registrarsi oppure effettuare il login (puoi farlo cliccando sul lucchetto nella barra che segue). E' anche possibile accedere con il proprio account Facebook.

Vacanze: un’opportunità per rigenerarsi

vacanzeLa scorsa settimana ho avviato una riflessione sul ruolo che le vacanze hanno nella vita dei nostri studenti. Concludevo l’articolo sfatando un mito: gli studenti italiani vanno a scuola quanto o più di altri studenti europei.

Un discorso diverso sarebbe da fare in relazione alla qualità dell’insegnamento, giacché nelle nostre scuole si assiste ad una distribuzione di buone prassi scolastiche “a macchia di leopardo” con punte di demerito e punte di eccellenza, ma questo è un discorso che ho affrontato in precedenza in questo blog[1]-[2].

Continua a leggere
  1392 Visite
1392 Visite

Le vacanze natalizie: riposo o recupero?

vacanze natalizieIn occasione dell’avvicinarsi delle vacanze natalizie vorrei avviare una riflessione sul senso della vacanza a scuola come opportunità per rigenerarsi.

Molti insegnanti avverseranno quello che leggeranno, in quanto ritengono che in un lungo periodo di vacanza gli studenti perdano la concentrazione e interrompano il ritmo di apprendimento, di qui giù a caricare di compiti gli alunni, allo scopo di rimettersi subito in marcia al rientro dalle vacanze. A mio avviso, da psicologa e insegnante, nulla è più sbagliato in quanto se ci rifacciamo all’etimologia[1] della parola “vacanza” vediamo come il termine derivi da “vacantia” (neutro plurale sostantivato di vacans, participio presente di vacare) il cui significato è essere vuoto, libero.

Continua a leggere
  1331 Visite
1331 Visite

Dulcis in fundo: Lavorare nella scuola o per la scuola?

scuola4Concludiamo questa settimana una lunga analisi condotta tra aspettative e realtà in relazione all’intervento psicologico a scuola. Tale analisi ha un obiettivo: trasformare la “richiesta” di intervento in “domanda” consapevole per distinguere la differenza tra il lavorare nella scuola e il lavorare per la scuola in quanto, come sottolineavo qualche settimana fa, l’utilizzo del “per” la scuola sottende impostazioni teoriche e modelli d’intervento differenti.

Bisogna quindi partire dalla mission affidata alla scuola che nel tempo è cambiata: fino a qualche anno fa il compito della scuola consisteva nel tramandare alle nuove generazioni modelli culturali, sistemi di conoscenze e strumenti simbolici che permettevano agli studenti di entrare a far parte del mondo adulto.

Continua a leggere
  1122 Visite
1122 Visite

Quale psicologia a scuola? Lavorare nella scuola o per la scuola? (3)

psicologia scolasticaLa scorsa settimana ho approfondito il discorso della richiesta che la scuola pone alla psicologia, concludo in questa sede il discorso delle risposte della psicologia alle richieste della scuola.

Sulla scia della stessa ricerca di Foderà e Pighetti utilizzata la scorsa settimana, vedremo quindi ora come gli psicologi intendono il proprio intervento a scuola. In primis analizzeremo quindi gli strumenti utilizzati, tra i quali emerge soprattutto il colloquio, strumento cardine per stabilire una relazione, ma certamente non l’unico.

Continua a leggere
  6342 Visite
6342 Visite

Lo psicologo scolastico nell’immaginario collettivo degli insegnanti. Lavorare nella scuola o per la scuola? (2)

psicologia scolasticaLa scorsa settimana avevo concluso la mia riflessione sulle relazioni che spesso intercorrono tra scuola e psicologo. Ora vorrei approfondire il discorso della domanda di psicologia che pone la scuola, in quanto è molto importante per definire la risposta della psicologia.

La scuola è comunemente ritenuta il trampolino di lancio per ogni operazione di rinnovamento formativo e culturale. Essa si pone come il luogo privilegiato in cui si verificano e si anticipano modelli socio-culturali più vasti, volti a ricercare i modelli più congrui e produttivi per la formazione delle giovani generazioni.  In questa prospettiva l'intervento dello psicologo a scuola sarebbe non solo auspicabile ma addirittura indispensabile se guardiamo alle nuove esigenze di benessere integrale dell'individuo, che scaturisce dall’interazione di diverse competenze specifiche.  Ma cosa maggiormente gli insegnanti richiedono quando si rivolgono ad uno psicologo scolastico?

Continua a leggere
  1978 Visite
1978 Visite

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Cherofobia

Il termine cherofobia deriva dal greco chairo “rallegrarsi” e phobia “paura”. La cherofobia o "edonofobia",  può essere definita come l’avversione patologi...

Controtransfert

“L’idea che il controtransfert rappresenti una creazione congiunta dell’analista e dell’analizzando riflette un movimento verso una concezione dell’analisi come...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attività motoria, che compare spe...

News Letters