Pubblicità

Psicologi a scuola

0
condivisioni

Psicologi a scuola… in concorso

psicologi a scuola in concorso“Gli allievi arrivano tutti a risultati di eccellenza nel confronto internazionale
se le scuole realizzano il massimo d’inclusione.

(Tullio De Mauro)

Cari 25 lettori…

sospendo al momento la narrazione dell’esperienza italo argentina per condividere con voi una notizia che dimostra come il lavoro di qualità prima o poi emerge… Educreando - progetto binazionale Argentina Italia è finalista al Premio Tullio De Mauro[1] organizzato da Fondazione Mondo Digitale Global Junior Challenge.

Il messaggio di Tullio De Mauro posto in apertura non solo è fortemente attuale ma è anche avveniristico ed è ciò a cui dovremmo aspirare per valorizzare la scuola italiana… e in questo il lavoro dello psicologo in ambito scolastico può fare la differenza…

Se ne è discusso, infatti, sia ai due Convegni tenutisi a Portici (NA) e Pioltello (MI) a inizio novembre in occasione della visita in Italia dei partner argentini del progetto, sia al Seminario tenutosi presso l’Ordine degli Psicologi della Campania, il 13 novembre, sia a Rimini dove, nella sessione Contributi scientifici del convegno “La Qualità dell’inclusione scolastica e sociale” sono stati presentati gli ultimi dati di ricerca, sia alla Festa dell’infanzia il 23 e il 24 novembre a Teggiano, dove il contributo degli “psicologi a scuola” ha fatto la differenza...

Come si può vedere la varietà di pubblico presente ai tre eventi (psicologi, insegnanti, genitori, cittadinanza allargata) hanno condiviso l’idea che una scuola inclusiva di qualità  non solo è auspicabile ma anche possibile.

Pubblicità

La promozione di una maggiore consapevolezza “emozionale” da parte dei docenti è quello che stiamo perseguendo nel Corso di formazione “strumenti e strategie di educazione emozionale a scuola” per circa 80 docenti per le scuole coinvolte nel progetto tra Portici (NA) e Pioltello (MI) indica la misura di come gli “psicologi a scuola” possono rendere possibile la promozione di un cambiamento fondato sull’identificazione ricettiva di un adulto responsabile nei confronti di alunni che si trovano in fase evolutiva e in via di sviluppo.

È questo il motivo per cui il fatto che il progetto sia arrivato in finale ci dà la misura della portata del lavoro che possiamo realizzare come psicologi che lavorano “con” e “per” la scuola.

Al Global Junior Challenge 2019 c’è l’incontro tra mondo digitale e scuola inclusiva  “per dare voce a tutti i protagonisti interni ed esterni che la animano. Perché non è solo nelle mura della scuola che si contribuisce alla crescita complessiva di ogni singolo individuo. Questa edizione del GJC è dedicata all’Obiettivo 4 dell’Agenda 2030, un'istruzione di qualità per tutti. Come ottenerla? Iniziamo dal ripensare l’insegnamento a scuola, utilizzando il digitale (e io aggiungerei la consapevolezza emotiva) nel modo giusto, sollecitando il lavoro di squadra e mettendo in rete esperienze di insegnanti e ragazzi … Chiamiamo a raccolta padri, madri, docenti, associazioni, mobilitiamo tutti per la crescita della comunità”.

Per chi ne avesse la possibilità e volesse “toccare con mano” quanto realizzato in questi 6 anni di sperimentazione vi aspettiamo dunque allo stand espositivo l’11 e il 12 dicembre presso Museo Civico di Zoologia e Biblioteche di Roma (Via Aldrovandi 16, Zona Parioli)… aspettando la premiazione che si terrà il 13 dicembre in Campidoglio, con la speranza di vincere… 

 

Note

[1]      Candidatura Dirigente Innovatore: EDUCREANDO: strumenti e strategie di educazione emozionale a scuola
Candidatura Docente Innovatore: EDUCREANDO: uso consapevole delle tecnologie e inclusione attraverso i linguaggi delle emozioni
Candidature progetti GJC 2019: EDUCREANDO - Progetto binazionale Argentina Italia

 

 

Pubblicità

 

 

 

La malattia del tempo - Seneca, Bergson e storie i...
Bettina... tra mamma e papà
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

sindrome di rebecca [159401853…

sindrome FRA, 40anni Ciao sono un uomo di 40 anni sposato da 11 anni e conosco mia moglie da 23 anni in totale quindi una a storia lunga. Un giorno in que...

Angoscia [1593361574931]

alex, 41 anni   Salve, ho bisogno tanto di un supporto psicologico, un mental coach sarebbe l'ideale. Vivo con mia madre da sempre, non ho amici, so...

senso di colpa e dipendenza […

Marco, 30 anni Proverò a essere breve. Mi sono sempre sentito in generale infelice, anche quando le cose mi vanno bene, ho sempre avuto difficoltà nelle r...

Area Professionale

Usi Facebook come professionis…

Facebook è uno strumento molto potente per il professionista ma, contemporaneamente, ha al suo interno molti pericoli che devono essere assolutamente evitati...

Allarme Coronavirus ed operato…

La pandemia per COVID-19 ha causato reazioni diverse, si è potuto osservare tentativi di minimizzare gli effetti di questa problematica e contemporaneamente com...

Il Test del Villaggio nel post…

Il periodo di pandemia collegata al Covid-19 tende progressivamente a ridursi e diventa utile analizzare le reazioni dei pazienti alla somministrazione del Test...

Le parole della Psicologia

Patografia

Ricostruzione delle patologie psichiche di personaggi celebri fondate sulle informazioni biografiche e sull’esame delle loro opere. La patografia è l' “autob...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

News Letters

0
condivisioni