Pubblicità

Psicologi a scuola

0
condivisioni

Ricomincia la scuola: il ruolo dello psicologo scolastico

il ruolo dello psicologo a scuolaLa scuola, per l’importante ruolo che riveste nella vita e nella crescita dei bambini e dei ragazzi, costituisce un osservatorio privilegiato per l’individuazione di eventuali problematiche che vanno al di là delle competenze educative degli insegnanti.

Proprio quando si torna a scuola possono infatti emergere (o riemergere) comportamenti problematici lasciatisi alle spalle durante la pausa estiva, problemi e sintomi che possono essere causati da ansia di prestazione (connessa alle richieste del contesto con ricadute sul rendimento scolastico) o problemi sociali legati ora al contesto ora alla soggettività del singolo studente.

Scarsa autostima, eccessiva timidezza e ritiro sociale o, al contrario comportamenti eccentrici ed egocentrici, “sbruffonerie” fino ad arrivare ad un’aperta aggressività e ad atti bi bullismo sono tutti sintomi di un disagio che può essere di una portata variabile che sta al clinico, allo psicologo scolastico (quando c’è, purtroppo!) valutare.

Va tuttavia sottolineato che spesso “la richiesta di intervento psicologico nella scuola è di natura reattiva: il prototipo è la richiesta di intervento sul caso individuale per cui la scuola chiede allo psicologo di occuparsi del bambino o del ragazzo “problematico”, sulla base del presupposto che tale “problematicità” vada ascritta a variabili “psicologiche”, separate rispetto a quelle proprie del setting insegnamento-apprendimento” (Improta, A., 2015, Intervento psicologico per la scuola e metodi narrativi. Strategie per la costruzione dell’intervento, Francavilla al mare, Edizioni Psiconline). In questo caso l’obiettivo è riportare alla normalità il comportamento giudicato deviante, senza considerare che uno psicologo può fare molto di più: leggere in contesto e favorirne la modifica affinché ciascuno studente possa trovare un ambiente adeguato alle sue esigenza. Con questo non si vuole sminuire la portata di eventuali difficoltà soggettive ma il ruolo dello psicologo scolastico è altro rispetto alla psicoterapia (che va svolta in altre sedi) e non può appiattirsi solo su obiettivi “ortopedici” di questo o quello studente. Da consulente dell’organizzazione lo psicologo scolastico infatti può fare molto, promuovendo lo sviluppo del contesto e di tutti gli attori coinvolti.

Troppo spesso invece si assiste invece ad uno scarica barile, ad uno scambio di deleghe, mal (e purtroppo talvolta mai) accolte dagli attori adulti coinvolti: i genitori e gli insegnanti. Per uscire da tale impasse (e aiutare i nostri bambini e ragazzi a crescere) esiste una parola magica: dialogo!

Dialogo tra i docenti e tra insegnanti e genitori è questa la sfida ma anche l’unica possibilità che presuppone che le figure di riferimento si pongano come adulti competenti in grado di ascoltare, riflettere e eventualmente rivedere le proprie posizioni in vista di un obiettivo più alto: aiutare la crescita dei nostri studenti!

 

 

Agnosia visiva contemporanea
La psicologia delle parole e quella delle azioni
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Marco il Domenica, 02 Dicembre 2018 18:58
Importante

Un ruolo importante spesso sottovalutato o interpretato come lo si vede nei film americani in TV. Anche io ho provato a inserirmi in questo campo, purtroppo con poco successo. Forse in alcune zone sono ancora restii?

0
Un ruolo importante spesso sottovalutato o interpretato come lo si vede nei film americani in TV. Anche io ho provato a inserirmi in questo campo, purtroppo con poco successo. Forse in alcune zone sono ancora restii?
Marco il Domenica, 02 Dicembre 2018 19:00
www.psicologobs.it
0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Pet therapy

Con il termine pet therapy s'intende generalmente, una terapia dolce, basata sull'interazione uomo-animale. Si tratta di una terapia che integra, rafforza e co...

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

News Letters

0
condivisioni