Pubblicità

Psicologi a scuola

0
condivisioni

Ricomincia la scuola: il ruolo dello psicologo scolastico

il ruolo dello psicologo a scuolaLa scuola, per l’importante ruolo che riveste nella vita e nella crescita dei bambini e dei ragazzi, costituisce un osservatorio privilegiato per l’individuazione di eventuali problematiche che vanno al di là delle competenze educative degli insegnanti.

Proprio quando si torna a scuola possono infatti emergere (o riemergere) comportamenti problematici lasciatisi alle spalle durante la pausa estiva, problemi e sintomi che possono essere causati da ansia di prestazione (connessa alle richieste del contesto con ricadute sul rendimento scolastico) o problemi sociali legati ora al contesto ora alla soggettività del singolo studente.

Scarsa autostima, eccessiva timidezza e ritiro sociale o, al contrario comportamenti eccentrici ed egocentrici, “sbruffonerie” fino ad arrivare ad un’aperta aggressività e ad atti bi bullismo sono tutti sintomi di un disagio che può essere di una portata variabile che sta al clinico, allo psicologo scolastico (quando c’è, purtroppo!) valutare.

Va tuttavia sottolineato che spesso “la richiesta di intervento psicologico nella scuola è di natura reattiva: il prototipo è la richiesta di intervento sul caso individuale per cui la scuola chiede allo psicologo di occuparsi del bambino o del ragazzo “problematico”, sulla base del presupposto che tale “problematicità” vada ascritta a variabili “psicologiche”, separate rispetto a quelle proprie del setting insegnamento-apprendimento” (Improta, A., 2015, Intervento psicologico per la scuola e metodi narrativi. Strategie per la costruzione dell’intervento, Francavilla al mare, Edizioni Psiconline). In questo caso l’obiettivo è riportare alla normalità il comportamento giudicato deviante, senza considerare che uno psicologo può fare molto di più: leggere in contesto e favorirne la modifica affinché ciascuno studente possa trovare un ambiente adeguato alle sue esigenza. Con questo non si vuole sminuire la portata di eventuali difficoltà soggettive ma il ruolo dello psicologo scolastico è altro rispetto alla psicoterapia (che va svolta in altre sedi) e non può appiattirsi solo su obiettivi “ortopedici” di questo o quello studente. Da consulente dell’organizzazione lo psicologo scolastico infatti può fare molto, promuovendo lo sviluppo del contesto e di tutti gli attori coinvolti.

Troppo spesso invece si assiste invece ad uno scarica barile, ad uno scambio di deleghe, mal (e purtroppo talvolta mai) accolte dagli attori adulti coinvolti: i genitori e gli insegnanti. Per uscire da tale impasse (e aiutare i nostri bambini e ragazzi a crescere) esiste una parola magica: dialogo!

Dialogo tra i docenti e tra insegnanti e genitori è questa la sfida ma anche l’unica possibilità che presuppone che le figure di riferimento si pongano come adulti competenti in grado di ascoltare, riflettere e eventualmente rivedere le proprie posizioni in vista di un obiettivo più alto: aiutare la crescita dei nostri studenti!

 

 

Agnosia visiva contemporanea
La psicologia delle parole e quella delle azioni
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Marco il Domenica, 02 Dicembre 2018 18:58
Importante

Un ruolo importante spesso sottovalutato o interpretato come lo si vede nei film americani in TV. Anche io ho provato a inserirmi in questo campo, purtroppo con poco successo. Forse in alcune zone sono ancora restii?

0
Un ruolo importante spesso sottovalutato o interpretato come lo si vede nei film americani in TV. Anche io ho provato a inserirmi in questo campo, purtroppo con poco successo. Forse in alcune zone sono ancora restii?
Marco il Domenica, 02 Dicembre 2018 19:00
www.psicologobs.it

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Richiesta di sessione di terap…

Daniele C., 24 anni     Ciao, sono un ragazzo di 24. Ho dei problemi a gestire rabbia e nervosismo e la cosa ha un effetto negativo su di me e ...

Rapporti nonni-nipoti [1619430…

soffice, 42 anni     Gentili dottori, vi chiedo un parere circa l’atteggiamento da tenere verso il padre di mio marito, nonno della nostra bam...

Ho fallito in tutto sono depre…

Alessandro, 62 anni.     Ho 62 anni e sono arrivato ad uno stadio di depressione da cui non vedo possibilità di uscita, sono disperato ormai. ...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

EMDR

L'EMDR è una tecnica UTILIZZATA per il trattamento di diversi tipi di trauma che si basa sulla stimolazione bilaterale. L'EMDR (Eye Movement Desensitization ...

Disturbo Istrionico di Persona…

Disturbo di personalità caratterizzato da intensa emotività e costanti tentativi di ottenere attenzione, approvazione e sostegno altrui, attraverso comportament...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

News Letters

0
condivisioni