Pubblicità

Psicologi a scuola

0
condivisioni

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

Riposo … ma non troppo

riposo a scuolaHo sottolineato nei post precedenti la necessità di non caricare i nostri studenti di un’eccessiva mole di compiti durante le vacanze natalizie … ormai agli sgoccioli.

In realtà due settimane sono proprio il periodo ideale per ricaricarsi, infatti come spiega Giuseppe Di Pellegrino del Centro studi e ricerche in Neuroscienze Cognitive dell’Università di Bologna a Cesena. Insomma, “se il picco degli ormoni del relax avviene dopo 8 giorni di riposo, due settimane «off» potrebbero essere l’ideale per rigenerarsi senza patire troppo il rientro”.1

Ma perché è importante riposare? Perché un periodo di vacanza aiuta a rigenerarsi? Perché le esperienze diversificate fanno bene alle nostre funzioni cognitive ed esecutive, favorendo contemporaneamente lo sviluppo della creatività. Spesso infatti capita che dopo un periodo di vacanza si hanno nuove intuizioni, idee e un rinnovato entusiasmo. Infatti, afferma ancora Di Pellegrino, «L’aumento di creatività è dovuto al fatto che il nostro cervello continua a lavorare, elaborando informazioni attraverso processi che non raggiungono la soglia della coscienza». Quindi la vacanza fa bene a tutti e soprattutto per i più piccoli diventa un’occasione per arricchire il proprio bagaglio di esperienze.

Ma i più grandi? Come pensano gli studenti delle superiori per organizzarsi nello svolgimento dei compiti delle vacanze? È stato svolto un sondaggio online da Skuola.net2  su “Come ti organizzi i compiti sotto le vacanze di Natale?”.

Questi i risultati:

  • mi tolgo il pensiero e li faccio il prima possibile:  15.5%
  • cerco di farli un po' alla volta dividendo il carico in diversi giorni: 51.2%
  • prima penso a rilassarmi e divertirmi: i compiti li farò gli ultimi giorni: 22.1%
  • ma quali compiti? le vacanze sono fatte per riposarsi, non per studiare: 11.3%

Quindi solo una ridotta percentuale pensa di non svolgerli affatto, mentre la maggior parte degli studenti delle secondarie si propongono di rientrare preparati a scuola.

Ma come si fa rientrare a scuola al meglio? Compiti sì o compiti no? Ancora una volta le neuroscienze ci vengono in aiuto, infatti per rendere il rientro meno faticoso, beneficiando al massimo delle vacanze è opportuno mantenere allenate quelle funzioni cognitive utilizzate di consueto, come la capacità di concentrarsi e di passare da un compito all’altro velocemente. A tal proposito Afferma Giuseppe Bertagna, ex ministro della pubblica istruzione, di Bertagna: “Sono contrario ai compiti della tradizione che servono più per espiazione e per disciplinamento, insomma per far capire chi comanda, che per apprendimento. Io sono per i compiti di apprendimento. E li ritengo utilissimi”...

Quindi, per concludere, compiti sì ma solo se significativi e … con moderazione!

 

[1] Panciera, N. (2015). “Riposo, ma non troppo. La vacanza perfetta secondo gli scienziati” Intervista al Giuseppe Di Pellegrino. Milano: La Stampa.

[2] Serena, R. (2012). “Compiti vacanze, dividerli godendosi le feste”. In www.skuola.net

 

 

 

Sensi di colpa
Feedback e autostima
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola faccio f...

Fobie paranoie (1579177546962)

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo t...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55 , 20 anni Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi per il servizio che offrite. Sono una ragazza di 20 anni. Non ho un partner fisso...

Area Professionale

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Le parole della Psicologia

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

News Letters

0
condivisioni