Pubblicità

Psicologi a scuola

0
condivisioni

Tecnologicamente s-bullizzati

tecnologicamente sbullizzatiIl mese della sicurezza in rete è terminato il 21 marzo ma non è mai abbastanza insistere su un tema di tale portata.

Nel post #wearfearless1, la cui traduzione letterale è “indossare meno paura”, alludevo ai danni, sia per il bullo sia per la vittima nelle future relazioni sociali.

Sicuramente per la vittima però è difficile fronteggiare quotidianamente la sfida di essere sbeffeggiati, derisi e presi in giro… tanto è solo un gioco…

Ma non è solo un gioco e può lasciare segni duraturi. Quindi cosa può fare la scuola e, soprattutto, cosa possono fare i tanti psicologi che si trovano a fronteggiare quotidianamente tali problematiche?

Già in precedenza ho affrontato questo argomento2 ma stavolta più che parlarvi di cause e conseguenze voglio parlarvi invece di come la scuola, soprattutto con l’intervento specialistico di psicologi, possa mettere in campo strategie preventive e protettive.

Riferendomi quindi a quanto dicevo nel post del 7 marzo voglio presentarvi un’iniziativa che parte dal peer to peer, l’educazione tra pari, e che può avere una grande importanza per depotenziare gli attacchi e “schierarsi” invece di far parte della maggioranza silenziosa.

Nasce così Tecnologicamente s-bullizzati… una serie inventata da noi. Ma chi sono questi “noi”?

Pubblicità

I ragazzi che hanno partecipato a un progetto PON e che, con la guida di una psicologa hanno avuto modo di fare un lavoro su se stessi, attraverso un l’esplorazione dei propri vissuti, in seguito alla quale hanno poi empaticamente immaginato delle situazioni narrative. Tali storie, attraverso lo storytelling e la scrittura creativa sono poi diventate delle narrazioni visive, dei brevi video, da loro realizzati. Certo sono molto semplici (e anche con qualche errore) ma la questione è che questi ragazzi, soggettivamente coinvolti, difficilmente dimenticheranno quest’esperienza. Nonostante tutte le difficoltà connesse alla particolare situazione storica (il progetto è iniziato in presenza al ridosso dello scoppio della pandemia nel 2020 e si è concluso ora a distanza) è stata un’esperienza soggettivamente trasformativa e, in questa prospettiva rientra nei canoni della ricerca-azione del Modello Educreando© Binazionale, di cui tanto a lungo ho parlato.

Attraverso un uso creativo della tecnologia, usata a supporto della didattica e dell’inclusione è nata quindi “TECNOLOGICAMENTE S-BULLIZATI … una serie inventata da noi” la Campagna divulgativa per la sicurezza in rete e un uso consapevole delle tecnologie. Chi di voi fosse interessato a vedere i prodotti realizzati (preciso molto semplici), allego il programma di uscita che dal 3 maggio vedrà l’uscita in premiere sul canale Youtube di Educreando© Binazionale dei seguenti video:

Non ci resta che augurarvi…. BUONA VISIONE!!!

 

Note:

1 #wearfearless 7 marzo 2021

2 Non è solo un gioco: i “segni” del bullismo negli attori attivi 20 Giugno 2016.
Vorrei nascondermi o scappare: i “segni” del bullismo nella vittima 06 Giugno 2016.
Se ti “posto” ti cancello … la vita sociale: cyberbullismo e dintorni 24 Maggio 2016.
Bulli e cyberbulli nella scuola: caratteristiche e conseguenze 09 Maggio 2016.
Bulli e cyberbulli nella scuola 25 Aprile 2016.

 

 

 

 

 

 

 

Malefica o Benefica: luci e ombre del femminile
Omosessualità e Benedizione
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

La Serotonina

La serotonina (5-HT) è una triptamina, neurotrasmettitore monoaminico sintetizzato nei neuroni serotoninergici nel sistema nervoso centrale, nonché nelle cellul...

Castrazione (complesso di)

Insieme di emozioni, sentimenti e immagini inconsce fissate nell’adulto che non ha superato l’angoscia di castrazione. La riattivazione di questa paura repres...

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

News Letters

0
condivisioni