Pubblicità

Psicologia, Audivisivi, Informazione

0
condivisioni
2 minutes reading time (470 words)

È persuasione o giornalismo?

 persuasione o giornalismoFacciamo finta. Facciamo finta di realizzare un'intervista impossibile e andiamo negli Stati Uniti perché stanno per introdurre una nuova invenzione. L'estate del 1889 si sta avvicinando ed un inventore vuole togliere buoi ed aratro tra i campi per sostituirli con una macchina a vapore.

C'è perplessità, scetticismo ed anche aperta ribellione tra i contadini. Alcuni dicono che quella macchina distruggerà il silenzio dei campi, altri che il mezzo non riuscirà a fare il compito a cui è destinata e, altri ancora, dicono che costerà più di quello che riuscirà a far guadagnare. Ma non finisce qui.

Alcuni medici sottolineano che quell'invenzione farà male alle persone che la useranno perché il rumore arriverà a perforare i timpani e che chi ci sale sopra rischia di cadere, cosa che non potrebbe mai accadere al traino di una buona pariglia di buoi. I giornali si fanno portatori di questa ondata di sdegno e preoccupazione per il nuovo mondo meccanico nell'agricoltura. Beh, sappiamo come è andata a finire.

Nel servizio giornalistico del programma Presa Diretta, a cura di Riccardo Iacona, andato in onda su Rai3 il 15 ottobre scorso, si affronta il tema delle nuove tecnologie e, soprattutto, di smartphone. Senza entrare nel merito dell'esattezza delle affermazioni dei vari personaggi intervistati, voglio farvi notare una delle pratiche più diffuse da parte dei giornalisti che finisce per avere molto peso sulla nostra idea del mondo che ci circonda.

Pubblicità

Mentre si sviluppa l'approfondimento, ci accorgiamo che l'autrice dell'inchiesta sta portando avanti una tesi ben precisa: "gli smartphone e la tecnologia di connessione informatica ci sta danneggiando". Ma appare evidente anche la morale implicita: "dovremmo farne meno uso". Alla fine dell'inchiesta ci accorgiamo che non c'è stata nessuna voce, nessuna presa in considerazione, a favore dell'uso di questa tecnologia. Non solo. Non è stato offerto neanche il parere di qualcuno che avesse semplicemente dei dubbi sulla pericolosità paventata.

Questo modo di fare giornalismo è esattamente quello che si avvicina più alla persuasione che alla conoscenza. Gran parte dell'attuale offerta di informazione è portatrice di una tesi e non consente allo spettatore, all'utente, di formarsi un'opinione propria. Questa è manipolazione dell'informazione. Ma anche manipolazione della coscienza collettiva.

Ecco che appare evidente come ormai manchi una diffusa correttezza dell'informazione che l'attuale prassi giornalistica fatica ad offrire. Più volte ho immaginato che possa esserci spazio all'azione informativa di altre figure professionali. Gli psicologi di solida formazione sono una delle più adatte a questo ruolo sociale. D'altra parte, è proprio la costituzione, all'articolo 21, che afferma: "Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione".

Forse potrebbe essere utile rimboccarci le maniche, perché il benessere della persona, il benessere della collettività, non passa solo dai setting di psicoterapia, ma anche attraverso un ruolo attivo nella società.

 

 

Pubblicità

 

 

 

Generare processi inclusivi: ipotesi di lavoro. La...
I vermi verdi e i vermi bianchi
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Area Professionale

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

Le parole della Psicologia

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

Disforia

Il termine viene utilizzato in psichiatria per indicare un'alterazione dell'umore in senso depressivo, caratterizzato da sentimenti spiacevoli, quali tristezza...

Cinofobia

Il cane è da sempre l’animale più amato dagli esseri umani, ormai è proverbiale la definizione “migliore amico dell’uomo” e in effetti la storia conferma questa...

News Letters

0
condivisioni