Pubblicità

Psicologia, Audivisivi, Informazione

0
condivisioni
2 minutes reading time (478 words)

La beatificazione della meglio gioventù in memoria di Antonio

antonio megalizziDa pochi minuti si è chiusa, nel duomo di Trento, la cerimonia dei funerali di Antonio Megalizzi, il giovane rimasto vittima dell'attentatore di Strasburgo. Scrivere a caldo non consente sempre una puntuale analisi degli avvenimenti, ma qualche impressione la possiamo già registrare. Perché, a sei giorni dalla sua morte ed a nove dall'attentato, abbiamo potuto assistere alla consueta foga mediatica.

Giornali, televisioni, radio e siti web hanno cominciato ad appropriarsi della figura del giovane italiano che, emigrato dalla Calabria al Trentino con la famiglia, era a Strasburgo "a curare con due colleghe la diretta radio della seduta plenaria sulla Brexit" per Euphonia, il network di radio universitarie.

Voleva fare il giornalista e si dava da fare con passione per diventarlo. Soprattutto per il senso di fine ingiusta e di tragica fatalità, ecco che qualcuno pensa bene di appropriarsi del valore simbolico della sua tragica morte.

Il giovane aspirante giornalista diventa, per i giornalisti che fanno la narrazione dell'evento, il giovane "collega" come a sottolineare che "è l'ennesimo ucciso tra le nostre fila".

Forse non è superfluo ricordare che l'attentatore non aveva minimamente l'idea dell'identità e delle occupazioni delle persone a cui sparava, quindi non ha sparato ad un giornalista ma a una persona inerme.

Pubblicità

Non contenti di questa appropriazione de facto, l'Ordine dei Giornalisti gli conferisce l'iscrizione alla memoria all'Albo, con tanto di data simbolica che prosegue lo storytelling opportunista sulla tragica storia. Ma questa corsa all'appropriazione del simbolo non si limita ai giornalisti. A Reggio Calabria, città da cui la famiglia Megalizzi era andata via, si annuncia che verrà istituito un premio giornalistico alla memoria di Antonio; il Rettore dell'Università di Trento (che prima dell'attentato probabilmente non sapeva neanche chi fosse Megalizzi) annuncia che si farà promotore dell'idea di una "Radio Erasmus" che, poi, era un'idea dell'attivissimo Antonio.

Anche lo Stato diventa interprete della catarsi collettiva e mediatica e, oltre i funerali con la presenza delle massime cariche dello Stato, dal presidente Mattarella al premier Conte, ecco che sugli edifici pubblici si impongono le bandiere a mezz'asta.

Povero Antonio, ti stanno tirando da tutte le parti. Sei stato sfortunato due volte. Speriamo che tutti quelli che si sono appropriati della tua figura, delle tue speranze, delle tue idee, non spariscano appena saranno spente le luci dei media, perché un altro fatto sconvolgente di cronaca avrà preso il tuo posto nel frullatore giornalistico.

Intanto, nel sostanziale silenzio assordante proprio degli stessi narratori della tua vicenda, un'intera generazione è costretta a rinunciare ad una prospettiva, un lavoro, a mettere su famiglia e, spesso, è costretta ad andare via proprio nell'Europa che tu amavi perché in Italia farebbero la fame o sarebbero costretti a rimanere a casa dei genitori per sentirsi dare, poi, dei bamboccioni.

Via, dunque, con la beatificazione della meglio gioventù, ma solo sui media.

 

 

 

Pubblicità



 

Il Mastino che puzza
Amore Criminale
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Elementi di Diritto per lo psi…

In questo articolo forniremo dettagliatamente alcuni elementi basilari di diritto per lo psicologo clinico che si trovi chiamato ad operare direttamente nel con...

Le parole della Psicologia

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konra...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

News Letters

0
condivisioni