Pubblicità

Psicologia, Audivisivi, Informazione

0
condivisioni
2 minutes reading time (360 words)

La Soap Opera di Governo che vi somministrano

La Soap Opera di Governo che vi somministranoIn questo bollente agosto i media italiani hanno gareggiato a chi dava più informazioni sulla paradossale crisi di governo.

Dirette televisive e radiofoniche, talk show e "approfondimenti", pagine dei giornali e titoloni sulle dichiarazioni ora dell'uno ora dell'altro protagonista.

Il web non era da meno ed i social davano libero sfogo senza filtro alle preoccupazioni, le ironie, le certezze, le sbruffonerie di tutti gli schieramenti. Il dubbio che tutto questo fenomeno abbia smesso da un pezzo di essere Informazione è comprensibile.

Guardando con un minimo di spirito critico, la sensazione che tutto questo "rumore" mediatico sulla crisi politica sia solo un tratto di questa lunghissima soap opera che è la politica italiana raccontata dai media e triturata dai social.

La caratteristica principale della narrazione da soap opera è proprio che deve essere una storia che continua; non deve trattare di idee ma di sentimenti ed emozioni. L'importante sono i personaggi ed i loro dialoghi. Un lungo fiume narrativo in cui le singole vicende, le singole frasi, alla fine si perdono in questo inesorabile fiume che tutto porta via, soprattutto la memoria. Ecco che gli intrecci tra le azioni dei personaggi sembrano tutte uguali.

È talmente forte questo modello narrativo che gli stessi protagonisti, convinti di fare politica, vi si adeguano e la sfruttano per tirare la coperta del consenso dalla propria parte.

Pubblicità

Questa forma di narrazione mediatica ha (forse) lentamente sostituito la medesima narrazione a cui si era abituati, ovvero quella della propria e altri famiglia o quella del rione/paese in cui si abita. Una narrazione che trova nei social il naturale alveo di partecipazione, per cui spopolano i meme, le invettive, il rancore, la speranza, i commenti vendicativi.

L'effetto collaterale di questa narrazione da soap è che dopo un po' tutto sembra uguale. Sembrano uguali i personaggi, sembrano uguali le vicende. Tutto ciò ci porta ad accomunare tutti in una reazione totalizzante (i politici sono tutti uguali), con conseguente impoverimento del nostro spirito critico.

Peccato che poi, su queste basi, ci chiedono di andare ad esercitare i diritto/dovere di voto e tanti di noi, anestetizzati dalla soap opera, votano il personaggio e non il politico.

 

 

Pubblicità

 

 

 

I Segnali del Piacere - Quarta Lezione
WHO SHALL SURVIVE? - a settembre, la Conferenza In...
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

News Letters

0
condivisioni