Pubblicità

Psicologia, Audivisivi, Informazione

0
condivisioni
2 minutes reading time (408 words)

Siete depressi? Guardate 'Uomini e donne' in TV

siete depressi. uomini e donne in tvSto esagerando? Si, ma appena un po'.

Il programma televisivo ideato da Maria De Filippi nel lontano 1996 come spin off di un altro programma (Amici), è stato accusato di essere tra i campioni del trash tv italiano al punto da far affermare che "il trash in TV non è più un guilty pleasure da guardare di nascosto, telecomando alla mano e orecchio teso verso la porta, ma un piacere manifestato e soprattutto condiviso".

Sostanzialmente la meccanica del programma è quella di suscitare nel pubblico delle identificazioni con i vari personaggi (non persone) così da sentirsi legati al programma ed avere voglia di continuare a vederlo.

Nella versione attuale del format della "geniale" De Filippi tutto ruota intorno allo scopo di formare una coppia che possa iniziare una relazione sentimentale nella vita reale.

Il programma è offerto in un prodotto registrato e montato, quindi non accade in tempo reale, quindi è manipolabile. In molti hanno accusato il programma di essere artefatto perché i vari protagonisti reciterebbero una sorta di copione.

Come anche è stata mossa l'accusa che i personaggi sono artefatti, caricaturali ma, forse, è proprio quello che rende vincente la formula del programma perché, come riflette qualcuno, "Poche cose al mondo della nostra televisione credo sappiano raccontare l’Italia, i suoi balconi affacciati sulle umane attese, allo stesso modo di Uomini e Donne".

Pubblicità

È difficile spiegare in poche righe questo fenomeno mediatico. Chi vuole può consultare il sito web del programma e farsene un'idea da solo.

Però è probabile che, di fronte alla visione del programma, si possano provare due emozioni e avere due reazioni.

La prima è che i personaggi messi in scena e le dinamiche pseudoamorose rappresentate siano talmente grottesche che il rifiuto nasce spontaneo. In genere, appena si prova questa sensazione, si cambia canale.

La seconda è che gli intrighi, i commenti, le liti, le allusioni, il sesso paventato, vi rapiscano come può farlo solo una soap opera e, quindi, non riuscite più a smettere. In questo secondo caso la reazione sarà la sensazione di non essere soli a provare certe emozioni.

In entrambi i casi, il vostro stato di torpore deprimente sarà stato vinto.

Se siete arrivati fino in fondo alla lettura di questo post non avete la necessità di vedere il programma perché non siete depressi, ma solo curiosi. Perché - è ovvio - non si affronta la depressione con efficacia usando un programma tv.

 

 

Pubblicità

 

 

 

Scrittura Creativa, Narrativa Autobiografica & Sto...
Egocentrismo & Antropocentrismo
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 18 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.18 (libertà di scelta), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo sett...

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Le parole della Psicologia

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

Aplasia

Con il termine Aplasia si intende il mancato sviluppo di un tessuto o di un organo.  Deriva da un disfunzionamento delle cellule o dei tessuti che porta...

Parafilia

  Con il termine Parafilie si fa riferimento ad un insieme di perversioni sessuali caratterizzate dalla presenza di comportamenti regressivi che prendono ...

News Letters

0
condivisioni