Pubblicità

I blog di Psiconline

Parliamo di Psicologia insieme ai nostri amici online...

ATTENZIONE: Per poter votare i post presenti o per lasciare un commento è necessario prima registrarsi oppure effettuare il login (puoi farlo cliccando sul lucchetto nella barra che segue). E' anche possibile accedere con il proprio account Facebook.

La compassione

la compassioneMi sono chiesta cosa sia la compassione. E’ un sentimento? Un’emozione? Uno stato d’animo passeggero?
Sì, perché io mi sono trovata con il cuore pieno di compassione. Per questo ragazzo che sta pregando il suo dio, Allah, ed alla fine di questa preghiera ha dovuto essere ricoverato in un reparto di psichiatria.

Vedo tutti i giorni persone molto sfortunate, che arrivano da paesi lontani, sfiniti dopo lunghi viaggi. Bambini di due mesi e nonni di 80 anni: tutti che fuggono da una vita per iniziarne un ‘altra.

Continua a leggere
  1087 Visite
1087 Visite

Incomprensioni transculturali

incomprensioni transculturaliEra già notte fonda quando sono stata chiamata per un’emergenza all’Hub. Era arrivato un piccolo gruppo di profughi sudanesi, 3 uomini e una bambina di un anno. Uno dei tre sembrava stare molto male.

Appena sono arrivata i volontari che erano lì mi hanno avvertito:  “Stai attenta, non parla, è traumatizzato..”. Effettivamente stava male. Faceva fatica a tenere gli occhi aperti, non parlava, sembrava sfinito, più che altro.

Mi sono seduta vicino a lui, gli ho detto che ero medico e gli ho fatto segno di venire con me, in sala medica. Mi ha seguito, l’ho visitato, poi ho chiesto ad uno dei suoi compagni di viaggio di aiutarmi nella comunicazione, visto che il paziente parlava solo la lingua del suo paese. 

E’ venuto in aiuto il padre della bambina, che parlava anche inglese e francese e con lui è stato tutto più facile. Il paziente si è rassicurato, io ho capito quali erano i suoi problemi e lui ha capito come prendere le terapie. Alla fine aveva riacquistato un po’ di vivacità.

Continua a leggere
  871 Visite
871 Visite

I casi clinici

casiclinici

Certo non è non è facile individuarli, in mezzo a tutti gli altri, specialmente quando arrivano 300 persone al giorno e non si ha certo il tempo di parlare con tutti. Ma nel centro di accoglienza e smistamento, ognuno ha il suo ruolo e vede le cose dal suo punto di vista.

Direi che la cosa più difficile, a volte, è trovare l’accordo fra tutte le persone, appartenenti ad associazioni diverse, che all’interno del centro si occupano dei profughi. E questo accade in modo particolare quando arriva una persona che ha davvero un disagio psichico.

C’è sempre qualche operatore che si “impossessa” letteralmente del profugo che manifesta un evidente stato alterato di coscienza. E cosa fa questo operatore, appartenente sempre ad una grande organizzazione, ma senza competenze specifiche, come prima azione? Chiama un ambulanza!

Il poveretto viene portato al Pronto Soccorso di un qualsiasi ospedale della città, e dopo qualche ora viene dimesso. A me è stato chiesto di andarne a prendere qualcuno a notte fonda, al Pronto Soccorso. Così ho potuto vedere la procedura.

Continua a leggere
  689 Visite
689 Visite

Donne migranti e violenze sessuali

donne migrantiCi sono anche molte donne fra i profughi di passaggio che arrivano nel centro di accoglienza e smistamento di Milano; esse rappresenteranno forse il 15% dei profughi.

Da quando hanno cominciato ad arrivare , molte di esse hanno raccontato di aver subito violenze sessuali, quasi sempre in Libia, ma a volte anche durante il viaggio dai loro paesi, soprattutto dall’Eritrea, alla Libia. Ci hanno detto che prima di lasciare l’Eritrea,  si fanno installare nelle braccia un contraccettivo che per un tempo di sei mesi le protegge da una eventuale gravidanza.

Nelle poche ore dell’accoglienza, naturalmente, non si possono approfondire più di tanto le singole situazioni, quasi tutte uguali tra di loro, né si può comprendere il vissuto psichico della donna. Ma non si fa fatica ad immaginarlo. Iniziare un viaggio con la consapevolezza che quasi certamente si sarà violentate, esige un grande coraggio.

Continua a leggere
  817 Visite
817 Visite

I traumi dei bambini in fuga

bambini3Nei due anni di lavoro con i profughi  siriani ed eritrei di passaggio a  Milano, ho avuto modo di occuparmi anche dei bambini. Nei centri di accoglienza, prima, per i profughi siriani, e sotto gli alberi poi, per i profughi eritrei.  Finchè alla fine c’è stato il Centro di accoglienza e smistamento alla Stazione Centrale, dove tutti sono accolti allo stesso modo.

Le foto foto che girano e invadono il web, mostrano in genere solo i momenti più terribili di questi esodi, bambini morti, sotto le bombe, o nelle acque del mare.

Da uno studio condotto in Germania sui problemi psicologici dei bambini profughi, è emerso che un terzo di essi soffre di disturbi psichici. Che poi la diagnosi sarebbe una sola, il classico disturbo post traumatico da stress. Lo studio è stato condotto su cento bambini profughi, da tre medici, con un esame di tre ore per ciascun bambino.

Continua a leggere
  1052 Visite
1052 Visite

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Le parole della Psicologia

Insight

L’insight, a livello letterale, ha come significato vedere dentro. Nel linguaggio psicologico italiano i termini  che  più si avvicinano sono: intuizi...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

News Letters