Pubblicità

Psicologia delle Migrazioni

0
condivisioni

Errare è umano?

errare è umanoParliamo ancora di Ibrahim, il ragazzo che qualche settimana fa , il 25 ottobre, è stato portato con l’ennesimo ricovero coatto nel reparto di psichiatria di Niguarda, a Milano.

Ne parliamo perchè la sua breve permanenza in Italia gli è costata molto cara. Quello del 25 ottobre era il suo quinto ricovero, in un mese.
Ibrahim era sbarcato in Sicilia il 1 settembre. Diceva di essere somalo, ma se qualcuno gli parlava in quella lingua, non capiva. Mentre parlava e capiva molto bene l’arabo. Questo perché era nato in Somalia ma era cresciuto in Libia.

Si è presentato all’Hub un po’ alterato, aveva trascorso alcuni giorni in strada e dal mio punto di vista era logico che non stesse tanto bene. Comunque era difficile parlare con lui.

Così sono cominciati gli invii al pronto soccorso dei vari ospedali, quattro, per la precisione. Non decisi da me, ovviamente.
Cosa succedeva nei vari ospedali? Niente. Nessuno al pronto soccorso ci capiva niente . Quindi veniva sedato e dimesso subito dopo.

Al quinto ricovero viene finalmente inviato all’Ospedale di Niguarda e 25 giorni sono sufficienti per farlo ritornare “quasi normale”. Il reparto è specializzato in etnopsichiatria. Medici, infermieri, mediatori culturali, credo sia grazie a loro che Ibrahim si potuto salvare.
Nel ricovero precedente la diagnosi era stata di “ doppia personalità”. Non so da dove fosse scaturita.

In realtà la volta precedente, il povero Ibrahim era stato trattato con una fiala di Moditen Depot, un farmaco indicato nella terapia della schizofrenia cronica, che attenua le manifestazioni deliranti ed allucinatorie, lo stato confusionale, il comportamento asociale. Tutti sintomi che, a parte il comportamento asociale, francamente io non ho mai visto in lui.
L’azione di questo farmaco, una volta che viene iniettato, dura anche fino 4 settimane.
Io ho visto solo un povero ragazzo che non riusciva a parlare con nessuno, sempre più agitato. I suoi movimenti erano sempre più involontari e discinetici ed era pieno di paure.
Veniva preso e portato con la forza su un’ambulanza, ed il giorno successivo era ancora lì, e stava sempre peggio.

Praticamente è stato intossicato dai farmaci e alla fine barcollava, balbettava, perdeva la saliva dalla bocca.
A Niguarda gli hanno parlato con calma, attraverso una mediatrice, hanno ascoltato la sua storia, e giorno dopo giorno lo hanno disintossicato.
E così ora è “quasi” normale.

Tre settimane fa mi aveva fatto molta compassione.   Ora lo vedo sorridente , rilassato, e vorrei dire a tutti i colleghi medici di avere un po’ più di pazienza quando si trovano davanti a situazioni simili. Non è tempo perso cercare di capire chi abbiamo di fronte, da qualsiasi parte del mondo arrivi. E iniettare una fiala di Moditen Depot , a volte, può non essere la cura migliore.

 

Come abbassare la nostra emotività
Psicologia scolastica: questa sconosciuta. Lavorar...
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Tradimento e incertezze [16030…

Martinedda, 39 anni Gent.ma Dott.ssa,soffro di ansia e attacchi di panico da quasi 20 anni ed ho avuto in passato un percorso di psicoterapia che mi ha aiu...

fobia per le autostrade [16030…

roberto, 45 anni vorrei conoscere la terapia più adatta per una fobia specifica delle autostrade cronica. ...

Ansia da competizione [1601631…

elisa37, 37 anni Gentili dottori Il mio problema e' un po' imbarazzante, ma un problema che ha sempre fortemente limitato la mia vita e ancora non sono ri...

Area Professionale

Ansia infantile e disturbo da …

Un recente studio ha evidenziato come bambini e adolescenti con livelli più elevati di ansia possono essere maggiormente a rischio di sviluppare problemi di alc...

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Le parole della Psicologia

Abulia

abulia deriva Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. L'abulia si riferisce sia ad un disturbo dell...

Disturbo Esplosivo Intermitten…

Disturbo del comportamento caratterizzato da espressioni estreme di rabbia, spesso incontrollabili e sproporzionate rispetto alla situazione L’IED (Intermitten...

Negativismo

Con il termine Negativismo si può indicare, in linea generale, un comportamento contrario o opposto, di tipo sia psichico che motorio. ...

News Letters

0
condivisioni