Pubblicità

Psicologia delle Migrazioni

0
condivisioni

Je suis mort

je suis mortOggi parliamo di Barry, uno dei tanti profughi che è riuscito a passare dall’idea di essere morto a quella che vale la pena di iniziare una nuova vita.

Barry non ha mai voluto parlare di quello che ha subito, ma i segni che portava sul corpo parlavano per lui: cicatrici, fratture, bruciature da corrente elettrica….

Quando è arrivato faceva molta fatica a camminare, leggere, parlare, dormire.
Non si collocava in nessun tempo perché la sua mente preferiva non ricordare.

La sua memoria arrivava solo al giorno dell’arresto, al suo paese, e finiva lì.

Je suis mort.

Dopo un po’ ha cominciato a chiedersi : “ Perché proprio a me?”

Ma non se lo chiedeva con rabbia, anzi, sembrava incapace di trovare un canale attraverso il quale far uscire la sua rabbia.

Usava un tono di voce assolutamente neutro, la voce bassa, senza emozione.

Però ha incominciato a modo suo a ripercorrere un filo interiore.

Quando ha iniziato a parlare, più che altro parlava della sua vita di prima, della sua famiglia, del suo lavoro, delle tradizioni del suo paese, della fatica che aveva fatto per avere una posizione, uno status sociale.

La sua vita in Italia nell’anno in cui è stato seguito è stata difficilissima e le sue relazioni con gli altri sempre problematiche. Essendo molto legato alle tradizioni, ha cercato di seguirle anche qui e, per esempio, quando ha iniziato a stare meglio ha preferito, possibilmente, mangiare solo cibi africani perché diceva che gli davano forza.

Ha continuato ad avere dei vuoti terribili di memoria, vuoti nel tempo e nello spazio.

Diceva che qualcuno aveva fatto qualcosa alla sua testa e probabilmente era vero.

Non credo di averlo mai visto sorridere.

Ma uno dei motivi per cui parlo di lui è quello che riguarda la sua integrazione, molto particolare.

Quando ha iniziato a stare meglio ha fatto molta fatica a trovare un lavoro anche in nero. Non aveva né forza fisica né risorse psicologiche. Ma alla fine lo ha trovato e proprio in quel periodo ha conosciuto una ragazza italiana e nel volgere di pochi mesi era in attesa di un figlio, con conseguente matrimonio.

Pubblicità

Un inserimento particolare dunque, difficilissimo nei primi mesi perché la sua sensazione di essere morto era costante, e in seguito rapidissimo: il lavoro, la ragazza, il figlio, il matrimonio.

Il Barry dei primi colloqui era stato davvero distrutto nella sua identità, era davvero morto, e non aveva la forza di lottare neanche per la sua sopravvivenza.

La sua relazione affettiva con la ragazza è stata un’ancora di salvezza e da allora Barry ha incominciato ad affrontare i suoi fantasmi interiori.

Ha trovato una donna, una famiglia, una casa.

Tutto quello che aveva avuto nella vita precedente e che aveva perduto.
Ha quindi sollevato il macigno che teneva nascosti i suoi mesi di tortura, è riuscito a parlarne e, con grande sofferenza, a riviverli simbolicamente.

Oggi i fantasmi non sono scomparsi, ma sono, giustamente, un ricordo del passato.

 

 

Pubblicità

 

 

Il divenire genitori oggi: un viaggio tra Psiche, ...
In viaggio … oltre le stelle! Riallacciare i nodi ...
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Pornografia

Per definire un materiale o contenuto con il termine di ‘pornografia’ è necessario che “una rappresentazione pubblica sia esplicitament...

Anorgasmia

Con il termine “anorgasmia” si fa riferimento alla mancanza e/o assenza di orgasmo, intesa come difficoltà o incapacità a raggiungere l'orgasmo.  Il termi...

Paranoia

La paranoia è una psicosi caratterizzata dallo sviluppo di un delirio cronico (di grandezza, di persecuzione, di gelosia, ecc.), lucido, sistematizzato, dotat...

News Letters

0
condivisioni