Pubblicità

Psicologia delle Migrazioni

0
condivisioni

Migranti coraggiosi

migranti coraggiosiMai come al giorno d’oggi si parla del disturbo da stress post traumatico, al quale nessun migrante sembra non possa sfuggire. Tutti i migranti, in teoria, dovrebbero esserne portatori. Sia quelli che arrivano a Milano provenienti dalle coste della Libia e hanno attraversato il Mediterraneo, sia quelli che hanno fatto un lungo percorso con autobus, treni, molto spesso camminando per giorni interi, e attraverso la rotta balcanica sono arrivati fino a noi.

Ora siamo fermi a un punto cruciale in cui tutto il mondo che ci circonda è destinato ancora a cambiare. Quasi tutti gli altri paesi europei hanno chiuso i loro confini mentre l’Italia non può chiudere il Mediterraneo.

Fortunati quelli che sono partiti prima! Abbiamo visto transitare a Milano circa 110.000 persone e la maggior parte di loro sono arrivati ai paesi a cui volevano arrivare. Quelli che arrivano adesso sono costretti a restare.

Posso dire che tutti hanno manifestato un PTSD? No.

Un vero disturbo da stress post traumatico l’ho visto solo in pochi casi. I profughi sono rimasti all’Hub per un periodo di tempo che è andato dalle poche ore ai dieci giorni circa.  Li abbiamo quindi avuti “sotto osservazione” nelle ventiquattro ore.

Siamo in molti a occuparci di loro all’interno del centro di accoglienza e smistamento e tutti siamo molto disponibili al dialogo, al sorriso, al coinvolgimento nelle loro storie. Offriamo loro cibo, vestiti, scarpe, giochi per i bambini, connessione internet, informazioni… e tanto altro ancora. Soprattutto parliamo con loro, senza lasciarci spaventare dalle lingue che non conosciamo, dalle culture troppo lontane dalle nostre. Sorridiamo molto, questo sì e il sorriso arriva  prima delle parole facilitandoci la relazione con ciascuno di loro.

Tutti sono andati incontro a eventi traumatici, hanno affrontato situazioni che hanno leso la loro fiducia nella vita e nell’essere umano, hanno avuto paura di morire sotto le torture o fra le onde del mare, o nel ghiaccio tra le montagne macedoni. Non fanno fatica a raccontarcelo.
La psicologia ci insegna come trattare il trauma, ci dice che l’esperienza traumatica minaccia l’identità fisica e psichica delle persone. Ma non ci parla mai delle loro risorse interiori, del loro coraggio, delle loro capacità immense di reagire al trauma. Li abbiamo visti giocare a carte, disegnare, scambiarsi una pallina come se fossero in un campo di calcio, correre su un monopattino, trascorrere ore su Facebook.

Soltanto in pochissimi casi abbiamo dovuto ricorrere alla consulenza dello psichiatra e ai farmaci.
Forse io sono troppo ottimista ma trascorro molte ore al giorno insieme a loro ed è così che vedo le cose.

Uomini, donne, bambini. Migranti coraggiosi. E in mezzo a loro, ogni tanto, c’è qualcuno che è stato troppo provato dalla vita e si lascia condurre per mano.

 

 

La prima impressione influenza la comunicazione
Esploro, disegno, comunico!
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Le parole della Psicologia

Gambling

Il gambling, o gioco d’azzardo patologico (GAP), è un disturbo del comportamento caratterizzato dalla continua perdita del controllo in situazioni di gioco. Ess...

Psicodramma

Lo Psicodramma è la più antica terapia di gruppo.   Lo psichiatra Jacov Levi Moreno (1889-1974) in un suo lavoro giovanile (1911) e in un suo scritto sul...

Disfunzioni Sessuali

La classificazione proposta dall’ICD-10 (International Classification of Diseases, Decima Versione) indica, innanzitutto, quattro criteri generali per poter d...

News Letters

0
condivisioni