Pubblicità

Psicologia delle Migrazioni

0
condivisioni

Rifugiati e volontari in festa

rifugiati in festaIn questi giorni lo slogan che accompagna i pochi sbarchi che ancora avvengono nel Sud Italia sembra essere “rifugiato uguale terrorista” . Basta  aprire  internet o guardare un qualsiasi programma televisivo per essere sommersi da parole che incitano alla paura. E così si continua a scavare sempre più il divario tra italiani e stranieri.

Ci sono invece anche molti modi per stabilire buone relazioni tra i rifugiati che arrivano e chi accoglie.

Sono i modi che usiamo per esempio noi volontari Soserm, un folto gruppo di persone che fin dall’inizio ha cercato di conoscere ed aiutare le persone con cui quotidianamente ha a che fare.

Credo che ancora una volta Milano sia la città più organizzata e più accogliente in tutto il nostro  paese.   Con le sue 15 associazioni che tutti i giorni, per 365 giorni all’anno, si occupano dell’accoglienza migranti. Niente di nascosto, di contro-corrente, di rivoluzionario. No, tutto in accordo con il comune di Milano, con la polizia locale, con la prefettura. Ognuno ha il suo ruolo.

In questi giorni siamo spesso in festa, come è giusto che sia, per noi e per loro. Qualche sera fa Soserm ha organizzato una serata particolarmente bella,  vissuta da tutti con molta emozione. Tanti colori, tante lingue, e poi la musica, il cibo condiviso, il ballo.

Niente frontiere, niente barriere. Ragazzi felici che avevo visto e curato tanti mesi fa , disperati, sotto gli alberi di Porta Venezia, che ora ridono mentre i  loro occhi brillano. Un miscuglio di culture, di esperienze, di speranze.

E’ possibile che tutto questo venga visto come una defraudazione, e non come un arricchimento?

Io parlo veneto e loro tigrigno, farsi, malinkè, arabo, ma il piacere di una serata tra musica e ballo è un linguaggio che ci accomuna.

Tutti stanno aspettando con ansia e paura la risposta della Commissione che deciderà del loro futuro, ma per qualche ora nessuno ci ha pensato.

 

 

La forza dell’atteggiamento mentale giusto
Le vacanze natalizie: riposo o recupero?
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Tradimento e incertezze [16030…

Martinedda, 39 anni Gent.ma Dott.ssa,soffro di ansia e attacchi di panico da quasi 20 anni ed ho avuto in passato un percorso di psicoterapia che mi ha aiu...

fobia per le autostrade [16030…

roberto, 45 anni vorrei conoscere la terapia più adatta per una fobia specifica delle autostrade cronica. ...

Ansia da competizione [1601631…

elisa37, 37 anni Gentili dottori Il mio problema e' un po' imbarazzante, ma un problema che ha sempre fortemente limitato la mia vita e ancora non sono ri...

Area Professionale

Ansia infantile e disturbo da …

Un recente studio ha evidenziato come bambini e adolescenti con livelli più elevati di ansia possono essere maggiormente a rischio di sviluppare problemi di alc...

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Le parole della Psicologia

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

News Letters

0
condivisioni