Pubblicità

Il linguaggio del corpo

0
condivisioni

I segnali di rifiuto - Quinta lezione

i segnali di rifiuto il linguaggio del corpoSegnali di rifiuto, il tipico semaforo rosso della comunicazione, infatti quando si manifesta un segnale di rifiuto vuol dire che abbiamo sbagliato qualcosa e bisogna a quel punto calibrare la nostra comunicazione per capire come possiamo rimediare.

Se il vostro interlocutore esprime segnali negativi come quelli riportati qui sotto, potete provare a dire le stesse cose, ma con parole diverse, perchè non state andando bene.

Pubblicità

Questi segnali ci devono avvertire che c’è qualcosa in noi o in ciò che diciamo che non funziona, qualcosa non è stato ben accettato, quindi dobbiamo calibrare ciò che diciamo per recuperare una buona comunicazione:

  • Portare il busto all’indietro
  • Sfuggire lo sguardo dell’oratore
  • Grattarsi il naso o prenderselo tra le dita
  • Allontanare da sé un oggetto, togliersi dei pelucchi di dosso sono altri segnali della volontà di allontanare da sé qualcosa di sgradevole
  • Gambe accavallate e braccia conserte.


Lo ripeto sempre, è importante valutare bene il contesto, considera che non è detto che se il tuo interlocutore si tocchi il naso ti sta mentendo. Cerca maggiori segnali di conferma.

Abbiamo registrato un webinar su questo argomento con il dr Meridda, lo riporto qui sotto:

Abbiamo scritto prima che il togliersi i pelucchi di dosso può essere catalogato tra i segnali di rifiuto, ma bisogna fare attenzione. Ci sono delle differenze da valutare.

Questi “spazzolamenti” non sono altro che segnali non verbali della volontà di allontanare da sé qualcosa di sgradevole, sono un modo per esprimere il proprio disaccordo o disappunto su qualcosa o su quanto sentito, quando non si è in condizione di poterlo fare apertamente.

Per saperne di più ti lascio questo breve video qui sotto:

Continuiamo a parlare di segnali di rifiuto, riassumendo possiamo trovare questi tra i più frequenti:

  1. Sfregare con le dita con la punta del naso.
    Il soggetto rifiuta l’argomento o frase espressa.
  2. Spostare il corpo indietro.
    Simbolicamente indica un allontanamento dell’argomento o dall’interlocutore.
  3. Spostare occasionalmente oggetti lontano dalla propria persona.
    Indica un allontanare gli argomenti trattati.
  4. Spolverare o spazzare via dagli abiti o dal tavolo polvere o briciole.
    Rappresenta il volersi liberare dai problemi attinenti all’argomento espresso.
  5. Raschiamento della gola.
    L’interlocutore rifiuta l’argomento trattato.
  6. Gambe accavallate e braccia conserte.
    Rappresenta una chiusura nei confronti dell’argomento trattato o dell’interlocutore.

Gambe accavallate

Tenere le gambe accavallate può far emergere un segno di auto-protezione, tanto più elevato, quanto più stretto è il loro accavallamento, ma non è detto.

Inoltre le gambe accavallate possono essere catalogate sia tra i segnali di gradimento che tra i segnali di rifiuto, tutto dipende dal modo in cui il gesto viene fatto.

Per rispondere bene a questo quesito bisogna fare delle esercitazioni dal vivo, in questa sede mi permetto di illustrarlo brevemente con questo video dove viene spiegata la differenza.

Guardate il video al min 2:30 e trovate la differenza del significato analogico, tra l'accavallamento delle gambe verso l'interlocutore o al di fuori di esso.

Per approfondimenti e per altri segnali non verbali più specifici consiglio il libro: Comunicare bene, la comunicazione come formamentis – edizioni psiconline e il libro: Perché mi tradisci – ediz Psiconline

 

 

Pubblicità

 

 

 

 

Si riparte…
Estate. Inganno del brivido
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Le parole della Psicologia

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

Insight

L’insight, a livello letterale, ha come significato vedere dentro. Nel linguaggio psicologico italiano i termini  che  più si avvicinano sono: intuizi...

News Letters

0
condivisioni