Pubblicità

Il linguaggio del corpo

0
condivisioni

I segnali di rifiuto - Quinta lezione

i segnali di rifiuto il linguaggio del corpoSegnali di rifiuto, il tipico semaforo rosso della comunicazione, infatti quando si manifesta un segnale di rifiuto vuol dire che abbiamo sbagliato qualcosa e bisogna a quel punto calibrare la nostra comunicazione per capire come possiamo rimediare.

Se il vostro interlocutore esprime segnali negativi come quelli riportati qui sotto, potete provare a dire le stesse cose, ma con parole diverse, perchè non state andando bene.

Pubblicità

Questi segnali ci devono avvertire che c’è qualcosa in noi o in ciò che diciamo che non funziona, qualcosa non è stato ben accettato, quindi dobbiamo calibrare ciò che diciamo per recuperare una buona comunicazione:

  • Portare il busto all’indietro
  • Sfuggire lo sguardo dell’oratore
  • Grattarsi il naso o prenderselo tra le dita
  • Allontanare da sé un oggetto, togliersi dei pelucchi di dosso sono altri segnali della volontà di allontanare da sé qualcosa di sgradevole
  • Gambe accavallate e braccia conserte.


Lo ripeto sempre, è importante valutare bene il contesto, considera che non è detto che se il tuo interlocutore si tocchi il naso ti sta mentendo. Cerca maggiori segnali di conferma.

Abbiamo registrato un webinar su questo argomento con il dr Meridda, lo riporto qui sotto:

Abbiamo scritto prima che il togliersi i pelucchi di dosso può essere catalogato tra i segnali di rifiuto, ma bisogna fare attenzione. Ci sono delle differenze da valutare.

Questi “spazzolamenti” non sono altro che segnali non verbali della volontà di allontanare da sé qualcosa di sgradevole, sono un modo per esprimere il proprio disaccordo o disappunto su qualcosa o su quanto sentito, quando non si è in condizione di poterlo fare apertamente.

Per saperne di più ti lascio questo breve video qui sotto:

Continuiamo a parlare di segnali di rifiuto, riassumendo possiamo trovare questi tra i più frequenti:

  1. Sfregare con le dita con la punta del naso.
    Il soggetto rifiuta l’argomento o frase espressa.
  2. Spostare il corpo indietro.
    Simbolicamente indica un allontanamento dell’argomento o dall’interlocutore.
  3. Spostare occasionalmente oggetti lontano dalla propria persona.
    Indica un allontanare gli argomenti trattati.
  4. Spolverare o spazzare via dagli abiti o dal tavolo polvere o briciole.
    Rappresenta il volersi liberare dai problemi attinenti all’argomento espresso.
  5. Raschiamento della gola.
    L’interlocutore rifiuta l’argomento trattato.
  6. Gambe accavallate e braccia conserte.
    Rappresenta una chiusura nei confronti dell’argomento trattato o dell’interlocutore.

Gambe accavallate

Tenere le gambe accavallate può far emergere un segno di auto-protezione, tanto più elevato, quanto più stretto è il loro accavallamento, ma non è detto.

Inoltre le gambe accavallate possono essere catalogate sia tra i segnali di gradimento che tra i segnali di rifiuto, tutto dipende dal modo in cui il gesto viene fatto.

Per rispondere bene a questo quesito bisogna fare delle esercitazioni dal vivo, in questa sede mi permetto di illustrarlo brevemente con questo video dove viene spiegata la differenza.

Guardate il video al min 2:30 e trovate la differenza del significato analogico, tra l'accavallamento delle gambe verso l'interlocutore o al di fuori di esso.

Per approfondimenti e per altri segnali non verbali più specifici consiglio il libro: Comunicare bene, la comunicazione come formamentis – edizioni psiconline e il libro: Perché mi tradisci – ediz Psiconline

 

 

Pubblicità

 

 

 

 

Si riparte…
Estate. Inganno del brivido
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Mi piace una ragazza brutta [1…

Daniel, 36 anni Vengo subito al punto: in poche parole mi piace tantissimo una ragazza piuttosto brutta di aspetto. Io stesso ne vedo i molti difetti, ad e...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

Disturbo schizoide di personal…

Disturbo di personalità caratterizzato da mancato desiderio o piacere ad instaurare relazioni altrui e chiusura verso il mondo esterno. Il disturbo schizoide d...

News Letters

0
condivisioni