Pubblicità

Il sogno e il suo fascino notturno

0
condivisioni

sogni e fascinoUn rituale del mattino che mi consta ripetersi da sempre in molte famiglie, e non solo in quelle in cui c'è qualcuno in analisi, è quello di raccontare ciò che si è sognato la notte.

Un rito divertente, socializzante e molto intimo, in cui si mette l'altro a conoscenza di una parte profonda di sé, comunque protetti da quei meccanismi mimetici di censura che lo rendono inintelligibile, almeno nella maggioranza dei casi, a se stessi e all'altro.

La verità, pura e semplice, è che quell'affiorare di fantasie apparentemente scomposte, caotiche, a volte ironiche e altre paurose, ci affascina da sempre, con la sua implicita e tentatrice seduzione di rappresentarci a noi stessi in forma di enigma. Una conoscenza intrinsecamente negata, un "dire e non dire" in cui tutto e consentito, anche se talvolta giungiamo persino a vergognarcene.

Una parte di ciò che sogniamo è in genere legato a qualcosa che ci è accaduto o che abbiamo pensato il giorno prima, per cui spesso il nostro paziente ci rivela, assai orgoglioso, quella che per lui è l' "interpretazione" del sogno, che invece si rivela essere solo un residuo di realtà, un mosaico di immagini rubate allo stato di veglia su cui il sogno costruisce sé stesso.

La verità è molto più profonda, e non sempre immediatamente intelligibile.

Ci sono persone che sognano in maniera "chiacchierona", intrecciando i piani del discorso in maniera a volte inestricabile; altre sognano in forma allusiva e talvolta ironica, e non è così raro che l'interpretazione di un dato segmento del sogno faccia sorridere sia il paziente che il suo analista.

Capita a volte che un sogno pauroso, una volta commentato, riveli aspetti totalmente diversi da ciò che ci si potrebbe aspettare, o che un sogno solare ed apparentemente giocoso riveli risvolti del tutto opposti, e che ci faccia intravvedere una fuga da determinati problemi, magari severi e dolorosi.

Esistono sogni che semplicemente non siamo ancora pronti a comprendere, davanti ai quali il nostro paziente rimane interdetto ed incapace a creare associazioni significative, e di fronte ai quali lo stesso analista rimane perplesso: magari dopo qualche mese il loro significato ci verrà rivelato da nuove connessioni e nuovi commenti, perché nell'analisi, come del resto nella vita, si deve anche saper attendere che le cose maturino.

Vi sono, infine, sogni che affondano le loro radici in strati così profondi della psiche che possiamo solo spiegarli ricorrendo al biologico, e che rimarranno, in fondo, un mistero per sempre insoluto.

Ma grazie a Dio ci sono anche sogni illuminanti, chiari a tal punto che quasi non ci sarebbe nemmeno bisogno dell'analista per comprenderli, e ciò accade, in genere, quando tocchiamo la vera matrice di un problema, quando lo abbiamo scandagliato, maturato e compreso fino in fondo.

E' difficile spiegare in qual modo e perché quando accade questo il nostro paziente si sente, e sia, più libero: ma l'essere umano cerca un senso nelle cose e nel suo stesso esistere, e perciò - forse - si può dire che l'attribuzione di un senso ci libera dalle angosce del buio e dell'ignoto, e ci infonde la speranza che dove c'era la paura del buio tornerà la luce del giorno.

 

Articolo a cura del Dottor Claudio Nudi

 

 

Disagi fisici e psichici dei senzatetto
Giovanni non sa leggere? Il problema della diagnos...
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

Articolo 26 - il Codice Deonto…

Con il commento all'articolo 26 (utenza e conflitti personali) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Wanderlust

È l’impulso irrefrenabile di viaggiare, esplorare e scoprire posti nuovi per ampliare i propri orizzonti Le persone che hanno una voglia perenne di partire, ch...

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

Amnesia

Dal greco a-mnesis (non-ricordo), il termine amnesia indica la compromissione grave e selettiva della memoria a lungo termine (MLT), indipendente dal tipo di st...

News Letters

0
condivisioni