Pubblicità

Articles Tagged ‘Alzheimer,’

Alzheimer, al San Raffele di Milano al via la terapia con le "cellule spazzino" del cervello. Il dottor Sandro Iannaccone: "Agiamo sulla causa della malattia"

Una terapia contro l’Alzheimer che agisca stimolando l’azione delle cellule “spazzino” del cervello contro le placche cerebrali all’origine della malattia.AD

Il 27 ottobre è partita all’Ospedale San Raffaele di Milano la sperimentazione di una cura eziologica di questa forma di demenza senile che mira a colpire direttamente una delle cause della patologia: la presenza di depositi anomali di proteine a livello cerebrale che, aggregandosi tra loro, alterano le comunicazioni tra le sinapsi provocando la morte dei neuroni.

È stato trovato un nuovo pezzo del puzzle dell'Alzheimer

Due anni dopo aver scoperto un modo per neutralizzare una proteina "cattiva" legata alla malattia di Alzheimer, il professore e neurologo dell'University of Alberta, Jack Jhamandas, ha trovato un nuovo pezzo del puzzle dell'Alzheimer, avvicinandosi così a una cura per la malattia.

pezzo puzzle Alzheimer

In uno studio, pubblicato su Scientific Reports, Jhamandas e il suo team hanno scoperto due brevi peptidi, o stringhe di aminoacidi, che, quando iniettati quotidianamente nei topi con il morbo di Alzheimer, per cinque settimane, miglioravano significativamente la memoria dei topi. Il trattamento ha anche ridotto alcuni dei cambiamenti fisici dannosi nel cervello associati alla malattia.

Il consumo abituale di tè modula l'efficienza del cervello: prove della valutazione della connettività cerebrale

I ricercatori hanno reclutato partecipanti più anziani sani in due gruppi in base alla loro  frequenza di consumo di e hanno studiato le reti sia funzionali che strutturali per rivelare il ruolo del bere il nell'organizzazione del cervello.

tè alzheimer

La soppressione dell'asimmetria emisferica nella rete della connettività strutturale è stata osservata a seguito del consumo di . Gli autori non hanno osservato alcun effetto significativo del bere il che riguardasse l'asimmetria emisferica della rete di connettività funzionale.

Jet lag-like sleep disruptions spur Alzheimer's memory, learning loss

Chemical changes in brain cells caused by disturbances in the body's day-night cycle may be a key underlying cause of the learning and memory loss associated with Alzheimer's disease, according to a University of California, Irvine study.esperimento memoria

The research on mice, led by UCI biomedical engineering professor Gregory Brewer, provides the first evidence that circadian rhythm-altering sleep disruptions similar to jet lag promote memory problems and chemical alterations in the brain.

Lavarsi i denti ritarda la comparsa dell'Alzheimer

Alcuni ricercatori norvegesi hanno scoperto una chiara connessione tra una corretta salute orale e morbo di Alzheimer.

Alzheimer gengivite

I ricercatori dell'University of Bergen hanno scoperto che l'igiene orale non solo porta un beneficio alla propria salute orale, ma hanno visto che la malattia gengivale (gengivite o parodontite) svolge un ruolo decisivo nel determinare se una persona svilupperà l'Alzheimer o meno.

"Abbiamo scoperto, tramite prove basate sul DNA, che i batteri che causano la gengivite possono passare dalla bocca al cervello", afferma il ricercatore Piotr Mydel presso il Broegelmanns Research Laboratory, Department of Clinical Science, University of Bergen (UiB).

Malattie neurodegenerative: danni simili alle cellule cerebrali

Le malattie neurodegenerative, come l'Alzheimer, il Parkinson e la malattia di Huntington, sono associate a proteine piegate in modo anomalo, che formano delle placche (agglomerati) all'interno delle cellule cerebrali.

malattie neurodegenerative: alzheimer, parkinsonQueste placche si diffondono da cellule a cellule, portando a necrosi cellulare. Tutte e tre queste malattie sono progressive, debilitanti e incurabili.

Un recente studio presso l’Università Loyola di Chicago ha dimostrato che, sebbene le proteine implicate in ciascuna malattia siano diverse (la proteina tau nell’Alzheimer, l’alfa-sinucleina nel Parkinson e l’huntingtina nella malattia di Huntington), tutte sembrano causare danni alle cellule cerebrali in modo similare.

Mild Cognitive Impairment (MCI)

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”.

Mild Cognitive Impairment MCIIl declino cognitivo lieve consiste in una riduzione dell’efficienza mentale maggiore del declino fisiologico dovuto all’età, ma non alla pari di una demenza senile.

Pensiero negativo ripetitivo legato al rischio di demenza

Impegnarsi CONTINUAMENTE in schemi di pensiero negativo può aumentare il rischio di malattia di Alzheimer.

Pensiero negativo ripetitivo legato al rischio di demenzajpg

 Nello studio su persone di età superiore ai 55 anni, pubblicato su Alzheimer e demenza, i ricercatori hanno scoperto che il "pensiero negativo ripetitivo" (RNT) è collegato al successivo declino cognitivo e alla deposizione di proteine ​​cerebrali dannose legate all'Alzheimer".

I ricercatori sostengono che la RNT dovrebbe ora essere ulteriormente studiata come un potenziale fattore di rischio per la demenza e che gli strumenti psicologici, come la consapevolezza o la meditazione, dovrebbero essere studiati per vedere se questi possono ridurre il rischio di demenza.

Scoperti effetti terribili e sconosciuti delle lesioni cerebrali anche lievi

Anche le commozioni cerebrali lievi causano disturbi gravi e duraturi nella capacità del cervello di pulirsi, e questo può facilitare l'Alzheimer, la demenza e altri problemi neurodegenerativi.

Scoperti effetti terribili e sconosciuti delle lesioni cerebrali anche lievi
Anche le commozioni cerebrali lievi causano disturbi gravi e duraturi nella capacità del cervello di purificarsi dalle tossine, e questo può seminare il morbo di Alzheimer, la demenza e altri problemi neurodegenerativi, rivela una nuova ricerca della University of Virginia School of Medicine.

signor (1507116572808)

le risposte dellespertofabio, 49

 

domanda

 

 

Buongiorno, a mio papà a 74 anni (ora ne ha 80) hanno riscontrato il morbo di alzheimer.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Dejà vu - Dejà vecu

Da due secoli, il fenomeno del "déjà-vu" affascina il mondo della scienza ed è stato oggetto di numerose interpretazioni, dalle più strampalate, che gli attribu...

Castrazione (complesso di)

Insieme di emozioni, sentimenti e immagini inconsce fissate nell’adulto che non ha superato l’angoscia di castrazione. La riattivazione di questa paura repres...

Il linguaggio

L’uomo comunica sia verbalmente che attraverso il non verbale. Il processo del linguaggio ha suscitato da sempre l’interesse degli studiosi essendo essa una car...

News Letters