Pubblicità

Articles Tagged ‘articoli di psicologia;’

È possibile cambiare la tua personalità?

Se hai mai pensato a come migliorare la tua personalità, non sei solo. La ricerca suggerisce che tutti noi, in una certa misura, possediamo un desiderio intrinseco di coltivare tratti positivi della nostra personalità (come essere estroversi, ottimisti e carismatici) e minimizzare i tratti negativi (come il pessimismo e il nevroticismo). Ma è anche possibile cambiare la propria personalità? Oppure, la personalità è meglio pensata come un'entità fissa e inalterabile?

cambiare personalità

Una nuova ricerca che appare nel Journal of Personality and Social Psychology sostiene che il cambiamento di personalità potrebbe essere più raggiungibile di quanto potremmo pensare. In particolare, un gruppo di ricercatori guidati da Nathan Hudson della Southern Methodist University ha scoperto che le persone che hanno attivamente lavorato per cambiare gli aspetti della loro personalità sono riuscite, in molti casi, a raggiungere i risultati desiderati.

Perché la gente si tatua?

Ricerche recenti approfondiscono la nostra comprensione su come vengono percepiti i tatuaggi.

tatuaggiQuando i tatuaggi emersero per la prima volta nel 1800, erano considerati un segno dell'essere un criminale o un deviante. Oggi sono sempre più all'ordine del giorno. Secondo una stima, il 38 percento degli adulti, di età compresa tra 18 e 29 anni, ha almeno un tatuaggio.

Sopravvivere alla perdita del proprio lavoro

A tutti piace avere punti fermi nella propria vita, per cui ottenere e mantenere un lavoro che appare stabile abitua noi stessi a rimanere in una zona di comfort che seppure non sempre cucita su misura su di noi ci permette di soddisfare alcuni bisogni e soddisfare ambizioni personali.


lavoroLa perdita di lavoro, improvvisa o no, che sia, genera in ogni persona un insieme di sentimenti di smarrimento misti a rabbia e sconforto, che sono difficili da affrontare nell’immediato e che se non ben gestiti, sul lungo termine, possono portare a blocchi e problematiche psicologiche anche gravi.

Un buon rapporto insegnante-studente migliora la motivazione accademica?

In questo articolo si vuole evidenziare l'importanza delle relazioni interpersonali nel rapporto insegnante-studente e le influenze possibili che queste ultime hanno sulla motivazione accademica degli allievi.

insegnanteGli studi esistenti hanno dimostrato che una buona relazione insegnante-studente può risultare produttiva all’interno dei contesti classe (Davis, 2003; den Brok,Brekelmans, e Wubbels, 2004; Henderson, Fisher, e Fraser, 2000; Opdenakker, Maulana, e den Brok, 2012).

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Esibizionismo (1609682059724)

Max, 39 anni     Buonasera, dopo la morte dei miei genitori circa tre anni fa, mi sono chiuso in un mondo immaginario (un lavoro, una casa, la ...

Area Professionale

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

Le parole della Psicologia

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

Amnesia

Dal greco a-mnesis (non-ricordo), il termine amnesia indica la compromissione grave e selettiva della memoria a lungo termine (MLT), indipendente dal tipo di st...

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propri...

News Letters