Pubblicità

Articles Tagged ‘asilo’

Autostima bambini (1454016250861)

le risposte dellespertoDany, 37

 

D


Buonasera,
vorrei chiedere cortesemente un consulto riguardo mio figlio. Ha 5 anni e frequenta l'ultimo anno di asilo. È un bambino molto vivace, socievole ed allegro. In compenso anche molto testardo e decisamente geloso della sorella che ha quasi 7 anni e frequenta la 1 elementare.

Bimba 4 anni e scuola (1450704336267)

le risposte dellespertoSimona, 33

 

D


Buongiorno,
Mia figlia di 4 anni è al primo anno di asilo. Ogni mattina piange perchè io la lascio, ma nel corso della giornata mi dice la maestra che gioca e sta tranquilla. Da qualche giorno però la maestra mi riferisce che va continuamente in bagno a fare pipí, anche 10 volte nel corso della mattinata. Che devo fare? Rimproverarla o no (premetto che a casa va in bagno normalmente e non cosí tante volte). Come mi devo comportare? Grazie.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

R


Gentile Simona,
sicuramente i dati da lei ritenuti più rilevanti possono invitarci a riflettere su alcuni aspetti cruciali. L'ingresso a scuola, il distacco da un genitore, l'inizio di nuove relazioni e scambi sociali sono eventi che in ogni bambino creano delle reazioni diverse a seconda del tipo di attaccamento che questi hanno instaurato con la figura di riferimento (materna, in questo caso).

Trattandosi del primo anno, potrebbe rivelarsi utile un inserimento graduale, in cui inizialmente (tempo permettendo ovviamente) lei potrebbe essere presente a scuola ed osservare sua figlia, in modo da farle sentire la sua presenza anche quando instaura rapporti con altri bambini. Potrebbe poi diminuire gradualmente la sua presenza fino ad arrivare alla situazione attuale.

I problemi di enuresi che lei riferisce potrebbero essere approfonditi principalmente con il suo pediatra, in modo da escludere problematiche di tipo biologico, essendo presenti "da qualche giorno".

I rimproveri sono da evitare in presenza di manifestazioni inconsapevoli e sono da incoraggiare le espressioni delle proprie emozioni. Utile potrebbe essere farsi raccontare come si sente sua figlia a scuola.
In bocca al lupo.

 

(a cura della Dottoressa Antonella Bersano)

 

Pubblicato in data 28/12/2015

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Lo psicologo in Asilo Nido e in Scuola Materna, ieri ed oggi

scuola psicologoIl lavoro dello psicologo in Asilo nido ed in Scuola Materna non comincia oggi, ma - almeno in Regioni come L'Emilia e Romagna - in cui io lavoro da ormai molti anni, è cominciato a partire dall'inizio degli anni '70, e cioè dall'inizio dell'epopea dei Nidi e delle Materne comunali, anche se in questi ultimi anni è andato scemando.

Scuola d’Infanzia?

scuola d'infanziaLa Scuola d’Infanzia o Scuola Materna, rappresenta uno dei primi luoghi, esterni alla famiglia, dove il bambino viene educato, tutorato e accompagnato nel processo di crescita, nel concreto della sua quotidianità.

Rappresenta il luogo, dove il bambino dai tre ai sei anni, trascorrerà dalle quattro alle otto ore o più della propria giornata, per cinque o sei giorni settimanali, per 10-11 mesi l’anno. Già questo semplice calcolo, ci fa prendere coscienza dell’importanza, del peso e della significatività che quest’esperienza avrà sulla mente, sul corpo, sull’educazione, sul benessere totale dei nostri piccoli.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Limerence (o ultrattaccamento)…

È uno stato cognitivo ed emotivo caratterizzato da intenso desiderio per un'altra persona. Il concetto di Limerence (in italiano ultrattaccamento) è stato elab...

Resilienza

Quando parliamo di resilienza ci riferiamo alla quella capacità di far fronte in modo positivo a degli eventi traumatici riorganizzando positivamente la propria...

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

News Letters