Pubblicità

Articles Tagged ‘dizionario di psicologia’

Aggressività

In psicologia indica uno stato di tensione emotiva generalmente espresso in comportamenti lesivi e di attacco.

aggressivitàNel corso degli anni l’aggressività è stata considerata: come istinto, come reazione emotiva ad un evento frustrante o come una caratteristica mentale appresa.

Ailurofobia

ailurofobiaLa ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti.

La persona che manifesta questa fobia ha paura della vicinanza di questi animali, nonostante questi siano inoffensivi.

Akinetopsia

L'akinetopsia o achinetopsia è un deficit selettivo della percezione visiva del movimento.

akinetopsia

I pazienti con questo deficit riferiscono di vedere gli oggetti in movimento come se fossero fermi in varie posizioni della loro traiettoria.

Allucinazioni

Con il termine allucinazioni si fa riferimento alla percezione di qualcosa che non esiste, ma che tuttavia viene ritenuta reale.

allucinazioni

Le allucinazioni si presentano in: patologie degli organi di senso (pazienti con deprivazione sensoriale, sordastri, operati di cataratta); disturbi psicorganici (delirium ed alterazioni dello stato di coscienza, abuso di amfetaminici, cocaina, alcolismo cronico, epilessia temporale); psicosi funzionali (schizofrenia, depressione maggiore, episodi maniacali, disturbo post-traumatico da stress, disturbi dissociativi, disturbi di personalità).

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia,mentre le altre componenti del linguaggio risultano intatte.

anomia

Il paziente con anomia è in grado di ripetere una parola pronunciata, ma è incapace di denominare gli oggetti facendo lunghe pause nel tentativo di ricercare il termine significativo, utilizza circonlocuzioni (giro di parole) al fine di evitare la parola non ricordata, sostituzioni terminologiche (solitamente la parola è sostituita da una più generale, ad esempio: "quell'oggetto che..."), gesti e frasi che possono comunicare il significato.

Aplasia

Con il termine Aplasia si intende il mancato sviluppo di un tessuto o di un organo. 

aplasia

Deriva da un disfunzionamento delle cellule o dei tessuti che portano all’arresto del loro sviluppo. Questo mal funzionamento si presenta dopo la nascita e non è trasmissibile, ma può avere origine congenita. Può verificarsi anche in organi sani. Nel suo sviluppo, l'organo può rimanere più piccolo rispetto alla norma, può fermarsi allo stato iniziale di formazione o può presentare incompletezze di vario genere.

Apprendimento globale

L'appredimento globale riguarda il nostro modo personale di affrontare un problema.

apprendimento globale

Come viene appreso l'ambiente intorno a sé e come vengono acquisite nuove informazioni attraverso un comportamento cognitivo, affettivo e fisiologico determina lo stile di apprendimento. Gli stili di apprendimento posso essere classificati in vari modi e la persona stessa può usare stili diversi a seconda delle diverse situazioni.

Autoaccusa

Si definisce auotaccusa l'accusa che una persona fa, spontaneamente, di una propria colpa, anche inesistente.


autoaccusa

E' l'attribuzione di una colpa commessa da altri, che una persona fa a sè stessa.

Autotopoagnosia

L'autotopoagnosia è un disturbo di rappresentazione corporea, clinicamente raro, in cui è presente l'incapacità di indicare le parti del corpo.

AutotopoagnosiaNella maggior parte dei casi è dovuta a lesioni all'emisfero sinistro (dominante per il linguaggio) nelle regioni parietali o occipito-parietali.

Cervelletto

Il cervelletto è una delle strutture più grandi del sistema nervoso, circa 1/3 dell'intero volume intracranico ed è presente in tutti i vertebrati.

cervelletto

Anatomicamente, il cervelletto umano si presenta come una formazione ovoidale, dal peso di circa 130 grammi ed è disposto nella fossa cranica posteriore nascosto sotto gli emisferi cerebrali.

Climaterio

In medicina si intende il periodo che precede e segue la menopausa, nella donna, o il periodo che precede l'andropausa, negli uomini, caratterizzato dalla cessazione dell'attività delle ghiandole sessuali, più evidente nel sesso femminile per la cessazione dei cicli mestruali (menopausa).


climaterio

Iniziamo subito a specificare che non si tratta di una malattia ma è un periodo fisiologico naturale della vita.

Nella donna, in questo periodo, è comune riscontrare disturbi fisici e patologici causati dalla progressiva carenza di ormoni, tra cui gli estrogeni, e dall'involuzione dell'attività funzionale delle ovaie e il ciclo diventa sempre meno frequente fino a cessare completamente. Si manifesta intorno ai 40 anni e può avere una durata che varia dai 10 ai 15 anni.


Il periodo fertile della donna inizia con la pubertà e termina con la menopausa, ovvero con l'interruzione delle mestruazioni, intorno ai 48-55 anni. Tuttavia la scomparsa del ciclo mestruale non è improvvisa, essa infatti è preceduta da una lunga fase di transizione chiamata climaterio, durante la quale si manifestano la maggior parte dei disturbi accusati dalle donne, come vampate di calore, secchezza vaginale, insonnia e irritabilità. Fortunatamaente esistono diversi rimedi farmacologici e naturali che possono alleviare questi fastidi e contribuiscono al benessere della donna.

Pubblicità

Nel corso del climaterio, si distinguono tre fasi:

  • Premenopausa: prima comparsa di irregolarità del ciclo e/o disturbi legati alla sindrome climaterica; declino della funzione ovarica;
  • Menopausa: coincide con l'ultima mestruazione;
  • Post-menopausa: inizia dopo un anno dalle ultime mestruazioni spontanee.

Nell'uomo il climaterio, detto anche andropausa, porta a un involuzione dei testicoli che però inizia, in genere, più tardi rispetto a quella delle ovaie nelle donne, e avviene in maniera più lenta e graduale. La produzione degli spermatozoi può essere ancora presente a 70-80 anni, mentre con la menopausa la produzione di uova nelle ovaie cessa completamente.


I sintomi del climaterio maschile possono essere diversi ma si tratta per lo più di sintomi psichici: nervosismo, irritabilità, cattivo umore, diminuzione della memoria e della capacità di concentrazione, depressione. A questi si possono associare palpitazioni, mal di testa, vampate di calore e crisi di sudorazione, perdita dell’appetito. In ogni caso si ha una diminuzione, più o meno marcata, del desiderio e dell’attività sessuale. Inoltre, col passare del tempo, si evidenzia un aumento del volume della prostata che può portare a disturbi urinari.


Anche in questo caso esistono dei rimedi farmacologici come ad esempio la somministrazione di testosteroni, associato eventualmente ad altri farmaci.

 

Per appofondimenti

  • corriere.it
  • wikipedia.org

 

(A cura del Dottor Andrea di Maio)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Complesso di Elettra

complesso di elettraSecondo la definizione di Carl Gustav Jung il complesso di Elettra si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con la propria madre per il possesso del padre.


Il nome viene dal personaggio mitologico di Elettra, figlia di Agamennone e Clitennestra: questa fece uccidere il suo sposo dal proprio amante Egisto e, quando Elettra scoprì di chi fosse la responsabilità della morte di suo padre, si vendicò aiutando il fratello Oreste a uccidere la madre.

Dacrifilia

È una pratica sessuale, fa parte delle parafilie, e consiste nel provare piacere sessuale nel vedere un soggetto piangere. 

dacrifilia

L'attrazione sessuale scaturisce proprio dalla produzione di lacrime relative al pianto, casusata da un forte stress emotivo. È una pratica sessuale insolita e sta diventando sempre più di moda.

Il piacere che si prova è quello di essere di aiuto al partner. Di solito, quando una persona piange, lo fa per manifestare un malessere, legato ad uno stato di tristezza, di debolezza o di stress.

Disforia

Il termine viene utilizzato in psichiatria per indicare un'alterazione dell'umore in senso depressivo, caratterizzato da sentimenti spiacevoli, quali tristezza, inquietudine, sensazioni di frustrazione e pessimismo, tensione e irritabilità.

disforia

Porta il soggetto anche ad avere la tendenza a reagire in modo esagerato agli stimoli esterni e interni, con scarsa capacità di autocontrollo. In sintesi, si caratterizza come una condizione contraria all’euforia.
Durante la propria vita, tutti possono trovarsi davanti a questa condizione, può manifestarsi in periodi più o meno lunghi. Può manifestarsi in casi di disturbi maggiori e disturbi d'ansia. Si manifesta anche nei soggetti affetti da disturbi di personalità borderline.

Disturbo Schizotipico di Personalità

Disturbo Schizotipico di PersonalitaL'individuo con Disturbo Schizotipico di Personalità presenta tratti di stranezza, eccentricità, così come un marcato e persistente isolamento sociale.

Il disturbo schizotipico della personalità è una condizione psichiatrica caratterizzata da disturbi del comportamento e del pensiero, credenze e paure insolite, nonché difficoltà a formare e mantenere relazioni interpersonali.

Ginandromorfismo

Condizione, in biologia, per cui in un individuo (ginandromorfo) compaiono alcuni caratteri propri del maschio e altri propri della femmina, per effetto di un mosaicismo tra cellule a genotipo femminile e cellule a genotipo maschile.

ginandromorfismo

Questi caratteri possono essere di due tipi:

  • Somatosessuali: controllati geneticamente, caratteristici degli artropodi e di alcuni vertebrati;
  • Eusessuali: sotto il controllo ormonale, tipici dei vertebrati.

In particolare esistono due condizioni relative a questo fenomeno:

  • Un ginandromorfismo bilaterale o bipartito, dove queste caratteristiche sono distribuite secondo il piano di simmetria bilaterale dell'animale, ossia quando la parte sinistra del corpo corrisponde a un sesso e la destra al sesso opposto (es. lepidotteri);
  • un ginandromorfismo a mosaico, in cui le stesse caratteristiche si presentano distribuite in maniera irregolare (es: imenotteri, ditteri);
  • un ginandromorfismo trasversale, nei casi in cui la parte anteriore e posteriore dell’animale sono di sesso opposto;
  • un ginandromorfismo frontale quando lo stesso si verifica fra la porzione dorsale e ventrale dell’animale.


Secondo Morgan (1916) "il ginandromorfismo fenotipico dipenderebbe da una particolare condizione genotipica: in una delle prime divisioni di un uovo provvisto di due cromosomi sessuali XX, una delle cellule risultanti potrebbe perdere un cromosoma X, per cui il corrispondente blastomero avrebbe caratteristiche maschili e cosi, alla fine dello sviluppo, si avrebbe un individuo che porterebbe alcune caratteristiche femminili ed altre maschili."
I casi più tipici si trovano negli insetti, per es., farfalle, mosche, api.

In molti casi, come gli uccelli, il fenomeno sembra causato dall'azione di particolari ormoni sessuali e all'età. Ad esempio nel cardinale rosso (Cardinalis cardinalis) affetto da ginandromorfismo, i maschi di questa specie sfoggiano una colorazione rossa per attrarre le partner, mentre le femmine hanno evoluto un piumaggio color crema per non attirare le attenzioni dei predatori

 

Per approfondimenti

  • wikipedia.org
  • GHISELIN M.T. - 1974 - The economy of nature and the evolution of sex. Univ. California Press.
  • REINBOTH R: - 1975 - Intersexuality in Animai Kingdom. Springer-Verlag ed., Berlin.

 

 

(A cura del Dottor Andrea di Maio)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Insight

insightL’insight, a livello letterale, ha come significato vedere dentro. Nel linguaggio psicologico italiano i termini  che  più si avvicinano sono: intuizione e presa di coscienza. Non è molto semplice dare una definizione completa e precisa d’insight.

L’Oxford Dictionary fa risalire il termine inglese insight a internalsight , ossia sguardo interiore, guardare con gli occhi della mente, penetrare con gli occhi dell’intelligenza nel carattere interno o nascosto delle cose, avere uno sguardo che va oltre la superficie, cogliere la profonda natura di qualcosa.

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi.

malaxofobia

E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci.

Nausea

E' una sensazione di malessere e fastidio allo stomaco che può precedere il vomito. 

parola nausea

Di solito la nausea si presenta nel momento in cui mangiamo qualcosa di sbagliato e si manifesta con uno stato di disagio dell'apparato digerente.

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia).Ninfomania

Secondo la definizione la ninfomania è un termine usato per indicare il desiderio sessuale morboso e insaziabile nelle donne.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Rottura di un rapporto (156631…

  Vu Thi Bich Diep, 28 Buongiorno,Io e il mio ragazzo non ci parliamo da due settimane. I motivi sono che lui si sente troppo stressato per colpa del...

Mi sento fuori dal mondo (1565…

  carol, 28 Sono una neo mamma di 28 anni, brasiliana, vivo in italia da quando ne ho 10.Il mio disagio purtroppo mi segue da quando sono piccola. Al...

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Area Professionale

Scrivere un articolo per farsi…

Prosegue la nostra guida su come scrivere un testo per il web. Nell'articolo precedente ci siamo preoccupati di progettare il testo in modo che fosse in grado d...

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Le parole della Psicologia

Aplasia

Con il termine Aplasia si intende il mancato sviluppo di un tessuto o di un organo.  Deriva da un disfunzionamento delle cellule o dei tessuti che porta...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. ...

News Letters