Pubblicità

Articles Tagged ‘figli’

Intervento Psicologico rivolto a Genitori e/o Figli

intervento psicologico con genitori e figli Già a partire dal concepimento e dallo sviluppo del feto, poi con la nascita, i genitori modellano il comportamento dei propri figli attraverso l’invio di messaggi verbali e non verbali, che vengono codificati, rielaborati e interpretati dai figli.

Il bambino avrà modo di ampliare i propri schemi cognitivi interagendo con i diversi contesti come quello scolastico, sociale, ecc., che contribuiranno alla strutturazione della sua personalità. Oggigiorno entrambi i genitori svolgono un ruolo attivo nell’educazione dei propri figli, essi devono prendere consapevolezza di quanto sia importante saper comunicare con i propri figli e come farlo.

Per instaurare una comunicazione efficace è importante partire da una dimensione di ascolto, prestando attenzione alle emozioni e alle opinioni che i figli possono esprimere. Tale modalità di comunicazione va costruita quotidianamente, con pazienza e attenzione, cominciando dai primissimi scambi verbali e non verbali.

4 Verità sull'abuso

Allontanarsi dal carnefice e smettere di subire è la decisone più saggia

vittime abusoL'abuso è un argomento molto difficile da trattare ed è ancora più complesso da accettare quando si è vittima.

Depressione post tumore al seno (1455114884487)

le risposte dellespertoAngela, 37

 

D

 


Gentili Dottori,
mi chiamo Angela ed ho 37 anni, svolgo attività di dipendente, figlia unica di genitori separati e convivo col mio compagno ma non abbiamo ancora figli.

Figli (adulti) che non vogliono crescere

In Italia, la media di giovani che vive ancora con mamma e papà è una delle più alte d'Europa. Colpa di fattori economici, ma anche di blocchi psicologici e culturali: preziosi consigli per cambiare.figli adulti

Una generazione di Peter Pan che vive in uno stato di adolescenza prolungata, evitando le responsabilità – matrimonio o convivenza, figli, mutuo per l'acquisto di una casa – il più a lungo possibile.

Costringendo i genitori a confrontarsi con una prole che non riesce a diventare realmente adulta e a costruirsi una propria indipendenza psicologica e di vita.

Figli adolescenti, scelte e tipologia di ascolto genitoriale.

Un nuovo studio ha dimostrato che le tecniche di ascolto partecipato come il contatto visivo, l'annuire e i feedback attraverso l'uso di parole chiave per lodare l'apertura al dialogo del nostro interlocutore, aiutano gli adolescenti (favoriscono il dialogo) quando ammettono di avere avuto un "cattivo comportamento" e lo condividono con i loro genitori.

Figli adolescenti scelte e tipologia di ascolto genitorialejpg

I ricercatori dell'Università di Reading e di Haifa hanno chiesto a 1001 ragazzi, dai 13 ai 16 anni, di osservare una conversazione tra un genitore e un adolescente in una situazione difficile e complessa, con il genitore che adottava un linguaggio del corpo e un comportamento di ascolto diversi e in diverse versioni.

Figli che amano troppo

Come sciogliere i nodi con i propri genitori

Figli che amano troppo“Non riesco a dirgli di no”, “Mi sento sempre in colpa”, “Non voglio deluderli”, “Mi accusano di metterli sempre dopo i miei genitori”: quelli che parlano sono i figli che amano troppo e raccontano di un amore così grande da indurre in equivoci che limitano e soffocano la loro vita; la maggior parte di noi, a sua insaputa, ha fatto un Patto Infantile con i genitori che lo obbliga a restare loro fedele.

Figli condivisi

FIGLI CONDIVISIL'affido condiviso è stato voluto come soluzione indispensabile e definitiva per tutelare i figli e abbassare la conflittualità tra i genitori.

Figli fragili

FIGLI FRAGILIE se la colpa fosse nostra? Di genitori esili, smarriti, incapaci di fronteggiare il disagio dei figli?

Figli ribelli e dispettosi. Non ce la facciamo più (1496355260911)

Dreams83, 33le risposte dell'esperto

domanda

 

 

Salve,

siamo genitori di 2 ragazzini di quasi 12 e 9 anni e siamo davvero molto provati.

Il maggiore è da tempo che presenta comportamenti "fuori dalle righe"... si può dire quasi da sempre: molto infantile, fa spesso incubi notturni, è oppositivo, irresponsabile (comportamento presente anche a scuola, che porta a conseguenze negative su rendimento e condotta ); il minore era molto responsabile e serio fino ai 5 anni...poi basta; ora è spesso molto aggressivo anche nei nostri confronti, ribelle, vendicativo e dispettoso.

Genitori autorevoli

GENITORI AUTOREVOLIItalo Farnetani, fra i più stimati pediatri italiani, offre in questo volume il suo nuovo contributo alle mamme e ai papà impegnati ad affrontare i problemi educativi dei propri figli dalla nascita all'adolescenza.

Genitori grandi maestri di vita

genitori grandi maestri di vitaIl volume raccoglie una selezione di articoli pubblicati negli anni da Bollea, all'interno delle sue rubriche di pedagogia. Il neuropsichiatra applica la sua esperienza pedagogica e la sua saggezza ad alcune importanti questioni di educazione dei figli.

I cuccioli non dormono da soli

Il sonno dei bambini oltre i metodi e i pregiudizi

I cuccioli non dormono da soli"Questo libro vuole aiutarvi a scegliere dove e come dormire serenamente con i vostri figli. Sfogliandolo, troverete qualche consiglio pratico e alcune semplici strategie che spero vi aiuteranno a gestire i risvegli dei vostri bambini con serenità e, perché no, con un pizzico di fantasia.

I genitori depressi influenzano i figli a scuola

Quando i genitori sono affetti dalla depressione possono avere un notevole impatto negativo sulle prestazioni dei loro figli a scuola

mamma surrogata.600I ricercatori della Drexel University hanno guidato un team di docenti del Karolinska Institutet di Stoccolma in Svezia e l'Università di Bristol in Inghilterra per uno studio su un milione di bambini nati dal 1984 fino al 1994.

I rischi causati dai social ai nostri figli!

I ricercatori mettono in guardia i genitori da potenziali danni di messaggi on-line sui loro figli.

on lineCiò che i genitori condividono con gli altri sui loro figli in quest’epoca digitale presenta nuovi rischi e spesso imprevisti, secondo una nuova ricerca presentata presso l'American Academy of Pediatrics (AAP) nel 2016 durante la Conferenza Nazionale a San Francisco. (Venerdì 21 ottobre)

Il mio compagno non viene accettato da mio figlio [1616144397861]

le risposte dellesperto

Alex, 46 anni

 

domanda

 

Sono separata da 3 anni,

convivo col mio compagno da 2 anni. Inizialmente mio figlio di 13 anni lo aveva accettato ed erano molto complici poi il mio ex marito, non ha perso mai occasione per metterlo in cattiva luce e di punto in bianco mio figlio gli ha tolto il saluto. In casa tra loro regna il gelo. Il mio compagno lo saluta e gli parla e lui non gli risponde e non lo calcola . Lo ignora proprio. Se ne sta rinchiuso nella sua cameretta e mi ha chiesto di poter mangiare da solo x non stare con lui. Ho provato a parlargli ma mi ha risposto che ha piacere che io sia felice con lui ma non posso pretendere che anche lui lo sia. Non so proprio come comportarmi . Il padre non ha intenzione di cambiare atteggiamento e per il mio compagno è davvero molto frustrante. I miei rapporti col padre sono pessimi. Pure io con lui ho provato ad instaurare un dialogo ma anche lui mi ha addirittura tolto il saluto.

Devo continuare a vivere accettando questa situazione di gelo oppure devo intervenire ed imporre che in casa ci siadialogo tra tutti?

Non credo che otterrei nulla: ditemi come comportarmi vi prego. On line ho letto che c'è poco da fare e che con la maturità passeranno i dissapori.

Non credo di farcela ad aspettare tanto.


Grazie
Alex

 

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

 

risposta

Gent.le Alex,

provi ad ascoltare il dolore profondo di suo figlio. Provi a dedicargli un po di tempo, stare tu e lui. Provi a farlo sentire desiderato, voluto, probabilmente non sono solo la parole che il padre gli ha potuto riferire che lo ha reso intransigente nei confronti del tuo compagno. Ascoltare i figli è molto importante. Chissà magari lo ha trascurato un pò anche se non si è accorta.

Dopo che hai ripreso il rapporto buono con lui, cerchi di capire cosa è successo, tra il suo compagno e suo figlio. Se dovesse essere stato il suo ex marito a creare problemi per gelosia o per rabbia nei suoi confronti, piano piano questa cosa emergerà e lei la dovrà affrontare solo con suo figlio. Se fosse nel mio studio di psicoterapia, le porrei la domanda di "come mai è finito il suo prima rapporto con il padre di suo figlio".

E poi ancora "suo figlio è un figlio che è stato voluto da entrambi le parti, da lei e suo marito".

Mi auguro che possa riprendere a stare bene oltre che con il suo compagno anche con suo figlio. Essere genitore è importante, ed i figli per crescere bene non hanno bisogno solo di cose materiali o di regole, ma soprattutto sentire che sia un " figlio amato, voluto, pensato".

 

Cordiali saluti
Dr.ssa Iolanda Lo Bue

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

L'arte di negoziare con i figli

larte di negoziare con i figliNell'educazione dei figli ci si trova oggi di fronte a sfide più complesse e impegnative di un tempo, che richiedono ai genitori e educatori competenze sempre più articolate e precise. Ad esempio, i conflitti che sorgono in famiglia e che possono generare crisi profonde, devono essere affrontati con modalità diverse rispetto a una volta, con quelle che possiamo definire vere e proprie "strategie negoziali".

Questo libro è un pratico strumento di aiuto per intervenire nelle situazioni problematiche avvalendosi della negoziazione come strumento educativo e di relazione con i figli. Si tratta di sviluppare all'interno della famiglia un'abilità e un insieme di tecniche per migliorare la comunicazione e favorire la crescita e lo sviluppo reciproco.

L'arte di negoziare con i figli

Dal genitore "bancomat" al genitore competente.

arte negoziare figli

In questo libro di centrale rilevanza è il tema della gestione dei conflitti relazionali nel contesto familiare, in particolare tra genitori e figli adolescenti, dove la negoziazione può risultare un valido strumento nella soluzione dei problemi, ma anche per migliorare la comunicazione, per sollecitare genitori ed educatori a migliorare il rapporto empatico (mettersi nelle scarpe dell'altro) ed ampliare la capacità di cambiamento di prospettiva, spostare la centratura da sè stessi agli altri e a cercare di essere allo stesso tempo flessibili ed a consentire l'autodisciplina.

L'età dei miracoli. Sette passi per crescere figli indipendenti e felici (0-2 anni)

I primi due anni di vita dei bambini appaiono spesso sotto una luce prodigiosa: tutto quello che succede è nuovo, e la capacità dei piccoli di apprendere e crescere riserva continue sorprese. Per loro è davvero “L’età dei miracoli”. Eppure, questo è anche il periodo nel quale i neogenitori cercano affannosamente risposte a una miriade di dubbi.

La manipolazione affettiva nella coppia: risponde l'autrice

Riconoscere ed affrontare il cattivo partner. Intervista alla dott.ssa Pascale Chapaux-Morelli

testataIl problema della manipolazione affettiva suscita un interesse sempre maggiore, in particolare quando si pone all'interno della coppia, assumendo veri aspetti patologici ed il nome di "perversione narcisista".

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Il metadone

Il metadone è un oppioide sintetico, usato in medicina come analgesico nelle cure palliative e utilizzato per ridurre l'assuefazione nella terapia sostitutiva d...

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

News Letters