Pubblicità

Articles Tagged ‘gioco’

Fuori da ogni gioco (1543694502750)

le risposte dellespertoElgiro, 59

domanda

 

 

Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e ormai fuori da ogni gioco.

Il gioco e l'ascolto del disagio infantile: i gioco-laboratori di ascolto

gioco e ascolto del disagioNegli ultimi anni la nostra società ha maturato una maggiore coscienza della diffusione di maltrattamenti, abusi sessuali e psicologici sui bambini, soprattutto in ambito intrafamiliare, e si è interrogata sui modi più efficaci per riconoscere precocemente condizioni di disagio e di abuso, che, a ogni modo, ancora oggi, restano spesso nascosti, per emergere solo quando guadagnano un posto nella cronaca nera.

Il Gioco e la Cura

come viene percepito il gioco da parte di bambini affetti da tumore, nel processo curativo?

il gioco e la curaE’ stato sviluppato uno studio descrittivo, esplorativo e qualitativo condotto in unità di cancro per bambini a Natal, Rio Grande do Norte, Brasile.

I dati sono stati raccolti tra ottobre 2013 e gennaio 2014 per mezzo di documentazione fotografica ed interviste semi-strutturate con otto bimbi, e l'analisi dei contenuti, con particolare attenzione su due categorie: strumenti ausiliari durante il gioco; e l'influenza del gioco nel processo di cura.

Il pensiero di Winnicott

Il pensiero di WinnicottQuesti saggi tentano di cogliere nella sua interezza il contributo psicoanalitico di Winnicott, pur esplorando, secondo tagli diversi e da prospettive differenziate i vari aspetti della sua opera: il gioco, lo spazio transazionale e l'esperienza culturale, ma anche la pratica psicoanalitica , la concettualizzazione del vero e del falso Sè, la teoria clinica del rapporto madre-bambino.

La dipendenza da gioco online ed il controllo degli impulsi

Il disturbo da gioco (Internet gaming disorder, IGD) è una condizione caratterizzata da gioco compulsivo online fino all'esclusione di altri interessi.

 dipendenza da gioco online

 Le persone con IGD spesso soffrono di significativi handicap o disturbi e implicano molti effetti negativi sul lavoro. sul rendimento scolastico o sulle relazioni a causa della quantità di ore passate a giocare. Mostrano anche i classici sintomi dell'astinenza, quando non stanno giocando.

La dipendenza dai videogiochi esiste davvero?

Un recente studio ha rilevato che circa il 90% dei giocatori non gioca in modo dannoso. ma alcuni possono diventare dipendenti e soffrire su più livelli: mentale, sociale e comportamentale.

la dipendenza dai videogiochi esiste davvero

Per la maggior parte degli adolescenti, giocare ai videogiochi è una forma di intrattenimento divertente e spesso sociale. Mentre giocare ai videogiochi può essere un passatempo divertente, c'è una crescente preoccupazione che passare troppo tempo a giocare possa portare a esiti di sviluppo negativi e possa diventare una dipendenza.

METTERSI IN GIOCO. Riflessioni sul lavoro psicologico ed educativo con i bambini

mettersi in giocoLa relazione con il bambino è una relazione molto delicata e coinvolgente, giacché è sempre, prima di tutto, una relazione tra due universi emozionali.

Il bambino, infatti, è un sensibilissimo radar delle nostre emozioni, dei nostri stati d’animo, molto abile nel leggere con chiarezza dentro di noi e vederci per come realmente siamo.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Lapsus

Il lapsus (in latino "caduta/scivolone") è un errore involontario consistente nel sostituire un suono o scrivere una lettera invece di un’altra, nella fusione d...

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. ...

Cherofobia

Il termine cherofobia deriva dal greco chairo “rallegrarsi” e phobia “paura”. La cherofobia o "edonofobia",  può essere definita come l’avversione patologi...

News Letters