Pubblicità

Articles Tagged ‘giudizio’

Chi è di buonumore giudica meglio

Secondo un studio americano, di cui riporta notizia l’Università di Chicago, chi è di buonumore riesce a giudicare meglio di chi vede tutto nero.

Il buonumore aiuta a giudicareSecondo questo studio, infatti, il buonumore paga; i risultati pubblicati sul Journal of Consumer Research spiegano che l’atteggiamento mentale sia fondamentale, anche nel fare un acquisto, dato che chi è di buonumore sceglie meglio.

Come gli altri ci giudicano

Due fattori che determinano l’accettazione sociale

Giudizo altruiIl bisogno di accettazione occupa una posizione piuttosto alta nella nostra lista di priorità sociali. Questo bisogno è guidato da una serie di fattori diversi. alcuni primordiali (ad es. non voler essere respinto dal gruppo), altri più prosaici (ad es. volersi sedere al tavolo dei bambini più “cool”).
Ad ogni modo la cosa più importante è come ci vedono gli altri, o più precisamente, come gli altri ci percepiscono e come si comportano nei nostri confronti in base a tale percezione.

E' giusto dare una seconda chance?

Non fermarsi alla prima impressione potrebbe offrirti nuove opportunità

Give a second chanceHai finalmente litigato con un conoscente nonostante tu l'abbia incontrato solo una volta, pertanto ti farebbe felice evitarlo in futuro.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

News Letters