Pubblicità

Articles Tagged ‘le parole della psicologia’

Abreazione

abreazioneIl termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un evento traumatico, mediante una scarica affettiva, evitando così che tale affetto divenga patogeno.

Acalculia

L'acalculia è un deficit di calcolo mentale e scritto.

acalculia

Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale la definì come “un disturbo acquisito della capacità di calcolo, conseguente a una lesione cerebrale”.

Affetto

L'affetto (dal latino "adfectus", da "adficere", cioè "ad" e "facere", che significano "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità, che lega una persona a qualcuno o qualcosa.

Affetto le parole della psicologia

Nell’uso comune, infatti, l'affetto riguarda anche l’inclinazione sentimentale per creature animali o vegetali e persino per particolari oggetti, soprattutto se ricollegati ad una persona cara o a dei ricordi.

Ailurofobia

ailurofobiaLa ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti.

La persona che manifesta questa fobia ha paura della vicinanza di questi animali, nonostante questi siano inoffensivi.

Akinetopsia

L'akinetopsia o achinetopsia è un deficit selettivo della percezione visiva del movimento.

akinetopsia

I pazienti con questo deficit riferiscono di vedere gli oggetti in movimento come se fossero fermi in varie posizioni della loro traiettoria.

Alcolismo

L'alcolismo si contraddistingue per l'incapacità di rinunciare ad assumere bevande alcoliche e ad autocontrollarne la quantità.

alcool

L'alcolismo può essere talmente forte nella incapacità di autocontrollo che si traduce in situazioni problematiche sul piano sociale, familiare e lavorativo o si ripercuote negativamente sulla salute. 

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia,mentre le altre componenti del linguaggio risultano intatte.

anomia

Il paziente con anomia è in grado di ripetere una parola pronunciata, ma è incapace di denominare gli oggetti facendo lunghe pause nel tentativo di ricercare il termine significativo, utilizza circonlocuzioni (giro di parole) al fine di evitare la parola non ricordata, sostituzioni terminologiche (solitamente la parola è sostituita da una più generale, ad esempio: "quell'oggetto che..."), gesti e frasi che possono comunicare il significato.

Aplasia

Con il termine Aplasia si intende il mancato sviluppo di un tessuto o di un organo. 

aplasia

Deriva da un disfunzionamento delle cellule o dei tessuti che portano all’arresto del loro sviluppo. Questo mal funzionamento si presenta dopo la nascita e non è trasmissibile, ma può avere origine congenita. Può verificarsi anche in organi sani. Nel suo sviluppo, l'organo può rimanere più piccolo rispetto alla norma, può fermarsi allo stato iniziale di formazione o può presentare incompletezze di vario genere.

Apprendimento globale

L'appredimento globale riguarda il nostro modo personale di affrontare un problema.

apprendimento globale

Come viene appreso l'ambiente intorno a sé e come vengono acquisite nuove informazioni attraverso un comportamento cognitivo, affettivo e fisiologico determina lo stile di apprendimento. Gli stili di apprendimento posso essere classificati in vari modi e la persona stessa può usare stili diversi a seconda delle diverse situazioni.

Autotopoagnosia

L'autotopoagnosia è un disturbo di rappresentazione corporea, clinicamente raro, in cui è presente l'incapacità di indicare le parti del corpo.

AutotopoagnosiaNella maggior parte dei casi è dovuta a lesioni all'emisfero sinistro (dominante per il linguaggio) nelle regioni parietali o occipito-parietali.

Cervelletto

Il cervelletto è una delle strutture più grandi del sistema nervoso, circa 1/3 dell'intero volume intracranico ed è presente in tutti i vertebrati.

cervelletto

Anatomicamente, il cervelletto umano si presenta come una formazione ovoidale, dal peso di circa 130 grammi ed è disposto nella fossa cranica posteriore nascosto sotto gli emisferi cerebrali.

Climaterio

In medicina si intende il periodo che precede e segue la menopausa, nella donna, o il periodo che precede l'andropausa, negli uomini, caratterizzato dalla cessazione dell'attività delle ghiandole sessuali, più evidente nel sesso femminile per la cessazione dei cicli mestruali (menopausa).


climaterio

Iniziamo subito a specificare che non si tratta di una malattia ma è un periodo fisiologico naturale della vita.

Nella donna, in questo periodo, è comune riscontrare disturbi fisici e patologici causati dalla progressiva carenza di ormoni, tra cui gli estrogeni, e dall'involuzione dell'attività funzionale delle ovaie e il ciclo diventa sempre meno frequente fino a cessare completamente. Si manifesta intorno ai 40 anni e può avere una durata che varia dai 10 ai 15 anni.


Il periodo fertile della donna inizia con la pubertà e termina con la menopausa, ovvero con l'interruzione delle mestruazioni, intorno ai 48-55 anni. Tuttavia la scomparsa del ciclo mestruale non è improvvisa, essa infatti è preceduta da una lunga fase di transizione chiamata climaterio, durante la quale si manifestano la maggior parte dei disturbi accusati dalle donne, come vampate di calore, secchezza vaginale, insonnia e irritabilità. Fortunatamaente esistono diversi rimedi farmacologici e naturali che possono alleviare questi fastidi e contribuiscono al benessere della donna.

Pubblicità

Nel corso del climaterio, si distinguono tre fasi:

  • Premenopausa: prima comparsa di irregolarità del ciclo e/o disturbi legati alla sindrome climaterica; declino della funzione ovarica;
  • Menopausa: coincide con l'ultima mestruazione;
  • Post-menopausa: inizia dopo un anno dalle ultime mestruazioni spontanee.

Nell'uomo il climaterio, detto anche andropausa, porta a un involuzione dei testicoli che però inizia, in genere, più tardi rispetto a quella delle ovaie nelle donne, e avviene in maniera più lenta e graduale. La produzione degli spermatozoi può essere ancora presente a 70-80 anni, mentre con la menopausa la produzione di uova nelle ovaie cessa completamente.


I sintomi del climaterio maschile possono essere diversi ma si tratta per lo più di sintomi psichici: nervosismo, irritabilità, cattivo umore, diminuzione della memoria e della capacità di concentrazione, depressione. A questi si possono associare palpitazioni, mal di testa, vampate di calore e crisi di sudorazione, perdita dell’appetito. In ogni caso si ha una diminuzione, più o meno marcata, del desiderio e dell’attività sessuale. Inoltre, col passare del tempo, si evidenzia un aumento del volume della prostata che può portare a disturbi urinari.


Anche in questo caso esistono dei rimedi farmacologici come ad esempio la somministrazione di testosteroni, associato eventualmente ad altri farmaci.

 

Per appofondimenti

  • corriere.it
  • wikipedia.org

 

(A cura del Dottor Andrea di Maio)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Cyberbullismo

cyberbullismoIl termine cyberbullismo, o bullismo on-line, indica una nuova forma di bullismo e di molestia che avviene tramite l’uso delle nuove tecnologie: e-mail, blog, chat, cellulari e social network.

Essa può essere definita una nuova forma di devianza giovanile, basata sull’utilizzo di internet o del cellulare come armi di violenza o di offesa tra i pari.

Dipendenza

dipendenzaLa dipendenza è una condizione di bisogno incoercibile di uno specifico comportamento o di una determinata sostanza (stupefacenti, farmaci, alcol, shopping, Internet, …), per cui la persona dipendente perde ogni possibilità di controllo sull’impulso ad ottenere l’oggetto della stessa.

Disforia

Il termine viene utilizzato in psichiatria per indicare un'alterazione dell'umore in senso depressivo, caratterizzato da sentimenti spiacevoli, quali tristezza, inquietudine, sensazioni di frustrazione e pessimismo, tensione e irritabilità.

disforia

Porta il soggetto anche ad avere la tendenza a reagire in modo esagerato agli stimoli esterni e interni, con scarsa capacità di autocontrollo. In sintesi, si caratterizza come una condizione contraria all’euforia.
Durante la propria vita, tutti possono trovarsi davanti a questa condizione, può manifestarsi in periodi più o meno lunghi. Può manifestarsi in casi di disturbi maggiori e disturbi d'ansia. Si manifesta anche nei soggetti affetti da disturbi di personalità borderline.

Disfunzioni Sessuali

disfunzioni sessuali

La classificazione proposta dall’ICD-10 (International Classification of Diseases, Decima Versione) indica, innanzitutto, quattro criteri generali per poter diagnosticare una disfunzione sessuale:

  1. il soggetto non è capace di partecipare ad un rapporto sessuale nella maniera desiderata;
  2. la disfunzione si verifica frequentemente, ma può essere assente in alcune occasioni;
  3. la disfunzione è stata presente per almeno sei mesi;
  4. la disfunzione non è interamente attribuibile ad un’altra sindrome o disturbo mentale e comportamentale, compreso nell’ICD-10, a malattie somatiche (ad esempio, endocrine) o a trattamenti farmacologici.

Emozione

Reazione affettiva a uno stimolo ambientale che insorge repentinamente e ha breve durata, come ad esempio paura, rabbia tristezza, gioia, disgusto, attesa. sorpresa.

EmozioneSecondo alcuni studiosi, si tratta di sentimenti psichici reattivi, di carattere acuto, di grado marcato, accompagnati da fenomeni somatici (ad esempio: paurak, gioia).

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia con il suo vissuto affettivo, sia che si tratti di gioia che di dolore.  Può essere anche definito come “la capacità di sentire ciò che un altro sente”.

empatiaÈ possibile fare una distinzione tra empatia positiva ed empatia negativa: nel primo caso essa è la capacità del soggetto di partecipare pienamente ai sentimenti di un’altra persona, l’empatia negativa, invece, è l’incapacità del soggetto di empatizzare i sentimenti altrui, in quanto qualcosa in lui si oppone.

Ginandromorfismo

Condizione, in biologia, per cui in un individuo (ginandromorfo) compaiono alcuni caratteri propri del maschio e altri propri della femmina, per effetto di un mosaicismo tra cellule a genotipo femminile e cellule a genotipo maschile.

ginandromorfismo

Questi caratteri possono essere di due tipi:

  • Somatosessuali: controllati geneticamente, caratteristici degli artropodi e di alcuni vertebrati;
  • Eusessuali: sotto il controllo ormonale, tipici dei vertebrati.

In particolare esistono due condizioni relative a questo fenomeno:

  • Un ginandromorfismo bilaterale o bipartito, dove queste caratteristiche sono distribuite secondo il piano di simmetria bilaterale dell'animale, ossia quando la parte sinistra del corpo corrisponde a un sesso e la destra al sesso opposto (es. lepidotteri);
  • un ginandromorfismo a mosaico, in cui le stesse caratteristiche si presentano distribuite in maniera irregolare (es: imenotteri, ditteri);
  • un ginandromorfismo trasversale, nei casi in cui la parte anteriore e posteriore dell’animale sono di sesso opposto;
  • un ginandromorfismo frontale quando lo stesso si verifica fra la porzione dorsale e ventrale dell’animale.


Secondo Morgan (1916) "il ginandromorfismo fenotipico dipenderebbe da una particolare condizione genotipica: in una delle prime divisioni di un uovo provvisto di due cromosomi sessuali XX, una delle cellule risultanti potrebbe perdere un cromosoma X, per cui il corrispondente blastomero avrebbe caratteristiche maschili e cosi, alla fine dello sviluppo, si avrebbe un individuo che porterebbe alcune caratteristiche femminili ed altre maschili."
I casi più tipici si trovano negli insetti, per es., farfalle, mosche, api.

In molti casi, come gli uccelli, il fenomeno sembra causato dall'azione di particolari ormoni sessuali e all'età. Ad esempio nel cardinale rosso (Cardinalis cardinalis) affetto da ginandromorfismo, i maschi di questa specie sfoggiano una colorazione rossa per attrarre le partner, mentre le femmine hanno evoluto un piumaggio color crema per non attirare le attenzioni dei predatori

 

Per approfondimenti

  • wikipedia.org
  • GHISELIN M.T. - 1974 - The economy of nature and the evolution of sex. Univ. California Press.
  • REINBOTH R: - 1975 - Intersexuality in Animai Kingdom. Springer-Verlag ed., Berlin.

 

 

(A cura del Dottor Andrea di Maio)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Ippocampo

IppocampoStruttura sottocorticale sistuata all'interno di ciascun emisfero cerebrale, in corrispondenza della superficie mediale, dalla forma simile ad un cavalluccio marino.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sessualità (1560543734926)

Cinzia,56 Buonasera, c’è una cosa che mi assilla. ...

Coppia e Famiglia (15604028132…

damiano, 46 Ho una dipendenza affettiva verso una donna della mia eta'. ...

Oscillazioni (1558793295819)

Tatiana, 21 E' difficile dire a che campo appartiene il mio problema, penso sia un insieme di causa: sta di fatto che per semplificare posso affermare che ho...

Area Professionale

Articolo 21 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.21 (insegnamento strumenti e tecniche psicologiche), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardi...

Articolo 20 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.20 (didattica e deontologia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 19 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.19 (selezione e valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Le parole della Psicologia

Alcolismo

L'alcolismo si contraddistingue per l'incapacità di rinunciare ad assumere bevande alcoliche e ad autocontrollarne la quantità. L'alcolismo può essere talmen...

Resilienza

Quando parliamo di resilienza ci riferiamo alla quella capacità di far fronte in modo positivo a degli eventi traumatici riorganizzando positivamente la ...

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il te...

News Letters