Pubblicità

Articles Tagged ‘madri’

L'attivazione cerebrale delle madri al pianto dei bambini

In uno studio su delle madri di 11 diversi paesi, è stato evidenziato che, il pianto dei bambini era in grado di attivare regioni cerebrali specifiche legate al movimento ed al linguaggio. Dai risultati di questo studio, è emerso che i comportamenti e le attività cerebrali sottostanti le risposte delle madri al pianto dei bambini sono state coerenti nonostante le differenti culture di appartenenza delle stesse.

piantobambinoIl pianto dei bambini attiva regioni cerebrali specifiche legate al movimento ed al linguaggio, secondo uno studio del National Institutes of Health condotto su delle madri in 11 differenti paesi.

L'ottimismo come fattore di protezione

L'ottimismo dei genitori dei bambini autistici può diventare un fattore di protezione contro lo stress e le avversità di questo particolare e spesso difficile tipo di esperienza genitoriale.

ottimismo, autismoLe madri degli adolescenti con disturbo dello spettro autistico (ASD)o disabilità intellettiva (ID) riportano livelli più elevati di stress ed altri problemi di salute mentale, come ad esempio depressione e ansia, rispetto alle madri degli adolescenti a sviluppo tipico; secondo un nuovo studio pubblicato online sul Journal of Autism and Developmental Disorders.

La depressione post partum è legata al dolore dopo il parto

Un nuovo studio sottolinea l'importanza della gestione del dolore durante il parto.

parto

Mentre il dolore del parto è stato legato alla depressione post partum, la causa potrebbe essere nella sofferenza esperita dalla madre in seguito al parto, piuttosto che durante. Precedenti ricerche hanno dimostrato che il dolore associato al parto potrebbe aumentare il rischio per una depressione postpartum ma non è stato specificato in che fase del parto (es. prima, durante o dopo il parto) potrebbe essereci l'origine del problema. Questo è il primo studio a differenziare la sofferenza post partum dal dolore del travaglio e a identificare un fattore significativo di rischio per la depressione post partum.

Le figlie ereditano la struttura delle emozioni dalle madri?

La ricerca pubblicata sul "Journal of Neuroscience", condotta dai ricercatori dell’Università della California a San Francisco su 35 famiglie americane,  fa luce sull’eredità del sistema corticolimbico

eredità matrilineare Lo studio ha mostrato per la prima volta che la struttura del circuito cerebrale nota come ‘sistema corticolimbico’ ha più probabilità di essere tramandata da madre a figlia, piuttosto che da madre a figlio o da padre a figli, siano essi maschi o femmine.
Il sistema corticolimbico governa la regolazione e l’elaborazione emotiva e svolge un ruolo di rilievo nei disturbi dell'umore, tra cui la depressione.

Le nuove madri possono essere vulnerabili alla 'condivisione'

Sia se debbano commiserarsi sul proprio stile di genitorialità, ricevere consigli, o semplicemente vantarsi dei risultati dei loro ragazzi, i genitori di oggi spesso si rivolgono a un forum sempre pronto: i social media.

madri condivisione

Mariea Grubbs Hoy, Professoressa presso la School of Advertising and Public Relations del College of Communication and Information, ha lavorato con Alexa K. Fox, assistente professore di marketing presso l'University of Akron, per studiare lo "sharenting" (creativa parola nata dalla combinazione di parenting e sharing), ovvero, l'uso abituale dei social media da parte di un genitore per condividere notizie e immagini sui propri figli.

Madri

Dal complesso di Edipo alle madri reali

MadriLa funzione materna non è pensabile come individuale e non si può circoscrivere esclusivamente alla figura femminile.

È una caratteristica relazionale, che coinvolge diversi soggetti, appartenenti a una comunità più ampia e complessa.
Questa è la tesi di fondo su cui i due autori, psicologi e psicoterapeuti esperti in terapia di coppia e familiare, costruiscono una narrazione originale della maternità.

Via gli smartphone mentre vi prendete cura dei vostri figli

Madri, mettete giù i vostri smartphone mentre vi prendete cura dei vostri bambini!

cure materneQuesto è il messaggio dai ricercatori dell'Università di Irvine in California, i quali (prendendo come campione dei roditori) hanno scoperto che le cure materne frammentate e caotiche possono compromettere il corretto sviluppo del cervello, portando a disturbi emotivi nel corso nella vita.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

La cronicità di una depression…

Arianna, 46 anni     Buongiorno, ho una lunga storia pregressa di disturbo depressivo (con lieve dissociazione), di cui 16 anni inclusivi di di...

Attacchi di Panico (1575078292…

helga, 48 anni     Soffro di attacchi di panico incontrollabili, ansia incontrollabile e angoscia crescente e costante. Paura incontrollabile...

Sofferenza interna e obiettivi…

Mauro, 31 anni     Durante tutta la mia vita ho perseguito obiettivi molto impegnativi. Oggettivamente giorno dopo giorno dopo giorno, mi sto re...

Area Professionale

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Le parole della Psicologia

Carattere

Dal greco karasso, che significa letteralente "incidere", è l'insieme delle doti individuali e delle disposizioni psichiche di un individuo. Può anche essere...

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il declino cognitivo lieve consi...

News Letters