Pubblicità

Articles Tagged ‘neuroimaging’

Il trattamento associato ai cambiamenti neurali nel DBP

Uno studio americano, usando tecniche di neuroimaging, ha dimostrato l’efficacia di un particolare tipo di psicoterapia nel ridurre i sintomi del Disturbo Borderline di Personalità

Disturno BipolareSecondo una ricerca pubblicata di recente, una psicoterapia specializzata è stata collegata a cambiamenti nei modelli di attivazione di alcune aree del cervello in pazienti con Disturbo Borderline di Personalità (DBP), suggerendo che il suo impatto può andare particolarmente a fondo nel cambiamento dei sintomi.

La psicoterapia cambia un "cervello depresso"?

Una nuova ricerca pubblicata nella rivista “Psychiatry Research: Neuroimaging” ha evidenziato come la psicoterapia cognitivo-comportamentale e la psicoterapia psicodinamica apportano cambiamenti cerebrali chiave nelle aree di elaborazione emotiva.

La psicoterapia cambia un cervello depresso?Negli ultimi anni, le neuroscienze hanno cercato di indagare e delineare i correlati neurali dei cambiamenti generati dalla psicoterapia.

Una comprensione di questo tipo non solo aiuta a comprendere i processi precisi di come agisce la psicoterapia, aiutando così a concentrarci su tali aspetti, ma anche a mostrare dove gli interventi farmacologici potrebbero essere complementari e dove potrebbero invece ostacolare direttamente il lavoro terapeutico.

La resilienza e i concreti indizi sulle sue basi neurobiologiche

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecutiva centrale fronto-parietale del cervello (CEN) può offrire un contributo alla comprensione delle basi neurobiologiche della resilienza.

la resilienza e i concreti indizi sulle sue basi neurobiologiche

Vi è una notevole variabilità nel modo in cui le persone rispondono ai principali fattori di stress. Alcuni rimangono sani, mentre altri si deteriorano. Poco si sa delle reti cerebrali che sono coinvolte nel modellare questi diversi risultati.

Le ipotesi neurobiologiche della pedofilia.

L’altra faccia della pedofilia: modificazioni cerebrali, genetiche e neurali.

cervello 8094All’interno del presente articolo si andranno ad indagare i fattori psicosociali e biologici implicati nella pedofilia, cercando di tracciare ed esaminare le alterazioni funzionali e strutturali presenti nel cervello di soggetti pedofili.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

fobia per le autostrade [16030…

roberto, 45 anni vorrei conoscere la terapia più adatta per una fobia specifica delle autostrade cronica. ...

Ansia da competizione [1601631…

elisa37, 37 anni Gentili dottori Il mio problema e' un po' imbarazzante, ma un problema che ha sempre fortemente limitato la mia vita e ancora non sono ri...

non riesco a capire e passo le…

Luca, 47 anni Buongiorno a tutti Ho 47 anni e sono un docente di ruolo (solo da due anni). Ho faticato tutta la vita per avere una posizione come questa e ...

Area Professionale

Ansia infantile e disturbo da …

Un recente studio ha evidenziato come bambini e adolescenti con livelli più elevati di ansia possono essere maggiormente a rischio di sviluppare problemi di alc...

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Le parole della Psicologia

Cervelletto

Il cervelletto è una delle strutture più grandi del sistema nervoso, circa 1/3 dell'intero volume intracranico ed è presente in tutti i vertebrati. Anatomica...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

News Letters