Pubblicità

Articles Tagged ‘pandemia’

L’intervento psicologico clinico: ridefinizioni metodologiche in corso d’opera, in tempi di pandemia

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clinico con i soggetti sofferenti, in particolare nelle strutture pubbliche deputate.

di Simona Pasquali

Lintervento psicologico clinico in tempi di pandemiaNegli ultimi due mesi ho fatto i conti, letteralmente, nel presente, con nuove necessità, in una cornice di disposizioni preventive che avevano ed hanno (non so fino a quando, se muteranno come hanno fatto tante volte in questi giorni), lo scopo di tutelare e prevenire il contagio.

Le necessità in primo luogo dei pazienti, di poter trovare accoglienza nei momenti critici, di poter sentire il Servizio e il terapeuta comunque presenti e disponibili, anche a vederli presso il Centro qualora ce ne fosse l’urgenza.

Vincere contro stress e trauma da Covid-19. Intervista ad Annalisa De Filippo

La pandemia legata al Covid-19 ci ha obbligato a rimodulare in modo sostanziale la nostra esistenza e la nostra vita quotidiana. Abbiamo intervistato Annalisa De Filippo che ha indicato in un libro una strada per affrontare da un punto di vista psicologico questa particolare situazione

intervista Annalisa De Filippo su covid 19

Annalisa De Filippo è una psicologa che opera da anni e che sullo stress e sull'ansia ha già scritto più di un libro. Questa volta, pubblicata da Edizioni Psiconline, ha voluto affrontare, quasi in diretta, la terribile pandemia creata dal Covid-19 e i suoi effetti psicologici. Anzi, ha voluto prorpio partire da quelli per indicare una strada che ci consenta, anche di fornte ad un trauma così importante, di trovare una via d'uscita psicologica ad un evento che, volente o nolente, ci condizionerà ancora per molti anni.

Psiconline ha voluto incontrarla ed intervistarla per scoprire insieme il libro e i suoi particolari contenuti così da permettere ai nostri lettori una conoscenza approfondita delle dinamiche utili alla gestione del nostro quotidiano interagire con la pandemia in atto.

La pandemia da Covid-19 ci ha colpito molto duramente costringendoci a modificare radicalmente le nostre abitudini di vita quotidiane. Perché è importante, oltre alla gestione della parte medica del problema, che vi sia anche una gestione dal punto di vista psicologico.

 
La pandemia da Covid-19 può essere definita un trauma collettivo che impatta quindi a livello mentale: i rischi non sono solo per noi ma anche per le generazioni future che potrebbero subire quello che viene definito trauma transgenerazionale; il nostro cervello è infatti sottoposto ad un carico di stress potenzialmente traumatico. 
 

In che modo la pandemia ci coinvolge psicologicamente? Cosa modifica nella nostra percezione del quotidiano e della nostra vita in generale?

In generale, le restrizioni che limitano la libertà, la paura del contagio e della morte nostra e dei nostri cari che ci fa sentire in pericolo, il distanziamento e l'uso della mascherina che modificano la relazione con l'altro e la percezione di sicurezza. Ed è paradossale che l'altro sia da evitare, distanziare e temere, essendo l'uomo un animale sociale che ha invece bisogno di sentirsi al sicuro nella vicinanza con l'altro. E bisogna fare i conti con il tema del lutto per diverse perdite: persone morte, esperienze mancate, abbracci e coccole non godute, provazioni, perdite economiche e sociali. 

Nei momenti dell'emergenza sanitaria è stato fondamentale intervenire (spesso senza neppure averne gli strumenti) per impedire che il virus mietesse vittime. Oggi, a distanza di tempo e con una maggiore quantità di notizie disponibili, come è opportuno intervenire per limitare i danni psicologici che ciascuno di noi si porta dietro? oppure non vi sono solo danni ma si sono create anche opportunità?

Non possiamo negare lo stress, la fatica e il senso di perdita che la pandemia inevitabilmente porta con sè: verbalizzare - in forma scritta e/o orale - quello che proviamo e pensiamo può favorire l'elaborazione del dolore; e si, possiamo addirittura cogliere questo periodo storico difficile come l'opportunità per riflettere sulla nostra vita e migliorarla.

Pubblicità

Ad esempio lo stare più a casa aiuta ad entrare in contatto con se stessi, a volte questo può essere faticoso ma può portare a delle consapevolezze importanti su bisogni, desideri e a fare riflessioni che possono spingere ad attuare cambiamenti importanti nella propria vita. Come psicologa psicoterapeuta, credo sia necessario facilitare processi di accettazione e adattamento per ridurre la sofferenza psichica: non possiamo controllare gli eventi negativi ma possiamo prendere il controllo della nostra reazione. 

Agire per resistere, sembra essere questo il messaggio del libro. Possiamo davvero essere resilienti e riuscire ad ottenere situazioni di vantaggio da quello che sembra essere solo un immane problema sanitario?

Possiamo essere più che resilienti: antifragili! Se siamo resilienti resistiamo, se siamo antifragili miglioriamo. La domanda di fondo è: cosa possiamo farne di tutto questo dolore? Ad esempio, la pandemia mette i riflettori sul tema della malattia e della morte; pensare alla morte, unica cosa certa che abbiamo e che spesso cerchiamo di rimuovere, può far riflettere maggiormente sulla vita: cosa vorrei fare prima di morire? Il solo porsi questa domanda potrebbe far esplodere voglia di vivere ed energia da canalizzare in obiettivi che favoriscono la realizzazione personale e il benessere.

Perché scegliere di scrivere un libro sugli effetti del Covid-19 e sulla possibilità di gestirne gli effetti sulla nostra psiche? Non rischia di essere l'ennesima voce in un clamore che ormai è diventato assordante? E perché leggerlo?

Il libro non è stato scritto per allarmare sugli effetti negativi ma per mettere in luce l'importanza di elaborare quello che sta succedendo non solo per aiutare noi stessi ma anche per tutelare le generazioni future che, come detto prima, potrebbero esserne influenzate: cerchiamo di trasmettere forza e capacità di reagire anziché panico e angoscia, che possiamo appunto elaborare. Infatti, l'atteggiamento mentale con cui affrontiamo un evento negativo può influire sulla nostra capacità di mitigarne gli effetti psicologici negativi. Inoltre si vuole dare un messaggio positivo: è possibile non solo affrontare e superare un'esperienza stressante e traumatica ma anche trasformarla in possibilità di apprendimento, crescita e miglioramento.

Ad aprile 2020, nel pieno inizio dell'emergenza sanitaria, io ho perso mia nonna per Covid-19: l'esperienza dell'essere impotente e chiusa in casa mentre una persona cara era malata in un letto di ospedale mi ha toccato da vicino, ed è a lei che dedico questo libro; in suo onore ho deciso di devolvere i miei proventi ad un'associazione per sostenere progetti di accompagnamento alla morte di malati inguaribili.

Ringraziamo la Dottoressa De Filippo per la sua testimonianza e vi invitiamo a leggere il suo libro per comprendere ancora meglio le dinamiche profonde che intervengono nella nostra vita sociale e personale e come fare per gestirle al meglio.

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

Podofobia

Una tra le paure meno conosciute sembra essere la podofobia ovvero la paura dei piedi. Il termine fobia (che in greco significa “paura” e “panico”)&n...

Violenza domestica

La violenza domestica è il comportamento abusante di uno o entrambi i compagni in una relazione intima di coppia, quali il matrimonio e la coabitazione. Second...

News Letters