Pubblicità

Articles Tagged ‘parto’

Dinamiche psicologiche durante la gravidanza e nel post partum e diversi livelli di gravità degli stati depressivi

Durante la gravidanza, la struttura della donna è coinvolta in questa esperienza su tutti i livelli: biologico, fisico e fisiologico,  quello psicologico e psicodinamico, ma anche a livello relazionale e spirituale.

depressione in gravidanza e post partumSecondo Vegetti Finzi, l’elaborazione della capacità generativa da parte della bambina avviene sin dalla fase pregenitale.

Già Freud parlava di gravidanza in relazione allo sviluppo infantile, sostenendo che l’ingresso della bambina nella fase edipica fosse contrassegnato dal desiderio di avere un figlio dal proprio padre. Successivamente Freud (1922,1938) mise in luce la presenza di una fase pre-edipica femminile, caratterizzata da un legame particolare intenso e simbiotico con la madre, da cui origina il desiderio di ricevere o di dare un bambino.

Il concetto del continuum

il concetto del continuumLa prima violenza che caratterizza la nascita della vita nella nostra cultura è la rottura traumatica del rapporto madre-bambino sin dai primi istanti di vita.

La separazione violenta del neonato dalla madre, imposta dalle moderne tecniche ospedaliere di gestione del parto, viene poi ripetuta spesso orgogliosamente nel corso della vita neo-natale.

In realtà queste traumatiche privazioni infantili spesso costituiscono le premesse per la formazione di individui ansiosi, sradicati, aggressivi.

Il rilassamento progressivo in psicologia

il rilassamento progressivo in psicologiaIl volume presenta in dettaglio gli aspetti che consentono al terapeuta di essere efficace nell'utilizzo del Rilassamento muscolare progressivo (RMP) e mira ad assistere l’operatore per applicazioni in molti ambiti di psicologia, psichiatria, assistenza sociale, nei servizi di riabilitazione medica e nella preparazione al parto.

Oltre ai tempi e alle strategie utili per insegnare ai pazienti una tecnica di rilassamento, sono suggerite anche alcune modalità per poter effettuare il corretto assessment che deve precedere l’avvio del paziente all’addestramento.

La depressione post partum è legata al dolore dopo il parto

Un nuovo studio sottolinea l'importanza della gestione del dolore durante il parto.

parto

Mentre il dolore del parto è stato legato alla depressione post partum, la causa potrebbe essere nella sofferenza esperita dalla madre in seguito al parto, piuttosto che durante. Precedenti ricerche hanno dimostrato che il dolore associato al parto potrebbe aumentare il rischio per una depressione postpartum ma non è stato specificato in che fase del parto (es. prima, durante o dopo il parto) potrebbe essereci l'origine del problema. Questo è il primo studio a differenziare la sofferenza post partum dal dolore del travaglio e a identificare un fattore significativo di rischio per la depressione post partum.

La depressione post-partum e il sonno

depressione post partum 1Negli ultimi anni, la donna è spesso stata al centro dell’attenzione dei media, dei medici e degli psichiatri; in particolare era coinvolta in una condizione di particolare sofferenza: la depressione post-partum o depressione post-natale.

Il periodo post-partum è un periodo molto delicato per la donna, infatti diventa molto vulnerabile e soggetta alla depressione.

La durata del sonno infantile legata a depressione materna

Le ricerche hanno mostrato che le madri che hanno avuto esperienze di depressione prenatale o parto cesareo potrebbero influenzare la durata e la qualità del sonno dei loro figli.

sonno news depressione

Lo studio ha analizzato i dati di genitori Canadesi e scoperto che il minor sonno dei loro figli a 3 mesi di età era presente nelle madri che non avevano ottenuto una laurea all'università, mentre avevano avuto esperienze di depressione durante la gravidanza oppure avevano avuto un parto cesareo di emergenza.

Le fragilità della Puerpera

Dopo il parto, mentre il corpo conosce da solo la strada verso la normalizzazione, il ritrovamento dell’equilibrio psicologico della puerpera ha dei tempi non definibili a priori, che fanno riferimento specificamente alle sue esperienze con la maternità, ai suoi vissuti emotivi, alla sua autostima.

Le fragilità della PuerperaLe settimane successive alla nascita di un bambino sono faticose tanto per il fisico quanto per la psiche della donna. Fra cambiamenti fisici, l’emergere di emozioni nuove ed intense, imprevedibili ed inarrestabili, le nuove responsabilità, l’adattamento ad una nuova fase della vita, e poi la stanchezza fisica e lo sbalzo ormonale, i primi tempi dopo la nascita di un figlio diventano particolarmente gravosi, e richiedono alla donna una quantità di energie fisiche e psicologiche che non tutte hanno e per le quali è necessario del tempo per recuperarle.

Le variazioni fisiologiche durante la gravidanza e nel post-parto e la loro influenza sull’esordio della depressione

Come abbiamo accennato in un precedente articolo la donna è sottoposta, sia durante la gravidanza che subito dopo il parto, a profondi cambiamenti biologici.

gravidanza variazioniPer poter comprendere al meglio questo stress biologico facciamo brevemente riferimento a queste variazioni endocrine fisiologiche, su cui diversi autori si sono soffermati.

L’ormone  è il più ovvio cambiamento fisiologico materno post-partum.

I livelli di estradiolo, che aumentano di 50 volte, entro il terzo trimestre di gravidanza, rispetto a quelli presenti durante il ciclo mestruale, ritornano ai livelli follicolari durante i primi tre giorni successivi  al parto.

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto

PREGORESSIANon si tratta di un deficit contemplato nel DSM, bensì un qualcosa di simile all’ortoressia, cioè un disturbo alimentare che è stato osservato nella clinica e di cui si parla nei media, ma che per il momento non rappresenta una diagnosi riconosciuta nella comunità scientifica.

Tocofobia

tocofobia

Il termine tocofobia deriva dai due termini greci tocòs = parto e fobos (paura, timore).

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

sono dubbiosa sul futuro di mi…

lucia, 60 anni Buongiorno , mi presento , sono una mamma sessantenne e ho due figli maschi di 43 anni uno e l'altro di 34 anni . Devo dire che sono stata u...

Ansiosa [1603834827112]

mirca, 66 anni Ho un marito sulla sedia a rotelle invalido. Io lo seguo tutto il giorno e faccio una vita faticosa visto che lui è anche obeso e con varie ...

Tradimento e incertezze [16030…

Martinedda, 39 anni Gent.ma Dott.ssa,soffro di ansia e attacchi di panico da quasi 20 anni ed ho avuto in passato un percorso di psicoterapia che mi ha aiu...

Area Professionale

Ansia infantile e disturbo da …

Un recente studio ha evidenziato come bambini e adolescenti con livelli più elevati di ansia possono essere maggiormente a rischio di sviluppare problemi di alc...

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Le parole della Psicologia

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

MUTISMO SELETTIVO

Il "Mutismo Selettivo", è un disordine dell'infanzia caratterizzato dall'uso appropriato del linguaggio in alcune situazioni, in particolare quelle familiari, e...

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

News Letters