Pubblicità

Articles Tagged ‘terapia cognitivo-comportamentale’

Le preoccupazioni degli uomini riguardo la misura del pene

L’importanza di un trattamento efficace per l’ “Ansia del pene piccolo” ed il “Disturbo da Dismorfismo Penieno”.

ansia del pene piccoloCi sono due concetti psicologici usati per descrivere le preoccupazioni degli uomini riguardo la misura del pene

Accettare l'incertezza a piccole dosi

Consigli utili per chiunque lotti contro l'incertezza

incertezzaMolti di noi, anche se non lottiamo con un disturbo d'ansia, vediamo l'incertezza come intimidatoria. Dopotutto, l'incertezza è ambigua e scaturisce da situazioni imprevedibili, risultati indesiderati, cattive notizie e grossi errori. Quindi è normale che vorremmo evitare l'incertezza.

Cambiare i tuoi modelli di pensiero per superare l'insonnia

Secondo una nuova ricerca australiana, la terapia basata sulla mindfulness e la terapia cognitiva sono ugualmente efficaci nel combattere l' insonnia. Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Behaviour Change, evidenzia anche i meccanismi cognitivi sottostanti che portano al recupero da notti insonni.

insonnia terapia"L' insonnia è comune e comporta un elevato carico di malattia e capire come funzionano i trattamenti più efficaci è una priorità importante per perfezionarli ulteriormente e migliorarli", ha spiegato l'autrice dello studio Melissa J. Ree del Marian Centre and Sleep Matters.

Depressione adolescenziale e terapia cognitiva-comportamentale

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolescenziale vi è sicuramente la terapia cognitiva-comportamentale.

Depressione adolescenziale e terapia cognitiva-comportamentaleL'adolescenza è un momento caratterizzato da una maggiore vulnerabilità per la depressione, con fattori di rischio guidati da cambiamenti biologici, cognitivi e socio-ambientali nello sviluppo.

Più della metà di tutti gli adolescenti riferisce di avere uno stato d'animo depressivo, e l'8-10% di essi presenta sintomi clinicamente diagnosticabili.

Disturbo Esplosivo Intermittente (IED)

Disturbo del comportamento caratterizzato da espressioni estreme di rabbia, spesso incontrollabili e sproporzionate rispetto alla situazione

Disturbo Esplosivo Intermittente IEDL’IED (Intermittent Explosive Disorder) è attualmente classificato nel DSM-5 sotto la categoria "Disturbi dirompenti del Controllo degli Impulsi e della Condotta".

Il Disturbo dell'orgasmo femminile

Il disturbo dell'orgasmo femminile o anorgasmia è caratterizzato da un significativo cambiamento nell'orgasmo che può riguardare un ritardo di esso, una riduzione della sua intensità o la cessazione definitiva.

disturbo orgasmo femminile sessuologiaSeguendo la classificazione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-5, 2013) il Disturbo dell'orgasmo femminilerientra nella categoria delle disfunzioni sessuali femminili. 

Il ruolo della "Feeling fat" nei disturbi alimentari

La sensazione di essere grassi: cos'è e come affrontarla.

Il ruolo della

La sensazione di essere grassi è un'esperienza riportata da molte persone, in particolare le donne, ma l'intensità e la frequenza di questa sensazione sembrano essere molto maggiori tra quelle con disturbi alimentari, che siano sottopeso, peso normale o sovrappeso. Ci sono state pochissime ricerche sulla "feeling fat" nei disturbi alimentari; in effetti, è stato scritto molto poco al riguardo, sebbene il termine sia usato in molte lingue in tutto il mondo.

La TCC aiuta i bambini con autismo a regolare le emozioni

Un nuovo studio suggerisce che una specifica modalità di psicoterapia può aiutare i bambini con autismo a gestire non solo l'ansia ma anche altre sfide emotive, come tristezza e rabbia.

autismo 0I ricercatori dell'Università di York hanno scoperto che la terapia cognitivo-comportamentale (TCC) può portare a significativi miglioramenti nella regolazione emotiva dei bambini.

Terapia Cognitivo-Comportamentale e SSRI nella Depressione

Ricerche recentemente pubblicate hanno messo in luce come i trattamenti usati nel disturbo depressivo non solo riducano i sintomi, ma siano altresì associati a miglioramenti nella qualità della vita.

terapia cognitivo-comportamentale ed SSRI nella Depressione

Il presente studio, pubblicato sulla rivista Cognitive Behaviour Therapy, ha esaminato le due terapie maggiormente usate nella depressione, ossia la Terapia Cognitivo-Comportamentale (CBT) e la terapia farmacologica con gli Inibitori Selettivi della Ricaptazione della Serotonina(SSRI).

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

UNA chiacchierata per fare chi…

Ylenia Calabrese, 25 anni Salve,Nei miei 25anni ne ho passate di ogni.. ansia, depressione, attacchi di panico , disturbi alimentari ecc. ...

Sono cuckold [16058017191]

anto, 32 anni Salve, mi chiamo Antonio ho 32 anni e sono sposato da 4; io e mia moglie già da quando eravamo fidanzati praticavamo spiagge nudiste, dal pr...

Non riesco mai a partire [1605…

roberto, 61 anni Un sogno ricorrente. Lo visualizzo almeno una volta al mese da ormai cinque o sei anni. ...

Area Professionale

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

La psicologia forense

La psicologia forense, come definita dall'American Psychological Association è l'applicazione delle specialità cliniche al campo legale. La professione dello p...

Depressione adolescenziale e t…

Secondo un'analisi della letteratura, tra gli approcci psicoterapeutici che mostrano una certa efficacia nella gestione e trattamento della depressione adolesce...

Le parole della Psicologia

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Dejà vu - Dejà vecu

Da due secoli, il fenomeno del "déjà-vu" affascina il mondo della scienza ed è stato oggetto di numerose interpretazioni, dalle più strampalate, che gli attribu...

News Letters