Torna alla home
Consulenza gratuita
Lo sguardo di Salvacuori
Per saperne di più
Il fatto del giorno
Gli speciali
Le Interviste di Psiconline
Libri e Riviste News
Le News
Problemi della professione
Ricerche & Contributi
Riviste News
Le Tesi di Laurea in Psicologia
I disturbi alimentari
Le risposte dell'Esperto
Guida all'Esame di Stato
Le parole per dirlo
La psicologia infantile
La psicologia del lavoro
Benessere e salute
Psicologia e Borsa
I test psicologici
Registro degli Ospiti
Forum
Recensioni
Sezioni speciali
Links utili
Le cartoline di Psiconline
Area download
Segnala Psiconline ad un amico
Top 10
Le News Letters
Le Parole per Dirlo

Username

Password



La musica è...

relax
stimolo
brivido
entusiasmo
noia

Sondaggi Precedenti

Voti: 1316 | commenti: 0



In questo momento ci sono 50 ospiti e 0 utenti registrati sul sito.

Al momento non sei registrato. Puoi farlo cliccando qui









Problemi di coppia: Sesso e amore
Argomento: Le parole per dirlo (2 letture)
Le parole per dirlo Anna, 28 (165428)


La mia Storia: sono fidanzata da otto anni (lui vorrebbe dei figli e sposarsi al più presto) ma facciamo pochissimo l'amore. Passano anche tre mesi tra un rapporto e l'altro.
All'inizio prendevo io l'iniziativa, oggi non mi va più, perché tanto so che è lui a decidere quando avere il rapporto.
I primi anni si faceva l'amore anche due volte a settimana, col tempo è andato sempre peggio.
Non è stato mai un grande passionale, io invece credo di esserlo e l'idea che per lui sia una cosa secondaria non riesco proprio a capirla.
Non abbiamo mai fatto l'amore in macchina, non li è mai scattata la scintilla in un momento inopportuno, sempre molto controllato.
All'inizio lo provocavo, ora ho perso le speranze.
Mi ha spenta e sono invidiosa quando percepisco la passione nelle altre coppie.
Ci ho parlato di questo, lui resta in silenzio e mi ascolta, senza rispondermi o dicendomi che mi sto sbagliando, che non è come penso io.
Questo peggioramento può dipendere dal fatto che gioca spesso alle scommesse sportive?
C'è qualcosa in lui che non va? È un rapporto che può durare? Io credo di amarlo e so che è la persona con cui voglio stare tutta la vita, ma il fatto di non sentirmi desiderata mi fa pensare e mi fa mettere tutto in discussione



( Leggi Tutto... | 4396 bytes aggiuntivi | commenti? | Visualizza la versione da Stampare  Invia questo articolo ad una persona | Problemi di coppia )

Problemi familiari: Intervento Psicologico rivolto a Genitori e/o Figli
Argomento: Per saperne di più (4 letture)
Per saperne di più Già a partire dal concepimento e dallo sviluppo del feto, poi con la nascita, i genitori modellano il comportamento dei propri figli attraverso l’invio di messaggi verbali e non verbali, che vengono codificati, rielaborati e interpretati dai figli. Il bambino avrà modo di ampliare i propri schemi cognitivi interagendo con i diversi contesti come quello scolastico, sociale, ecc., che contribuiranno alla strutturazione della sua personalità.

( Leggi Tutto... | 3265 bytes aggiuntivi | commenti? | Visualizza la versione da Stampare  Invia questo articolo ad una persona | Problemi familiari )

Crescita personale: Sostegno Psicologico agli adulti
Argomento: Per saperne di più (9 letture)
Per saperne di più

Nell'età adulta i problemi esistenziali si associano a quelli lavorativi, familiari e sociali.
Secondo Erickson, la vita umana è composta da una serie di stadi e il comportamento e il modo di affrontare compiti e difficoltà di un determinato stadio dipendono dalle esperienze che si sono verificate negli anni precedenti: esse rappresentano le basi per il raggiungimento, positivo o negativo, della tappa successiva.
Lo stadio dell'età matura è secondo Erickson "lo stadio della generatività opposta al ristagno" L'adulto generativo è colui che ha la tendenza ad avere interessi e preoccupazioni che si estendono oltre la propria persona per includere altri; il partner, i figli, il lavoro, la società ecc. si ha la tendenza a "passare il testimone" alle nuove generazioni, ad insegnare agli altri ciò che si è appreso, a migliorare il mondo, sia pure nei limiti delle proprie possibilità. L'individuo vuole sentire che vive la propria vita e che la vive bene, non solo per se stesso, ma anche per lo sviluppo degli altri. Al contrario della generatività si ha invece "il ristagno": un blocco della crescita e la chiusura in se stessi, un impoverimento della vita sociale, la tendenza a soddisfare solo i propri bisogni.
"Ho l'impressione di non combinare un granché" può dirsi la persona cosciente della propria mancanza di creatività o comunque di aver dato al di sotto delle sue aspettative. E' la persona che sembra aver perso qualsiasi slancio in avanti.



( Leggi Tutto... | 5768 bytes aggiuntivi | commenti? | Visualizza la versione da Stampare  Invia questo articolo ad una persona | Crescita personale )

Ricerche&Contributi: Per la scoperta del «Gps» cerebrale, Nobel per la medicina a O’Keefe e ai coniugi Moser
Argomento: Le News (46 letture)
Le News

La capacità di muoversi, di trovare e di seguire un itinerario dipende da algoritmi nervosi che integrano informazioni circa il posto in cui ci si trova, la distanza della destinazione, la direzione. L'orientamento spaziale dipende dall'interazione fra ambiente e costrutti cerebrali, che si sono scoperti essere innati perché già perfettamente attivi in animali da laboratorio al loro primo movimento.



( Leggi Tutto... | 1555 bytes aggiuntivi | commenti? | Visualizza la versione da Stampare  Invia questo articolo ad una persona | Ricerche&Contributi )

Patologie: Linee guida per l'uso di terapie integrative nel trattamento del cancro al seno
Argomento: Le News (17 letture)
Le News

In tutto il mondo si stima che il 33-47% di individui con una diagnosi di cancro al seno usa terapie complementari, alternative o integrative (ovvero, vitamine, minerali, yoga, meditazione, agopuntura e massaggi) durante il trattamento del cancro, mentre solo nel Nord America la percentuale raggiunge il 48-80% di persone, guarite dal cancro al seno, che hanno usato le terapie complementari ed integrative dopo la diagnosi.

Seguendo i metodi delineati dall’Istituto di Medicina, sono state sviluppate delle linee guida sull’eventuale uso di tali metodi, in base ad una revisione sistematica della letteratura presente, in particolare analizzando quegli studi che indagavano l’uso della medicina complementare ed integrativa, durante il trattamento del cancro al seno, in quanto cura di supporto.

( Leggi Tutto... | 2964 bytes aggiuntivi | commenti? | Visualizza la versione da Stampare  Invia questo articolo ad una persona | Patologie )

Attacchi di Panico: Panic attacks associated with fear of bright daylight
Argomento: Le News (16 letture)
Le News

Fear of bright daylight is associated with panic disorder, according to new research presented at the ECNP congress in Berlin.
Panic disorder is where a person has recurring and regular panic attacks. In the UK, it affects about two in 100 people, and it’s about twice as common in women as it is in men1.


( Leggi Tutto... | 3065 bytes aggiuntivi | commenti? | Visualizza la versione da Stampare  Invia questo articolo ad una persona | Attacchi di Panico )

Adolescenza: Sostegno psicologico agli adolescenti
Argomento: Per saperne di più (33 letture)
Per saperne di più

L’adolescenza è la fase della vita di un individuo che si interpone tra l’infanzia e la vita adulta. Cronologicamente, l’adolescenza potrebbe essere collocata in un’età compresa tra i dodici e i ventidue anni, anche se è piuttosto difficile darne un’indicazione anagrafica precisa per via delle differenze individuali e delle caratteristiche della nostra società.

L’adolescenza afferma Winnicott è una scoperta personale durante la quale ogni soggetto è impegnato in una esperienza: quella di vivere; in un problema: quello di esistere”.




( Leggi Tutto... | 6426 bytes aggiuntivi | commenti? | Visualizza la versione da Stampare  Invia questo articolo ad una persona | Adolescenza )

Per saperne di più: Chi è lo Psicologo?
Argomento: Per saperne di più (32 letture)
Per saperne di più

E’ un professionista che ha conseguito una laurea quinquennale in Psicologia. Durante il corso di laurea ha affrontato periodi di collaborazione con strutture pubbliche o private (Attività Formative Pratiche). Dopo la laurea, ha effettuato un tirocinio, compiuto con la supervisione di un tutor-professionista iscritto all’Albo. Il superamento dell’Esame di Stato consente l’iscrizione all’Ordine degli Psicologi e quindi all’apposito Albo Professionale e abilita alla professione.

Secondo la Legge n°56 del 18 febbraio 1989 (Ordinamento della Professione di Psicologo), la professione di Psicologo "Comprende l’uso degli strumenti conoscitivi e di intervento per la prevenzione, la diagnosi, le attività di abilitazione-riabilitazione e di sostegno in ambito psicologico rivolte alla persona, al gruppo, agli organismi sociali e alle comunità. Comprende altresì le attività di sperimentazione, ricerca e didattica in tale ambito". Nel corso della vita, di fronte a cambiamenti, scelte o eventi particolarmente stressanti, dolorosi e difficili da gestire, si può avvertire un disagio psicologico e/o relazionale che nel tempo può compromettere la qualità della vita limitando la serenità e il benessere psico-fisico.

Lo Psicologo interviene in tutte le situazioni in cui le condizioni personali e la relazione con l’altro possono costituire fonte di disagio e di difficoltà pratiche ed esistenziali (ad esempio nei diversi ambienti sociali come la famiglia, la scuola, la coppia).

( Leggi Tutto... | 8968 bytes aggiuntivi | commenti? | Visualizza la versione da Stampare  Invia questo articolo ad una persona | Per saperne di più )

Adolescenza: Sms, mail e chat: i ragazzi usano lo smartphone nove ore al giorno
Argomento: Le News (115 letture)
Le News

Nuove generazioni a maggior rischio-dipendenza. Studio del Mit di Boston

Dieci ore le ragazze, otto i ragazzi, per una media di nove ore. A tanto ammonta il tempo trascorso con il cellulare in mano alle prese con l'invio di sms e di mail, l'utilizzo di chat e l'ascolto di musica. Il dato - non proprio confortante - arriva da uno studio pubblicato sul Journal of Behavioral Addictions da un gruppo di ricercatori della Hankamer School of Business della Baylor University di Waco (Texas, Stati Uniti), che spiegano che per le nuove generazioni che entrano molto precocemente in contatto con smartphone sempre più tecnologici il rischio di sviluppare la dipendenza da telefonino è in aumento: "E' incredibile - spiega James Roberts, primo autore dello studio -. Tanto più aumentano le funzioni che questo apparecchio è in grado di svolgere, tanto più diventa realistica la possibilità che si faccia strada la dipendenza da questo pezzo apparentemente indispensabile di tecnologia".


( Leggi Tutto... | 1934 bytes aggiuntivi | commenti? | Visualizza la versione da Stampare  Invia questo articolo ad una persona | Adolescenza )

Patologie: Catalessia
Argomento: Le parole per dirlo (26 letture)
Le parole per dirlo

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volontari e della sensibilità.
È caratterizzato principalmente dall'impossibilità della contrazione volontaria dei muscoli, coincidente con un'attitudine a conservare gli atteggiamenti impressi agli arti. Questi, infatti, posti in qualsiasi posizione, anziché ricadere, vi rimangono a lungo, talora per ore, opponendo ai tentativi di movimento una resistenza cedevole tutta particolare, come fossero di cera (flexibilitas cerea). Tale speciale rigidità colpisce, dall’inizio, tutta la muscolatura del corpo, oppure comincia in un arto per poi generalizzarsi. Durante la catalessi, che può durare anche settimane, le attività respiratoria e cardiaca sono indebolite, la sensibilità, anche al dolore, è ottusa ed i riflessi tendinei, a volte, sono deboli. Qualsiasi tentativo di modificare la posizione del soggetto catalettico comporta fenomeni di resistenza o assunzione di una nuova posizione.
Quando lo stato catalettico cessa spontaneamente o con manovre adatte, alcuni soggetti raccontano di avere udito quanto accadeva intorno a loro, ma di non essere stati capaci di muoversi né di parlare, mentre altri dicono di non ricordare nulla.

( Leggi Tutto... | 3307 bytes aggiuntivi | commenti? | Visualizza la versione da Stampare  Invia questo articolo ad una persona | Patologie )

 

All contents copyright© 1999, 2010 Psiconline® s.r.l. - P.IVA 01925060699
Tutti i diritti riservati. E' vietata la riproduzione,stampa e/o diffusione in qualsiasi forma del testo e/o delle immagini senza il permesso scritto di Psiconline® srl
All Rights Reserved. No material may be reproduced electronically or in print without written permission from Psiconline® srl- Italy
Si prega di leggere accuratamente le NOTE LEGALI prima di utilizzare il sito