Torna alla home
Consulenza gratuita
Lo sguardo di Salvacuori
Per saperne di pi
Il fatto del giorno
Gli speciali
Le Interviste di Psiconline
Libri e Riviste News
Le News
Problemi della professione
Ricerche & Contributi
Riviste News
Le Tesi di Laurea in Psicologia
I disturbi alimentari
Guida all'Esame di Stato
Le risposte dell'Esperto
Le parole per dirlo
La psicologia infantile
La psicologia del lavoro
Benessere e salute
Psicologia e Borsa
I test psicologici
Registro degli Ospiti
Forum
Recensioni
Sezioni speciali
Links utili
Le cartoline di Psiconline
Area download
Segnala Psiconline ad un amico
Top 10
Le News Letters
Le Parole per Dirlo

Username

Password



La musica ...

relax
stimolo
brivido
entusiasmo
noia

Sondaggi Precedenti

Voti: 1577 | commenti: 0



In questo momento ci sono 24 ospiti e 0 utenti registrati sul sito.

Al momento non sei registrato. Puoi farlo cliccando qui







EDITORIAL STAFF MEMBERS
Luigi Di Giuseppe
Coordinatore
Bosa Lucia Daniela
Bertini Susanna
Bonomi Luisa
Magno Agnese Tiziana
Palumbo Ilaria
Puggelli Sergio


Dipendenze e Abusi: Gioco d'azzardo 166135
Argomento: Le risposte dell'Esperto (65 letture)
Le risposte dell'Esperto

Vito, 24 (166135)

La mia Storia: salve, per pochi mesi ho giocato alla roulette, e ieri la mia ragazza ha scoperto tutto ed io sono davvero felice, perch non riuscivo pi a tenermelo dentro.
dopo aver visto quello che ho creato, questa mattina pensando a giocare mi venuta una sensazione di vomito, ho visto dall'esterno cosa stavo combinando, e come stavo buttando via 5 anni di storia e tra 2 mesi mi sposo.
Sono felicissimo di avere queste sensazioni verso il gioco gi il giorno dopo. perch mi son passati davanti tutti i momenti con la mia ragazza, e ho capito che sono stato proprio uno stupido.
non mi rendo conto come ho fatto ad entrare in questo tunnel, ma adesso voglio riprendere la mia vita. Voglio chiederle se meglio farmi seguire da uno psicologo o se devo dire alla mia ragazza cosa potrebbe fare per seguire la dritta via.

Grazie mille

Vito


( Leggi Tutto... | 4589 bytes aggiuntivi | commenti? | Visualizza la versione da Stampare  Invia questo articolo ad una persona | Dipendenze e Abusi )

Ossessioni e Fobie: ipocondria 165916
Argomento: Le risposte dell'Esperto (75 letture)
Le risposte dell'Esperto

Rachele, 21 (165916)

La mia Storia: Salve a tutti, sono una ragazza di 21 anni da un anno soffro di attacchi di ansia! Ho assunto sereupin prescritto dalla mia cardiologa per un anno e adesso sono 3 mesi che non lo sto pi assumendo! un percorso che ho affrontato da sola visto che nessuno mi aveva detto di rivolgermi a uno psicologo ignara della situazione che stavo affrontando, visto che il farmaco che ho assunto pensavo fosse per placare la tachicardia come mi aveva detto la mia cardiologa , invece poi documentandomi ho visto che era uno psicofarmaco.
L' interruzione del farmaco l ho sospesa graduatamente da sola e adesso i sintomi di astinenza sono abbastanza elevati e continuo a sentirli, sono passati 3 mesi, i prini mesi erano abbastanza evidenti adesso piano piano stanno diminuendo ma nn si arrestano.
Adesso la domanda che mi pongo questi sintomi che sto avendo quali mal di testa, rigidit al collo, formicolii, ronzii alle orecchie, vertigini,macchie colorate quando chiudo gli occhi,fiato corto, sensazione di bruciore alla testa, dolori muscolari ect ect sono dovuti all ansia che comunque continua a persistere o sono sintomi di astinenza del farmaco?
Grazie a chiunque mi risponder! Volevo precisare inoltre che ho fatto analisi del sangue urine tutto risultato nella norma radiografia al torace ed tutto nella norma visita oculistica e anche qui tutto nella norma.



( Leggi Tutto... | 4926 bytes aggiuntivi | commenti? | Visualizza la versione da Stampare  Invia questo articolo ad una persona | Ossessioni e Fobie )

Per saperne di pi: Depressione (166222)
Argomento: Le risposte dell'Esperto (91 letture)
Le risposte dell'Esperto

Sabrina884, 31 (166222)

La mia Storia: Salve sono Sabrina l immensa tristezza per la perdita di quasi tutti i miei familiari mi ha resa una persona incapace di legare con le persone ; ci si aggravato quando una mia amica per suoi scopi con l'inganno ha fatto firmare cose che mi hanno danneggiato e dopo che il mio ex mi ha tradita, Per non parlare dell'odio con dispetti che spesso ho dovuto subire da persone che mi giudicano male solo perche sono riservata e seria. Insomma a volte mi sembra che sto per morire di tristezza le cure a volte non servono ..rischio il ricovero coatto? Bastano paroxetina depakink e?




( Leggi Tutto... | 4325 bytes aggiuntivi | commenti? | Visualizza la versione da Stampare  Invia questo articolo ad una persona | Per saperne di pi )

Adolescenza: Dipendenza affettiva (166255)
Argomento: Le risposte dell'Esperto (107 letture)
Le risposte dell'Esperto

Elisa, 21 (166255)

La mia Storia: Buongiorno! Io scrivo per avere un consiglio riguardo alla situazione di una mia amica. Lei ha la mia et ed una studentessa universitaria, che vive ancora con i suoi genitori. Questa ragazza da 4 anni che soffre di attacchi di panico ed essi erano iniziati dopo l'abbandono da parte del suo primo ragazzo. Ci ha messo parecchio tempo a superare questa perdita e da circa un anno aveva una storia con un altro ragazzo. Ora la situazione peggiorata perch stata lasciata da questo ragazzo, ha attacchi di panico molto forti in cui urla ed stata ricoverata in ospedale 3 giorni, nei quali veniva sedata per non avere altri attacchi di panico. Lei con noi amiche parla solamente dei problemi relativi a questo ragazzo, non dei suoi problemi personali. Allora ho cercato di capire meglio la situazione parlando con i suoi genitori. Da loro ho appreso che lei non va regolarmente dalla psicologa poich convinta che il suo unico problema la mancanza di questo ragazzo e sebbene loro glielo continuino a ripetere lei si oppone. In questa situazione perci i genitori non la costringono ad andare dalla psicologa, sebbene sappiano che lei le volte che ci va sta meglio. Inoltre i medici durante l'ultimo ricovero hanno detto ai genitori che il suo disturbo la dipendenza affettiva.

Io a questo punto mi chiedo se sia il caso di consigliare ai genitori di portarla in una struttura specializzata perch 4 anni che lei ha il problema e dubito che se non l'ha riconosciuto fin'ora ci riesca adesso. Visto che lei non riconosce il problema autonomamente non decide neanche di seguire una terapia psicologica continua.

Chiederei pertanto consiglio su come agire in questa situazione poich vorrei fare qualcosa per la mia amica.

Grazie mille!




( Leggi Tutto... | 7044 bytes aggiuntivi | commenti? | Visualizza la versione da Stampare  Invia questo articolo ad una persona | Adolescenza )

Problemi di coppia: Affettiva (165970)
Argomento: Le risposte dell'Esperto (67 letture)
Le risposte dell'Esperto

Maddalena, 16 (165970)

La mia Storia: tipica situazione da adolescente, credo, dopo la rottura di un rapporto e mi dispiacefarle sprecare tempo leggendo questa richiesta, ma per quanto 'normali' possano essere queste situazioni a questa et, io come tanti credo, non riesco davvero a superarla. Per quanta volont ci metta ogni giorno, davvero dura e credo perch in aggiunta, dopo una relazione durata davvero tanto (circa un anno) in cui ho dato per la prima volta tutta me stessa in tutti i sensi possibili, non ho amici. certo, ho qualche amica che per gentilezza mi chiede come va, come sto, ma va davvero male. la mia famiglia purtroppo ha gia i suoi problemi, pap nevrotico per stress e per mia madre che viene sbattuta da un ospedale all'altro per seguire la chemioterapia. a scuola mi sento ancora piu sola, o comunque in questa societ in generale..dico, ma ha visto i miei coetanei oggi? privi di valori, e il che mi porta sempre di piu all'isolamento. ma piu di tutto mi tormenta, ancora dopo mesi colui che mi ha lasciata tra l'altro per messaggio e di cui sono purtroppo ancora innamorata, lo penso ogni secondo, ogni cosa che faccio mi ricordo quando la facevo insieme a lui..tutto, ogni istante l'ho trascorso con lui e magari questo stato proprio l'errore.

so che passer dottore, ma mi sento davvero sola e debole e tutto cio che mi rimane e la musica, quella che ascoltavo con lui..il buon vecchio britpop blur, oasis.. e mi piace davvero tanto ascoltarla fin quando qualcosa non inizia a divorarmi dentro come fa ogni giorno dal momento in cui apro gli occhi. ha qualche buon consiglio per un'adolescente naufraga? magari questa solo un email di sfogo dato che probabile che avr una risposta..ma spero davvero tanto in un consiglio o comunque incoraggiamento...grazie mille per l'attenzione




( Leggi Tutto... | 6331 bytes aggiuntivi | commenti? | Visualizza la versione da Stampare  Invia questo articolo ad una persona | Problemi di coppia )

Per saperne di pi: Alla ricerca di una motivazione (166219)
Argomento: Le risposte dell'Esperto (88 letture)
Le risposte dell'Esperto

Sara, 21 (166219)

La mia Storia: Gentie dottore,

mi chiamo Sara e ho 21 anni.Studio medicina,faccio il terzo anno.Qualche settimana fa mi andato male un'esame orale a cui avevo dedicato pi di un mese di tempo.Non essendo la prima volta, mi sono buttata gi:non riesco a studiare, passo le giornate a piangere e tutto ci che prima aveva senso(studiare medicina ad esempio) adesso non ha senso.Il mio malessere deriva dalla consapevolezza di non essere all'altezza della situazione, di capire di aver sacrificato tanto per lo studio ma non aver ottenuto niente!Sacrifico molto della mia vita per lo studio: non ho un ragazzo, non esco molto spesso ecc ma quello che ottengo solo frustazione!Dovr ridare l'esame a fine mese ma ho la consapevolezza che andr male di nuovo.Non ho motivazioni per studiare,non ho niente che mi sproni!Mi sento molto frustata e delusa. Vorrei risollevarmi ma non ci riesco. In attesa di una sua gentile risposta.Ringrazio e saluto

Sara



( Leggi Tutto... | 5236 bytes aggiuntivi | commenti? | Visualizza la versione da Stampare  Invia questo articolo ad una persona | Per saperne di pi )

Problemi familiari: Difficolt (166334)
Argomento: Le risposte dell'Esperto (75 letture)
Le risposte dell'Esperto

Fiore, 41 (166334)

La mia Storia: BUONGIORNO.

Il contesto in cui mi trovo : di nuovo nella casa d'origine, a 41 anni. difficolt lavorative, al momento di nuovo senza occupazione. mai sposata, mai cercata realizzazione e conferme nell'uomo su cui appoggiarsi e da cui farsi mantenere. incontri pessimi, pur essendo io donna tradizionalista e seria. desidero solo sistemarmi per conto mio, ma le oggettive difficolt me lo impediscono.
starei anche bene in casa, con mia mamma anziana, di cui mi occupo ,se non fosse che da due anni ,c' pure mio fratello grande 55enne. Separato di fatto dalla moglie.
persona pessima, che alterna totali mutismi a voce alta e rare volte anche mancanza di rispetto verbale per nostra madre 83enne.
no insulti, ma modo di parlare sgarbato e sgradevole.
con me non parla, se non quando ha bisogno di un passaggio, di un favore. E' sfiancante coabitare con una persona cos.
domanda : sono divisa tra l'aiuto che vorrei assicurare a mia madre , contnuando
al momento a studiare ( nonostante l'et, voglio laurearmi, ho l'ultimo anno da completare ).
ma la vogli assoluta di una dimensione mia, tranquilla, lontana da questa tristezza
portata a piene mani da questa persona.
qual la via migliore che mi salvi e mi riporti ad una vita normale?



( Leggi Tutto... | 4804 bytes aggiuntivi | commenti? | Visualizza la versione da Stampare  Invia questo articolo ad una persona | Problemi familiari )

Ossessioni e Fobie: Ansia (166137)
Argomento: Le risposte dell'Esperto (82 letture)
Le risposte dell'Esperto

Marco, 18 (166137)

La mia Storia: salve...Da circa un annetto, soffro di un disturbo che mi sta rovinando la vita.il disturbo consiste nel costante stimolo di dover defecare quando sono in giro o in mancanza di un bagno...penso sia un disturbo psicologico, perch quando sono a casa o in presenza di un bagno, tale disturbo non si presenta.E' un disturbo che come detto poc'anzi, mi sta rovinando la vita; per farla breve prima la cosa che mi rendeva pi felice era uscire con i miei compagni. e ora la cosa che mi fa pi paura.Spero di essere stato esauriente nella domanda e spero che mi possiate dare al pi presto una risposta, perch il disturbo peggiora di giorno in giorno.grazie...



( Leggi Tutto... | 4090 bytes aggiuntivi | commenti? | Visualizza la versione da Stampare  Invia questo articolo ad una persona | Ossessioni e Fobie )

Per saperne di pi: Paura di diventare pazza (166366)
Argomento: Le risposte dell'Esperto (74 letture)
Le risposte dell'Esperto

Luna, 18 (166366)

La mia Storia: vogliate dare una spiegazione agli strani eventi che ultimamente si stanno verificando, volgo ogni giorno in una situazione di continua ansia, stanchezza mentale e stress, ma alla notte la situazione peggiora, sento voci nella testa senza riuscire a capire cosa dicono, delle volte incubi di me stessa suicida, oppure di me stessa rinchiusa diventata pazza... non so davvero cosa pensare, spero che almeno voi sappiate darmi un risposta, grazie mille.



( Leggi Tutto... | 3649 bytes aggiuntivi | commenti? | Visualizza la versione da Stampare  Invia questo articolo ad una persona | Per saperne di pi )

Attacchi di Panico: Attacchi di panico (166377)
Argomento: Le risposte dell'Esperto (85 letture)
Le risposte dell'Esperto

Niki, 32 (166377)

La mia Storia: Buongiorno,
Ho attacchi di panico, ultimamente frequenti, e dato che impediscono di condurre normalmente la vita indipendente, sto perdendo l'autostima e faccio fatica a concentrarmi e lavorare.
Penso di aver bisogno di psicoterapia cognitivo-comportamentale, per quanto ho gia' letto in internet.
Ho analizzato le cause della situazione e ce ne sono due principali, di cui posso risolvere solo una, e questo mi fa soffrire.
Vediamo le cause. Vivo in America Latina e il mio fidanzato in Europa. Stava per trasferirsi lui da me all'inizio dell'anno prossimo e conducevo una normale vita senza soffrire troppo la sua mancanza. A giugno ho scoperto di essere incinta e questo ho stravolto il mondo, anche perche' mi ha detto che o vado a vivere da lui, o faccio l'aborto.
Tra le litigate, rabbia, chiamate agli amici, tentativo di mollarlo e decidere io che fare, ho accettato a fine giugno l'idea di mollare i miei sogni e progetti, non hanno messi bene in piedi, perche' ha ragione che avendo lui il lavoro fisso ed essendo io libera professionista, non posso continuare a vivere da sola e lui non e' pronto per trasferirsi.
A luglio ho avuto l'aborto spontaneo, con poi un'ulteriore raschiamento e una grave reazione all'anestesia al primo intervento e sono stata male altre due settimane. E ho iniziato a sentirmi sola e spaventata perche' avevo bisogno del suo supporto fisicamente, e non c'era, ed ho avuto i primi attacchi del panico. Gli ho proposto di fare una pausa di una settimana in cui non ci scrivevamo ogni giorno, e sono riuscita a fare le cose normalmente senza attacchi. Poi abbiamo deciso di rimanere insieme e gli attacchi sono tornati.
Nell'ottica di essere sola e non poter contare su nessuno, mi sento bene e faccio cio' che devo fare. Nell'ottica di essere coppia ho bisogno del suo supporto, ora, dopo che non l'ho avuto quando ero nel pericolo vero.
A causa degli attacchi del panico faccio fatica a concentrarmi, programmare le giornate, riprendere i progetti, divertirmi lavorando.
Perdendo sicurezza ed autostima, avendo speso tanti soldi per i medici e facendo fatica a ricredere nei progetti lavorativi, spendendo soldi senza guadagnarli, in effetti gli attacchi si verificano al bancomat, alla cassa al supermercato, mi tremano le mani quando tengo soldi, perche' nella mente ora ho paura di fallire. Questa e' la prima ragione.
La seconda e' che non sopporto piu' i messaggini ogni giorno perche' i baci virtuali non servono a niente e all'ospedale ero sola, mentre dal mio uomo m'aspetterei forza, supporto, abbracci veri, che qua non potra' darmi per almeno un paio anni perche' dovro' fargli da cicerone io.
Quindi voglio sia vivere con lui al piu' presto sia avere soddisfazioni lavorative. Da lui non le avrei e perderei 3 anni di vita e tanti soldi investiti nel progetto di andare via laddove sto bene, ma ho iniziato a star troppo male sola. Aspettarlo per ancora un anno mi mortifica e non sono sicura che avrebbe successo qua. Se lo voglio nel ruolo del capofamiglia devo andare a vivere da lui, e per fine anno ce la potrei fare, rinunciando al sogno di tutta la vita e successo prospettato.
Quindi o soffro ogni giorno perche' non ce la faccio piu' a sopportare la distanza e non dormo quasi; o soffro perche' perdo soldi, sforzi, prospettive, e l'eterna estate, andando ad essere completamente dipendente da lui, in Germania, che non mi era mai piaciuta, mentre lui sta tranquillo con casa di proprieta' e se dovesse succedere qualcosa io rimarrei col culo per terra e lui no. Ho questi dubbi che mi mandano in panico, ma non e' possibile eliminare una delle due sofferenze. Dovrei trasferirmi io perche' ce la farei prima?
Dovrei aspettarlo soffrendo e non essendo sicura che avra' successo qua?
Devo fare la scelta per fermare gli attacchi del panico? Il dubbio mi sta amazzando, e se vado avanti ad amazzarmi cosi' veramente rischio di perdere l'autostima e la grinta che sono necessarie per il mio lavoro.
Scusate, mi sono dilungata, ma secondo me e' importante spiegare i vari aspetti del caso, perche' prima avevo ansie (non panico) che eliminavo eliminado le cause, ma dopo la storia dell'aborto e' come se qualcosa si e' rotto in me e ho bisogno che sia lui il forte della situazione, e come facciamo a distanza. Per ora non gli ho detto che sto pensando per il nostro bene di trasferirmi io, perche' ne sarebbe felice, io non so se sarei felice io e pagherei troppo questo tentativo. O devo lasciarlo, dimenticare tutto, e tornare ad amare solo il lavoro e me stessa?
Questo funzionerebbe, ma anche l'amore non e' mica da buttare via, a piu' di 30 anni.
Che devo fare? Voglio tornare a sorridere e divertirmi vivendo.

Grazie mille.

p.s. andro' anche dallo psicologo qua ma il mio spagnolo non e' cosi' perfetto da spiegare tutte le sfumature del caso, quindi gradirei un aiuto dall'Italia..



( Leggi Tutto... | 8123 bytes aggiuntivi | commenti? | Visualizza la versione da Stampare  Invia questo articolo ad una persona | Attacchi di Panico )

Tutti gli articoli sull'argomento: Le risposte dell'Esperto


 

All contents copyright 1999, 2010 Psiconline s.r.l. - P.IVA 01925060699
Tutti i diritti riservati. E' vietata la riproduzione,stampa e/o diffusione in qualsiasi forma del testo e/o delle immagini senza il permesso scritto di Psiconline srl
All Rights Reserved. No material may be reproduced electronically or in print without written permission from Psiconline srl- Italy
Si prega di leggere accuratamente le NOTE LEGALI prima di utilizzare il sito