Vai al contenuto

Pubblicità

Memetico

Membri
  • Numero contenuti

    4
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

0 Neutral

Su Memetico

  • Rank
    Nuovo utente

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Ulteriore aggiornamento dopo la mia esplicita richiesta di chiarimenti in seduta: è legalmente abilitata alla psicoterapia poiché ha terminato la scuola iniziata ad ottobre 2012 e sta attendendo ottobre 2016 per farsi annotare, sotto mia esplicita richiesta di chiarimenti sulla legalità del processo mi ha rassicurato. Visto che ero ancora tremendamente scettico mi ha fornito il numero di telefono della scuola di psicoterapia presso cui si è specializzata per permettermi di chiamare direttamente loro, nel caso lo volessi, per farmi spiegare in dettaglio il suo percorso formativo (gestalt e analisi transazionale) e i motivi per cui è abilitata. Ho deciso di concederle il beneficio del dubbio poiché stiamo parlando di una persona che ha la dicitura di PSICOLOGA PSICOTERAPEUTA sulla targa in ottone a fronte strada, che ha potuto rispondermi positivamente senza indugio quando le ho chiesto se quella che stavamo facendo era psicoterapia o supporto psicologico, che ne usa il lessico e la deontologia e che esplicita chiaramente gli obiettivi che vogliamo raggiungere. O è un genio del crimine che non ha paura per niente di esporsi o non c'è nulla di marcio dietro. Poi, di comune accordo, abbiamo deciso (secondo me correttamente, a riprova della sua competenza) di utilizzare l'accaduto per analizzare i motivi della mia diffidenza e sospetto verso l'autorità.
  2. Giusto per aiutare qualcuno che si ritroverà, in futuro, a doversi orientare nel mare magnum complicato di queste faccende pubblico l'ennesimo aggiornamento: ho contattato un vecchio amico che sta ottenendo la specializzazione e mi ha detto che è perfettamente legale svolgere attivamente la psicoterapia durante la formazione quadriennale ma il terapeuta deve essere seguito da un tutor esperto "dietro le quinte" Date le circostanze mi trovo probabilmente in questo caso qui. Vedremo.
  3. Aggiornamento sulla faccenda: in attesa della seduta di dopodomani ho contattato l'albo per informazioni aggiornate sulla dott.ssa in questione ed effettivamente non risulta annotata nel registro dei terapeuti. A questo punto si tratta di dover gestire una seduta con una persona che sta, a tutti gli effetti, esercitando illegalmente una professione. Come la gestisco? A questo punto non si tratta più di gestione delle dinamiche tra terapeuta e paziente ma di una cosa ben diversa (senza contare le possibili ricadute legali di questa storia, non vorrei aver scoperchiato un vaso su questa persona) È anche vero che gestirla con coraggio si rivelerebbe piu terapeutico di anni di sedute.
  4. Ho intrapreso un percorso psicoterapico (?) da circa tre mesi presso una dottoressa che si pubblicizza come (pagina facebook, sito personale, account linkedin e riferimenti correlati) psicoterapeuta, specifica l'indirizzo di competenza e la scuola presso cui ha conseguito la specializzazione post-laurea quadriennale ed è una scuola effettivamente esistente ed accreditata. Un po' tardivamente e per pura curiosità ho controllato la sua iscrizione all'albo della regione e risulta effettivamente iscritta alla sez.A ma senza essere annotata nel registro degli psicoterapeuti (a differenza di altre sue colleghe che figurano come regolarmente iscritte) Andrò dritto al punto: il rapporto instaurato in questi mesi è buono e sto avendo riscontri positivi. Questa scoperta però rischia di inficiare sia i risultati ottenuti fino ad ora (perdita della fiducia) ed ovviamente la mia volontà di proseguire la terapia con questa dottoressa. Sono deciso a chiedere chiarimenti nel corso della prossima seduta ma, come potete immaginare, non sono totalmente a mio agio con l'idea di accusare una persona di un reato grave prima di averne la totale certezza. Senza contare il fatto che se avessi commesso un errore (la dottoressa in questione è relativamente giovane e stando alle informazioni presenti sul suo linkedin ha conseguito la specializzazione da poco, magari il registro non è aggiornato?) farei una gran brutta figura e rovinerei irrimediabilmente un rapporto terapeutico piacevole e fruttuoso. Cosa posso fare? Che strada devo seguire?
×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Privacy Policy.