Vai al contenuto

Dylan

Membri
  • Numero di messaggi

    1
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Reputazione comunità

0 Neutral

1 che ti segue

Che riguarda Dylan

  • Rango
    Nuovo utente
  1. Ciao a tutti, sono un ragazzo di 18 anni... e sono almeno sette anni che convivo con il mio problema. Il fatto è che mi rimane un po' difficile spiegare in cosa consiste. Comincio col dire che sono una persona abbastanza timida, ci vuole molto per farmi sciogliere, e lo faccio con la maggior parte delle persone. Nonostante questo ho notato che, con alcune, anche a quest'età, non riesco proprio e non capisco perchè. Da qui scaturisce il mio problema: anche se ho molti amici e non sono un tipo che sta sempre a casa, soffro quando sono con gli altri. Ho una specie di malinconia che mi prende ogni volta che sono in mezzo ai miei amici (per esempio): ho dei pensieri fissi che mi tormentano. Innanzitutto, mi chiedo quale visione abbiano gli altri di me stesso, e ogni volta mi metto in mente che mi credano stupido, incapace e inutile, anche se non lo danno a vedere. Ciò è aggravato dal fatto che ho degli hobby, dei gusti, delle esigenze che non si allineano con quelle dei miei amici (solo per fare un piccolo esempio, a me piace molto scrivere, ho scritto alcune poesie e racconti ma mai mi sognerei di farli leggere a qualcuno). A scuola non vado male, ma ho davvero una bassissima autostima, e ciò mi porta ad essere impacciato e a sentirmi stupido, alcune volte, di fronte ai professori e di fronte ai miei compagni. I miei credono che vada tutto bene e io non ho il coraggio di parlare di questa cosa, perciò molte volte mi rendo conto di essere nervoso, troppo aggressivo nei loro confronti. Loro mi chiedono perchè mi comporto così e io non so cosa rispondere. Cioè, lo so, ma non voglio. Molte volte ho dei periodi in cui tutti questi pensieri affollano la mia mente e mi sembra di vivere nel buio, e non è bello... Non riesco a stare con nessuno e nemmeno con me stesso e coi miei pensieri. Quest'anno la cosa si è complicata. Ho gli esami di stato, ho l'esame della patente e tante altre responsabilità ma io non mi sento pronto, mi sento incapace. Ma come posso riacquistare un po' di autostima, sempre nel caso che io valga davvero qualcosa. Il tutto è aggravato dal fatto che sono un tipo ansioso e costantemente in "dubbio", per ogni singola cosa. Mi rendo conto che faccio di un problema minimo, quasi una tragedia. Non so cosa fare e come comportarmi... spero che questo post venga letto da qualcuno che ne sappia davvero qualcosa, perchè è di questo che ho bisogno. Grazie in anticipo.
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.