Vai al contenuto

lucedistelle

Membri
  • Numero di messaggi

    3
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Reputazione comunità

0 Neutral

Che riguarda lucedistelle

  • Rango
    Nuovo utente
  1. Esatto avendole provate tutte (dai disabituanti, al feliway, ai fiori di bach, al Kontrolseda, ai metodi dolcissimi, ai premi, ad ignorarlo,e tante tante altre accortezze ed 'esperimenti') e vedendo che il micione non è cambiato in nulla, è chiaro che la casa troppo piccola e questa vita al chiuso gli vada stretta. Tu hai ragionissima, ma solo ad una persona equilibrata può fare un certo effetto sentire un parere esperto che condivida la mia idea...peccato solo che lui abbia definito pazzo e crudele il veterinario che ci ha detto che questo gatto debba vivere all'aperto e quindi dovremmo regal
  2. Si ma infatti adesso la lettiera è nelle sue mani e lo obbligo a pulirla giornalmente, ogni pipì fuori posto la faccio pulire a lui ma appunto il problema è la sua non oggettività, si è fissato che poichè il micio l'ho voluto io adesso dobbiamo tenercelo e sopportare tutto, anche il rischio che ferisca il bambino. E' un sentimento morboso e soprattutto non concreto perchè come ho detto sono io ad aver sempre pensato al bene del gatto con i fatti.E' un'ossessione, una fissazione...
  3. Buongiorno, scrivo qui per avere uno scambio di opinioni ed esperienze...la questione è un pò ridicola e difficile da spiegare, procederò per punti per renderla di più facile comprensione 1)Io ho sofferto e tendo ad avere il disturbo ossessivo compulsivo per il quale mi sono curata con Zoloft e psicoterapia fino ad un anno fa', l'ho interrotto per cercare una gravidanza. Per questo sono sicura che mio marito abbia lo stesso problema, perchè lo so riconoscere... 2)Il tutto è concentrato soprattutto sul nostro gatto di casa sul quale preciso che: io : l'ho desiderato tanto e ho fatto il po
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.