Vai al contenuto

innamoratadel2000

Membri
  • Numero di messaggi

    2
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Reputazione comunità

0 Neutral

Che riguarda innamoratadel2000

  • Rango
    Nuovo utente

Ospiti recenti del profilo

357 lo hanno visualizzato
  1. Salve, sono una ragazza di 21 anni e ho tenuto nascosta la mia storia di 3 anni con un ragazzo alla mia famiglia. Ora l'ho finalmente detto ai miei genitori e non l 'hanno presa per niente bene e vogliono che lo lasci immediatamente. La mia famiglia è molto all'antica viviamo in un piccolo paese e sono la figlia di un facoltoso avvocato .Siamo benestanti . Per la precisione abitiamo di fronte a mia nonna materna e ai miei zii con i quali abbiamo un legame molto stretto quasi fuori dal normale. Mia madre ha sempre fatto ciò che voleva e vuole mia nonna è sua succube in tutto, ogni minima decisione la prende prima con lei e poi con mio padre.Con lei è impossibile un dialogo ci provo incessantemente ma è inutile. Essendo nata a distanza di dieci anni da mio fratello e dai miei cugini mi hanno sempre controllata protetta mai lasciata sola hanno sempre deciso tutto per me. A 17 anni ho conosciuto Marco( lui ne aveva 23) su Facebook .Lui è un bravissimo ragazzo fa l'idraulico è bravo nel suo lavoro e guadagna bene ,i suoi genitori fanno lavori umili e ai loro figli non hanno fatto mai mancare nulla . Quando l 'ho detto a casa si sono sentiti addirittura male ora non mi fanno uscire più, riesco ad andare poche volte a casa dalle mie amiche accompagnata dai miei .Ho avuto problemi di salute a causa del loro comportamento ma nulla li scalfisce.Con quella poca libertà che avevo conquistato riuscivo a vedermi con lui o di mattina o di pomeriggio perché di notte i miei non mi hanno mai fatta uscire neanche per una pizza con le amiche, ma in quelle due ore a disposizione ci siamo conosciuti e abbiamo cercato di vivere una storia non normale ma quanto meno tranquilla. Ho sempre voluto dirlo ai miei genitori ma purtroppo in famiglia ci sono già stati episodi precedenti con i miei cugini sia quando ero piccola sia l 'ultima volta due anni fa...ho visto che sono capaci di tutto per questo non avevo il coraggio e la forza per dirlo e affrontare tutto questo . Ora a 21 anni e lui 26 mi sono sentita matura per affrontare questa situazione e l 'ho detto . I miei si sentono si traditi ma neanche tanto perché mi hanno detto che dovevo dirlo subito così avrebbero interrotto immediatamente la nostra storia e inoltre è vergognoso il fatto di essere stato con Marco e non si deve sapere. La motivazione per la quale non vogliono che io stia con lui è perché fa un lavoro umile e anche i suoi genitori in quanto il padre è operaio e la madre casalinga inoltre perché Marco non è laureato e perché non è ricco e loro non possono avere come consuoceri persone di una classe sociale(così hanno detto) così bassa. Io sono una studentessa universitaria e credo fortemente che nel 2015 non si possano fare certe discriminazioni solo perché non si è laureati o ricchi. Loro ragionano ancora pensando che la persona che vorrei frequentare sarà quella che dovrò sposare , io a 21 anni non posso sapere se è la persona giusta per me appunto per questo ho chiesto ai miei genitori di avere un dialogo un confronto di conoscerlo ma loro me lo hanno sempre negato. Non so più cosa fare questa non è vita vorrei vivere questa storia alla luce del sole vivere normalmente come ogni ragazza della mia età. Vorrei uscire, studiare, fare tutto questo ma al momento non riesco più a dare esami non riesco mentalmente, a loro non interessa neanche questo basta che non sto con lui. Mi tengono chiusa in casa , io chiedo di avere solo una possibilità e rendermi conto io se è la persona giusta per me ma se non la vivo alla luce del sole come posso fare? Vogliono che sia perfetta che non faccia mai errori .Marco voleva venire dal primo giorno a parlare con i miei ma gliel'ho sempre impedito perché sono così chiusi e perché toccava a me per prima parlare con loro. Noi ci amiamo molto vorrei far capire che ho 21 anni non sono una bambina ingenua e che in un futuro se starò con lui vivremo con due stipendi non ho paura di questo perché in fin dei conti non ho mai condotto una vita lussuosa sono umile e con la testa sulle spalle il nostro è un forte amore ma loro non cambiano idea ora si sono decisi a parlare con lui per dirgli di non frequentarmi più . Mi hanno detto che non interessa se lavora se è un bravo ragazzo , se ci amiamo ...manca come dicono loro ,un titolo di laurea e soldi. cosa posso fare? A me sembra di aver cercato di fare veri passi avanti, cedere qualcosa..ma niente davanti a me c'è sempre un MURO! In attesa di una risposta porgo i miei distinti saluti
  2. Salve, sono una ragazza di 21 anni e ho tenuto nascosta la mia storia di 3 anni con un ragazzo alla mia famiglia. Ora l'ho finalmente detto ai miei genitori e non l 'hanno presa per niente bene e vogliono che lo lasci immediatamente. La mia famiglia è molto all'antica viviamo in un piccolo paese e sono la figlia di un facoltoso avvocato .Siamo benestanti . Per la precisione abitiamo di fronte a mia nonna materna e ai miei zii con i quali abbiamo un legame molto stretto quasi fuori dal normale. Mia madre ha sempre fatto ciò che voleva e vuole mia nonna è sua succube in tutto, ogni minima decisione la prende prima con lei e poi con mio padre.Con lei è impossibile un dialogo ci provo incessantemente ma è inutile. Essendo nata a distanza di dieci anni da mio fratello e dai miei cugini mi hanno sempre controllata protetta mai lasciata sola hanno sempre deciso tutto per me. A 17 anni ho conosciuto Marco( lui ne aveva 23) su Facebook .Lui è un bravissimo ragazzo fa l'idraulico è bravo nel suo lavoro e guadagna bene ,i suoi genitori fanno lavori umili e ai loro figli non hanno fatto mai mancare nulla . Quando l 'ho detto a casa si sono sentiti addirittura male ora non mi fanno uscire più, riesco ad andare poche volte a casa dalle mie amiche accompagnata dai miei .Ho avuto problemi di salute a causa del loro comportamento ma nulla li scalfisce.Con quella poca libertà che avevo conquistato riuscivo a vedermi con lui o di mattina o di pomeriggio perché di notte i miei non mi hanno mai fatta uscire neanche per una pizza con le amiche, ma in quelle due ore a disposizione ci siamo conosciuti e abbiamo cercato di vivere una storia non normale ma quanto meno tranquilla. Ho sempre voluto dirlo ai miei genitori ma purtroppo in famiglia ci sono già stati episodi precedenti con i miei cugini sia quando ero piccola sia l 'ultima volta due anni fa...ho visto che sono capaci di tutto per questo non avevo il coraggio e la forza per dirlo e affrontare tutto questo . Ora a 21 anni e lui 26 mi sono sentita matura per affrontare questa situazione e l 'ho detto . I miei si sentono si traditi ma neanche tanto perché mi hanno detto che dovevo dirlo subito così avrebbero interrotto immediatamente la nostra storia e inoltre è vergognoso il fatto di essere stato con Marco e non si deve sapere. La motivazione per la quale non vogliono che io stia con lui è perché fa un lavoro umile e anche i suoi genitori in quanto il padre è operaio e la madre casalinga inoltre perché Marco non è laureato e perché non è ricco e loro non possono avere come consuoceri persone di una classe sociale(così hanno detto) così bassa. Io sono una studentessa universitaria e credo fortemente che nel 2015 non si possano fare certe discriminazioni solo perché non si è laureati o ricchi. Loro ragionano ancora pensando che la persona che vorrei frequentare sarà quella che dovrò sposare , io a 21 anni non posso sapere se è la persona giusta per me appunto per questo ho chiesto ai miei genitori di avere un dialogo un confronto di conoscerlo ma loro me lo hanno sempre negato. Non so più cosa fare questa non è vita vorrei vivere questa storia alla luce del sole vivere normalmente come ogni ragazza della mia età. Vorrei uscire, studiare, fare tutto questo ma al momento non riesco più a dare esami non riesco mentalmente, a loro non interessa neanche questo basta che non sto con lui. Mi tengono chiusa in casa , io chiedo di avere solo una possibilità e rendermi conto io se è la persona giusta per me ma se non la vivo alla luce del sole come posso fare? Vogliono che sia perfetta che non faccia mai errori .Marco voleva venire dal primo giorno a parlare con i miei ma gliel'ho sempre impedito perché sono così chiusi e perché toccava a me per prima parlare con loro. Noi ci amiamo molto vorrei far capire che ho 21 anni non sono una bambina ingenua e che in un futuro se starò con lui vivremo con due stipendi non ho paura di questo perché in fin dei conti non ho mai condotto una vita lussuosa sono umile e con la testa sulle spalle il nostro è un forte amore ma loro non cambiano idea ora si sono decisi a parlare con lui per dirgli di non frequentarmi più . Mi hanno detto che non interessa se lavora se è un bravo ragazzo , se ci amiamo ...manca come dicono loro ,un titolo di laurea e soldi. cosa posso fare? A me sembra di aver cercato di fare veri passi avanti, cedere qualcosa..ma niente davanti a me c'è sempre un MURO! In attesa di una risposta porgo i miei distinti saluti
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.