Vai al contenuto

nullafacente

Membri
  • Numero di messaggi

    7
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Reputazione comunità

0 Neutral

Che riguarda nullafacente

  • Rango
    Nuovo utente

Ospiti recenti del profilo

643 lo hanno visualizzato
  1. Sarebbe una possibilità, ma considerandola utilizzerei tutto il mio tempo per un'attività che non mi attira più di tanto. So di "snobbare" una grande opportunità, ma se la mia idea è capire che altro posso fare della mia vita, seguendo questa strada mi precluderei alternative che potrebbero piacermi maggiormente. Sono consapevole di non poter aspettare un'illuminazione improvvisa, ma per il momento sto cercando di trovare qualcosa che migliori il mio stato mentale attuale, in modo sufficiente da considerare a mente lucida tutte le strade che posso provare a prendere ed in che modo iniziarne ci
  2. C'è un dettaglio importante che non mi risulta di aver riportato in precedenza. Non riesco ancora a capire di preciso che strada prendere anche perché è dai tempi del liceo che i miei genitori continuano a parlarmi del mio futuro in azienda, come se lavorare lì, per me, fosse una cosa certa e scontata. Il fatto è che io ho passato e sto passando un'adolescenza in cui li ho delusi molte volte, quindi vedo anche la decisione di trovarmi un impiego diverso come l'ennesima delusione nei loro confronti. In verità, inoltre, mi hanno concesso di iscrivermi ad università solo a patto che io dicessi a
  3. Se proprio devo essere sincero, vorrei fare tutto e non vorrei fare niente allo stesso tempo. Ho questo pensiero fisso perché voglio impormi una visione realistica della realtà in cui vivo: la salute e le opportunità (anche economiche) ci sono, ma il problema è la mia attuale mentalità. Non ho mai la forza necessaria per iniziare o finire come si deve una cosa. Mi girano, se penso a tutte le giornate che ho buttato a perdere tempo tra le mura di casa, tempo che molti miei coetanei hanno sfruttato fin da subito per ottimizzarlo in sport o passioni (come per esempio l'impiego da dj-produttore, c
  4. Sono passati già alcuni mesi dall'ultima volta che ho scritto, ma la situazione non sembra cambiare. Ormai sono stato compatito da troppe persone per la mia scarsa produttività, cosa che mi ha stancato da troppo tempo. Ho avuto più volte la dimostrazione che i miei genitori mi considerino meno intelligente degli altri in tutti questi anni. Il mio problema più grande, a questo punto, è palesemente un'autostima a livelli pressoché negativi. Da fuori non può sembrare un problema rilevante dato che chiunque ha avuto ramanzine da parte dei propri genitori, ma penso che il mio caso sia un po' divers
  5. Vi ringrazio per i consigli. Rispondendo a Luca, dico che per quanto riguarda l'idea di società, uomo ecc. non ho un'idea tanto chiara. In generale, non mi interessa informarmi. Non leggo il giornale e non mi interessano le notizie del mondo, a meno che non ne venga a sapere qualcosa perché ne parlano tutti. Non mi ricordo molto bene come mi vedessi da piccolo a questa età, probabilmente perché anche a quell'età non sapevo che idea farmi. In quel periodo prendevo ovviamente spunto da mio fratello più grande, perché essendo più maturo poteva darmi delle dritte, anche e soprattutto involontarie
  6. Ho deciso di intraprendere economia più che altro per una questione di utilità. L'ho scelta, nonostante il parziale interesse che ho avuto all'inizio, perché è comunque un indirizzo non troppo difficile (da quello che mi hanno detto professori ed amici) e che potrebbe tornarmi utile in cose di tutti i giorni, una volta appresi gli insegnamenti. Non sono figlio unico, ho un fratello maggiore che vedo molto più attivo e volenteroso di me. Sono stato fidanzato anni fa e per pochissimo tempo con una ragazza. Qui aprirei una parentesi. In questi anni, con questa situazione, non mi sono mai sentito
  7. Ciao a tutti. Scrivo perché ho 20 anni e non sono in grado di fare nulla. Il fatto è che qualsiasi cosa che richieda un minimo impegno, come una semplice commissione fuori da casa, mi è di peso. Mi sento come impotente di risolvere questa situazione perché ho condotto una vita intera a forza di spinte da parte dei miei genitori e talvolta di miei amici che mi hanno aiutato, soprattutto in ambito scolastico. Attualmente frequento l'università e dovrei tenere un esame a breve, a gennaio. Sono messo malissimo perché in questi 3-4 mesi di scuola non ho mai trovato la voglia di fare nulla. In realt
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.