Vai al contenuto

Amarganta

Membri
  • Numero di messaggi

    1
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Reputazione comunità

0 Neutral

Che riguarda Amarganta

  • Rango
    Nuovo utente
  1. Amarganta

    Angoscia esistenziale

    Ciao Floyd, girovagando alla ricerca di risposte sulla mia (strana) condizione di vita, mi sono imbattuta nel tuo messaggio e mi sono molto ritrovata nelle tue parole tanto da iscrivermi a questo forum per risponderti. Comprendo molto bene il tuo stato d'animo perchè purtroppo è da sempre, con alcune differenze, un po' anche il mio. Sono anch'io del 77 e anch'io all'età di 19 anni ho avuto una terribile crisi di angoscia e ansia durata ,nella sua fase acuta, parecchi mesi. Ho davvero rischiato in quell'occasione, sono dimagrita di diversi chili, addirittura mi si è interrotto il ciclo, ho temuto che non sarei più tornata ad essere me stessa, quella persona che ,pur tra alti e bassi, avevo imparato a far vivere. Ho preso farmaci per un po' e sono stata in analisi diversi anni. Sono uscita dalla fase acuta e sono tornata ad una vita più o meno normale ma da allora è come se camminassi in equilibrio su un filo, basta un soffio di vento per sbattermi giù. E in questi anni di soffi di vento ce ne sono stati eccome, come quando ad esempio all'età di 23 anni mi è stata diagnosticata l'otosclerosi, sì proprio come nel tuo caso, e ho dovuto imparare a convivere con un problema che non ha certo aiutato una come me desiderosa di compagnia ma tendente all'isolamento. Mi interrogo da sempre sul perchè della mia condizione. In realtà credo di non avere nulla di meno rispetto a chi riesce a vivere serenamente, ma sono da sempre frenata, impaurita e dentro di me serpeggia l'idea che io, semplicemente, non sia adatta alla vita. Non voglio far apparire questa mia affermazione più tragica di quello che è, però credo che in effetti questa vita sia adatta solo a chi poco pensa, a chi poco si arrovella. Io sono circondata da persone a cui spesso capitano eventi molto più difficili di quelli che sono capitati a me, ma noto che loro, a differenza mia, non pretendono di sviscerarli, di trovarne la ragione. Semplicemente si rialzano e vanno avanti, fiduciosi che le cose miglioreranno. Io le invidio molto queste persone e penso che l'evoluzione con loro sia stata proprio benevola. Penso che nel tuo come nel mio caso, occorra semplicemente tenere duro accettando questi aspetti della propria personalità consapevoli che il periodo buio, come è sempre passato, passerà anche questa volta.
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.