Vai al contenuto

DolceDormire

Membri
  • Numero di messaggi

    7
  • Registrato dal

  • Ultima visita

Che riguarda DolceDormire

  • Compleanno 26 marzo

Contact Methods

  • Website URL
    www.galleriadartesicilia.it

Profile Information

  • Gender
    Female
  • Location
    Catania
  • Interests
    Osservo i sogni, amo il web e il mio lavoro con le immagini.

Ospiti recenti del profilo

Il blocco recente degli ospiti è disabilitato e non viene visualizzato dagli altri utenti.

DolceDormire's Achievements

Newbie

Newbie (1/14)

0

Reputazione comunità

  1. DolceDormire

    È doc?

    Cara Iris, mi è venuto in mente il controfobico, magari non sei tu il tipo, ma è una persona che in vista di una sfida e la forte paura di non esserne all'altezza mette le mani avanti, come per sfatare l'insuccesso, senza lasciare che le cose vadano come devono andare, con maggiore naturalezza. Non credo si possa controllare tanto senza che ne soffra la spontaneità del rapporto con il tuo fidanzato. Lui è chiaro che ti vuole bene, lascia che ti ami, se anche fosse che tu hai il dubbio di non saperlo amare come vuole il tuo standard che è assai esigente, che importa, è un problema suo, lui vuole stare con te, tanto più che sei onesta nei suoi confronti. I pensieri sotto la pressione dell'ansia, si capisce che lo hai capito, spesso non sono obiettivi, realistici. Ti consigliere ancora di lasciarti amare, magari si riempie il vuoto che senti e la magia accade, diventi forte nell'amare tu stessa se mai dubitassi di esserlo. Un abbraccio
  2. Ciao Roberto, ho letto più volte ciò che hai voluto condividere del tuo disagio, sono una persona comune, che in passato ha risolto diversi problemi con la terapia, e in più cicli, quindi posso solo scrivere le sensazioni e i pensieri che il tuo scritto ha suscitato in me. Da come scrivi mi verrebbe da pensare che tu abbia chiuso tutte le porte per un eventuale aiuto, ma potrei sbagliarmi. Infatti per me la distanza potrebbe non essere un motivo valido per non andare dallo psicologo. Se riconosci che ti potrebbe davvero aiutare potresti farti accompagnare, anche da i tuoi genitori, perchè no. Chiedi e ti sarà dato dice la bibbia, non sono credente ma questa cosa è dentro di me, come il cercare e come il bussare. Tu hai scritto quì, è comunque una richiesta di comprensione, ma non sai quando e quanto aiuto otterrai. Mi sembra una situazione acuta la tua, poi magari scemerà e te lo auguro. Spero che i farmaci, immagino ansiolitici, te li abbia dati il tuo medico di base, quì e ora, sarebbe la persona più vicina che dovrebbe darti il primo aiuto se in famiglia non pensi di poterti confidare come vorresti. In passato mi aiutò molto scrivere, mi veniva indicato in terapia di farlo, ma è una cosa che secondo me può aiutare anche te, ti esprimi con facilità. Metterei nero su bianco le cose che credi ti possano accadere, quelle che temi in questa fase acuta, anche le più assurde, e poi scrivere punto per punto quanto sia probabile realisticamente che il timore diventi realtà. Richiede un pò di coraggio, ma magari potresti ottenere qualcosa riguardo alla valutazione. Un ultima cosa, non posso fare a meno di chiedermi se i tuoi cari genitori siano molto anziani, in tal caso ti darei ragione del fatto che non vuoi recare preoccupazione. Se così non è, sii più paziente con te stesso che ti trovi nella condizione di chiedere, se sei sincero e chiedi aiuto veramente loro saranno contenti di esserti vicini e collaborativi. Spesso i genitori sono superficiali quando si tratta di disturbi legati al disagio psicologico, ma non chiederei il loro parere, un aiuto a rendere possibile una cura si. A volte l'aiuto non può arrivare da noi stessi o dalla nostra famiglia che in parte, se ci fai caso, è responsabile nel bene e nel male di ciò che siamo, come la scuola, gli amici eccetera... Ti lascio con una domanda, rispondi solo se vuoi. L'acutizzarsi degli impedimenti fisici e interiori, pensi siano conseguenza del tuo ritorno a casa con i tuoi, o hanno fatto capolino prima di vendere la casa spingendoti consciamente o meno a ritornare in famiglia? Ciao, spero nel frattempo tu stia meglio di già
  3. Salve, vorrei dormire in modo regolare, ritengo che la mia vita sarebbe più produttiva , e sarei in grado di relazionarmi in modo più costante. Raramente e mal volentieri prendo impegni, la promessa di un appuntamento o di un orario ben preciso anche per una cosa banale, spesso mi fregano la nottata di sonno per intero. L'impegno mi preoccupa perchè se per caso la notte che lo precede io dormissi troppo poco, poi sarebbe una tragedia alzarmi; il topo si morde la coda, ed ecco che è sicuro che non dormirò per l'ansia da prestazione e non per gli incubi visto che non mi addormenterò per nulla. Familiari e amici sono molto tolleranti, ma in qualche modo sto perdendo la voglia di uscire di casa al di fuori dell'orario di lavoro che svolgo sempre sottotono, tranne le rare volte in cui dormo un pò di ore di seguito. In passato mi sono rivolta alla terapia psicologica, richiedeva più di un anno, e poi i benefici duravano un bel po' di tempo, ora non me lo posso più permettere, e desidererei tanto la ricetta magica per farcela sola. Grazie per l'ascolto, auguro una piacevole serata.
  4. Ritengo sia una complicazione durissima ma utile; per me è stata un pezzo di vita vera vissuta, con emozioni che oso ipotizzare, quando si presentano di un certo tipo, siano forti nella misura in cui è grande la voragine affettiva ed emotiva! Io scrivevo email al terapeuta, tra una seduta e l'altra, e ho avuto risultati straordinari anche se ci ho messo 18 mesi. Sono stata coraggiosa e ho sopportato di sentirmi messa in croce dal lavoro stesso. Lasciare che accadano anche piccoli cambiamenti dentro di noi non è una cosa indolore e facile. Si, il coraggio credo sia necessario come la voglia assai forte di farsi aiutare .
  5. DolceDormire

    Cosa potrei fare?

    Cara Lisa, mi permetto di dirti ciò che sento leggendo la tua storia. Comprendo che tu voglia bene alla tua amica di sempre, guarderei però le cose da un'altra prospettiva. Perchè pensi che lei debba cambiare se è fatta in un certo modo, ed ha una educazione diversa dalla tua? Tu stessa resti statica nel tua posizione di persona che sopporta, e non cambi. Forse oggi indossi questo ruolo con una amica e domani farai lo stesso con un fidanzato o con i tuoi allievi?! Io credo che per diversi motivi, se siamo troppo tolleranti con gli altri, ci dobbiamo aspettare che questi altri facciano un pò come vogliono, tanto tu sei sempre disponibile! Fossi in te rifletterei su come vuoi essere nella vita, c'è un detto che dice "dove amare non è più possibile vai oltre" . Vale anche nell'amicizia. Magari se tu riuscissi a fare entrare nella tua vita nuovi interessi e provassi ad approfondire legami che magari hai trascurato e che meriterebbero attenzione, può darsi che la tua amica comincerebbe ad apprezzarli di più e il vostro legame potrebbe diventare più ricco e più maturo. Ciao, molti auguri, un abbraccio.
  6. Salve, mi piacerebbe confrontarmi su temi e problemi dei quali spesso non si parla con i familiari e gli amici anche se cari.
×
×
  • Crea nuovo/a...

Informazione importante

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Politica sulla Privacy.