Vai al contenuto

Pubblicità

miagolina

Membri
  • Numero contenuti

    18
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

0 Neutral

Su miagolina

  • Rank
    Nuovo utente
  1. Sembra incomprensibile ma a volte la verità è così brutale che non vogliamo accettarla. Nel mio caso, dovrei fare un lavoro di rimozione e dimenticare, dimenticare tutto per cancellare ogni attimo, ogni ultimo attimo che ho speso per questa storia. E' finita nello squallore, in uno di quei modi antichi come il mondo: nella crisi, ha creduto bene di buttarsi nelle braccia di un'altra, la prima che gli è capitata, e mi dice convinto che si è innamorato.... La prima capite, senza scegliere, senza domandarsi cosa vuole veramente... A settembre abbiamo comprato la cameretta, a dicembre la macchina nuova. Ma, mi ha detto, per lui era finita ad agosto.... Mi ha detto anche che lei non c'entra niente, anche se quando qualche giorno fà è ritornato SUPPLICANDOMI piangendo come un bambino di ritentare (e di fronte alla mia ritrosia del tradimento subito, all'inganno e alle bugie, il giorno dopo aveva già cambiato idea) mi ha confessato che quel messaggio dove per la prima volta mi diceva che non mi amava più e che i progetti di vita si potevano fare anche con altre persone a sua insaputa lei gli aveva preso il cellulare e l'aveva mandato. Quanto ci sono stata male per quel messaggio, quanto altro dolore ho dovuto provare... ma lei non c'entra niente..... Se solo penso alle cose che ha detto tra quelle lacrime per poi ringoiarsele tutte è qualcosa di insostenibile... Mi ha utilizzata a suo scopo e piacimento per convincersi che cosa fare. I miei sentimenti non contano... anzi sono stata criticata che quando lui si è allontanato, lo dovevo fermare, dovevo mettermi davanti alla porta... Ma io non ho mai seguito fiction e storie d'amore dove lì fanno vedere queste cose. Io credo nella consapevolezza delle persone, credo nella loro volontà di migliorare, credo nel valore che danno se un sentimento è stato vissuto in pieno, intensamente come poi ti dicono e ti dimostrano. Questo è quello che credo. Credevo di avere a che fare con uno alla mia pari. Non con uno che ha cercato l'inganno, la falsità per non avere avuto la capacità di capire quale era il problema, di avere la volontà di affrontarlo, proprio perchè non voleva perdermi, uno che appena ha trovato due braccia e qualcos'altro mi parla di AMORE di rispetto per l'altra (una volta mi ha detto che con lei vuole fare le cose fatte bene, lasciandomi ad intendere che con me le cose sono state "sporche"?). Ma come il nostro non era quell'amore UNICO MAGNIFICO AUTENTICO? Nessuno di noi due si è mai sentito obbligato, forzato, costretto, raggirato. Ho avuto altre storie finite male... ma mai così... Con questa violenza, con questo cinismo da parte sua solo perchè avevo scoperto che aveva un'altra, che le ho telefonato. Voleva decidere anche per me.... Era finita per lui, era finita per me. Devo dire che questo grande e puro egoismo che ha dimostrato nei miei confronti è il male più grande che mi ha fatto, è la mia infelicità assoluta che stò vivendo da quando tutto è cominciato è la riprova del dolore che non passa, anche se stò reagendo con le unghie e con i denti, anche se stò al lavoro e dovrei lavorare ma non ci riesco, anche se il titolare ha detto che dal server stamperà un tabulato per sapere chi và su Internet. Conosceva l'ultimo mio dente. Ora mi ritrovo un nemico in prima linea (soprattutto per la vendita della casa); ho a che fare con uno che non ti dice tutte le cose, che ha firmato il contratto di agenzia senza sapere la mia, che ha tutto intestato perchè all'epoca non avevo un contratto e per convenienze fiscali doveva intestarsi tutto lui per avere il rimborso. Ma questo non era motivo di preoccupazione: noi eravamo come sposati, noi eravamo quelli che dopo qualche mese già eravamo volati a stipulare una polizza integrativa sulla vita.... Ora oltre al dolore della perdita (e non sò più di chi) chissà potrebbe fare qualche colpo di testa. Ora non mi riconosce più. Non sono quel cucciolo da difendere, ma una merda da schiacciare fino all'ultimo, fino alla fine di tutto. Rispondetemi.
  2. sassolina, vedi tanti ti hanno scritto ti siamo tutti vicini. Sicuramente adesso sei preda di uno stato confusionale, doloroso, e credi che solo la morte ti possa distogliere dai tuoi pensieri che sicuramente saranno atroci, terribili. Ma devi farti forza, lo devi fare per te stessa, solo tu ti puoi salvare, gli altri il resto non conta. Non puoi buttare la tua vita per uno "xxxxx" (scusa se mi permetto) che ti ha illuso, ingannato. Se fosse davvero così che valore ha questa persona? Perchè distruggersi totalmente per uno che non ci merita, per uno come tanti altri? Anche tu avrai fatto qualche errore, anche io nella mia storia ne ho fatti. Ragiona su questo, cerca di mettere a fuoco, con lucidità pro e contro. Pensa, rifletti, scrivi, sfogati, l'aiuto può esserci anche solo dialogare. Se hai cercato questo forum vuol dire che stai cercando una se pur debole salvezza, se oggi hai cercato le risposte, vuol dire che hai voglia di reagire. CORAGGIO!!!!! UN abbraccio fortissimo!!!! :abb
  3. ciao tex fichissimo quel personaggio che ti sei scelto della Walt Disney, non mi ricordo mai come si chiama..... Sbagli a non rispondere ai nuovi utenti.... che vuol dire che hai paura di risultare scontroso?...... Il punto è proprio quello.... dire la propria sempre e comunque sia per i vecchi che per i nuovi.... poi se i nuovi non comprendono..... :twisted: Rispondimi quando ne hai voglia, sempre se trovi interessante ciò che dico.... A proposito.... c'è una ragazza sassolina colorata che andrebbe seriamente aiutata per quel che si può fare... vai sul topic chi mi aiuta e capirai. Ciao
  4. Ciao a tutti!! Sul topic chi mi aiuta "il desiderio di morire" c'è una ragazza sassolina colorata che dall'ultima risposta di oggi che ha dato sulla sua situazione personale minaccia di uccidersi! Io venerdì gli ho scritto anche un'e-mail con il mio contatto telefonico ma non mi ha chiamato. Sicuramente stà molto male, e il fatto che si è scritta a questo forum per lei è un debole tentativo di salvezza ma.... credo non ne voglia sapere. Le scrivete qualcosa in tanti di modo che desista da questo orribile e insano gesto....... DAI FORZA!!!! Sassolina contattami, vedrai puoi farcela!!!!
  5. GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE A TUTTI QUELLI CHE FIN'ORA MI HANNO RISPOSTO. NON CREDEVO DAVVERO CHE UN FORUM (QUESTO!) POTESSE ESSERE COSI' BELLO PER POTER ESPRIMERE I PROPRI SENTIMENTI (E NON SOLO QUELLI)CON LA MASSIMA LIBERTA' E SPONTANEITA'!!!! E'VERO CHE IN QUESTO PERIODO STO' MALE MA INCREDIBILE MI AVETE AIUTATO!! FORZA DELLA PSICOLOGIA NON TROVATE? UN BACIO DI CUORE A TUTTI!!!!!!!!!! :abb
  6. GRAZIE Verbena contraccambio il tuo abbraccio!!!! Grazie mille!!!!! :abb
  7. Sassolina colorata leggi la mia risposta sul topic chi mi aiuta. Ciao e fammi sapere!!!
  8. Ciao sassolina colorata, ho visto che mi hai risposto al mio topic quando un amore ti distrugge.... e ti ringrazio. Hai visto che un pò di forza ce l'hai per avermi detto di non abbattermi? La stessa cosa la devi fare per te. Tu sei importante, la tua testa, il tuo cuore, la tua persona. Anch'io stò provando quello che stai provando tu.... e vivaddio che esiste questo tipo di comunicazione tanto a volte denigrata ma..... in alcuni momenti della vita può essere efficace!! Anch'io non ho voglia di vivere.... anch'io mi sento distrutta. Credo sia una reazione normale se hai creduto fortemente in qualcosa, se in quella hai profuso tutte le tue energie, se ti sei impegnata al massimo perchè sapevi che quella situazione ti faceva stare bene. Ma ho capito finalmente (a quarantanni!!) che non bisogna disperatamente e testardamente ancorarsi a quello che noi chiamiamo amore. Per instaurare una bella storia d'amore durevole!? bisogna conoscersi profondamente, bisogna amare noi stessi, rispettarsi, raggiungere prima o poi una sorta di equilibrio interiore. Per poi comunicare all' altro quello che di più bello abbiamo dentro di noi. Ma non solo all'inizio che è facile per tutti. Ma durante, quando altre cose nuove si acquisiscono ed altre inevitabilmente si perdono. Sicuramente a lungo andare non è facile stare insieme. E se dentro non si è sereni credo che non è facile nemmeno riuscire ad instaurare quello di cui abbiamo bisogno, e cioè una persona che ci ami, che ci sostenga, che ci dia la forza quando non l'abbiamo. Ci sono uomini opportunisti ed egoisti certo che fingono dall'inizio: ma perchè se noi stiamo così attente non ce ne accorgiamo? Ti dico solo che a dicembre mi mandava messaggi d'amore e ancora in macchina mi prendeva teneramente le mani e le baciava con dolcezza. Ma per lui era già finita, me lo ha detto almeno ad agosto dovrebbe essere cominicato il suo cambiamento. Lui stà con un'altra. Lui invece di risolvere insieme quei problemi che si erano venuti a creare, ha preferito scappare, distruggendo tutto, uccidendomi e uccidendo tutto ciò che in anni avevamo costruito. Cosa fare? Non lo sò; sò solo che è ingiusto sprecarsi, uccidersi ulteriormente per un'altra persona che potevamo anche non incontrare. Parto da questo, poi si vedrà. Tu parti anche dal nome che hai deciso di darti: sassolina colorata. E' bello. Evoca dolcezza e allegria. Qello che eri probabilmente. E allora riprenditi tutto e non permettere MAI PIU' A NESSUNO MAI di illuderti, di ingannarti. Se vuoi mandami anche un'e-mail, potremo conoscersi meglio. Ciao e CORAGGIO!!!! :D
  9. Ciao, è vero ha ragione Verbena non vale la pena buttarsi via per un uomo!! Anch'io ho 41 anni e stò vivendo una situazione similare alla tua. Dopo tanti progetti, acquistata una casa e quasi otto anni passati insieme condividendo tutto, mi ritrovo davanti un'altra persona che difronte ad alcuni problemi ha preferito scappare, comportandosi in modo sleale, e quando lui ha deciso che era finita, lo ha deciso anche per me, frequentando subito un'altra, sostituendomi all'istante. E tutto all'incirca due mesi fà. Cosa fare di fronte ad una persona che mai avresti pensato potesse colpirti così, potesse farti tanto male? Niente, non cè nulla da fare, se vuoi andare avanti il coraggio, la forza la devi trovare solo dentro di te! Nessuno può dartela. Io ci stò provando, non so se ci riuscirò, ma la forza che mi proviene è pensare che in fondo davvero non è edificante umiliarsi, distruggersi per una persona che non ti ama più. Chi è questa persona, a cui noi attribuiamo tutto questo valore, possibile che da SOLI non riusciamo a stare bene, che la nostra felicità debba sempre e comunque dipendere da qualcuno? E se quel qualcuno per colpa nostra è sbagliato per noi? Te lo sei mai chiesto? Morire per chi? LA TUA VITA solo quella hai, buttata per uno che se tu piangi sicuramente può stare da qualche parte a ridere di te. NON E' GIUSTO!! Rifletti su questo, come io ci stò riflettendo. Moglio morire per un ideale di giustizia che per un uomo, una persona qualunque!! Un abbraccio e FORZA!!!!!
  10. miagolina

    SAPETE PERDONARE?

    Io no. Mi riferisco ovviamente a qualsiasi situazione importante che avete subito come un'ingiustizia e che vi ha fatto soffrire. Questo è un mio grosso limite, che per quanto ci abbia lavorato sopra da anni, non riesco a smussarlo, giammai a modificarlo. Ritengo che dietro l'atto del perdono non sempre si celi la vera natura dell'atto stesso, ciò che per convenzione noi intendiamo e cioè la bontà fondamentalmente di chi perdona. L'atteggiamento del perdono può essere condizionato da meccanismi di difesa, da incapacità ad affrontare una situazione dove ad esem. non si dovrebbe perdonare, in sostanza dalle proprie debolezze, insicurezze ecc. . Certo che il perdono se vero, è sicuramente qualcosa di molto intimo, personale che ognuno elabora a modo suo. Ma secondo me molte cose se allarghiamo l'orizzonte, non possono perdonarsi: gli orrori della guerra, la privazione consapevole e perpetrata in ogni sua forma, della libertà altrui; l'appagamento personale derivante dallo sfruttamento sull'altro. La vita è una sola. Nessuno potrà mai riscattare il dolore e la sofferenza di chi ha subito e subisce questo. Il perdono in questi casi non è un'atto di umanità ma al contrario consente delle possibilità future alla manifestazione del male perchè ci sarà sempre qualcuno che potrebbe perdonarti per ciò che hai fatto. Anche riguardo la sfera personale mi sento di dire la stessa cosa. Penso a delle violenze e/o fisiche psicologiche. Ti segnano, ti cambiano, ti deformano. Penso a un mio amico violentato in un'orfanatrofio. Penso a chi costruisce famiglie con l'arte della falsità, della meschinità dell'opportunismo. Non è il mio caso ma ho avuto anch'io una famiglia dove tutto vi era ma non l'amore. Come tante, forse troppe. E poi il perdono è una delle caratteristiche cardine della religione che meriterebbe una riflessione a parte. Quello che mi domando è questo: si può sbagliare ma non ad oltranza, non al limite consentito. Chi offende è sempre consapevole e non è possibile giustificare (appunto con il perdono) errori gravi; come nel mio piccolo umilissimo caso: qualcuno mi ha spinto sull'orlo di un precipizio sbarazzandosi di me con qualche senso di colpa. Solo che sono volati con me sogni, aspirazioni, aspettative in cui credevo. Che mi dite? :|
  11. Ciao Sara ti ringrazio per avermi risposto come ringrazio anche Rain. Stò vivendo un periodo molto brutto, mi sento persa, e nonostante abbia dei trascorsi poco felici, stavolta il colpo è stato duro, terribile. Quindi anche solo delle parole e soprattutto un'abbraccio davvero scaldano il cuore. Grazie. Volevo anche dire che non ho tovato consensi da parte degli uomini.... o ragazzi! Come al solito devo constatare che la solidarietà è solo femmininile. Forse perchè solo i maschi riescono ad essere così vigliacchi e meschini? Vi è una loro peculiarità di comportamento in un contesto "qualsiasi" che a loro non interessa più? Forse o quasi sicuramente si. Non vorrei sollevare una questione tra maschile e femminile ma credo proprio che solo l'uomo sà essere così vile. Da oggi farò parte di quelle persone che sanno avere pochi scrupoli; farò parte di quella schiera di persone che ho sempre cercato di combattere. Ma credetemi stare dall'altra parte della sponda non paga. Non si può permettere a nessuno dico nessuno di farsi trattare come stracci, come vecchie scarpe che sono servite e che si possono gettare con disprezzo. Rispondetemi se sono stata con un pazzo, un'attore o semplicemente con uno come noi. :(
  12. Dipende che tipo di errori. Se sono errori che ogni qualvolta investono la tua vita, se ogni volta devi mettere tutto in discussione, ti assicuro non è facile riconoscre che possiamo essere diversi interagendo con il quotidiano. Quale quotidiano? Dipende quello che ti sei costruito, quello che c'è intorno a te, famiglia, affetti ecc. Psicologizzare parlando di valenze positive e negative non aiuta, non ha senso, in quanto è appurato che esistono comportamenti totalmente autodistruttivi, o al contrario costruttivi che anche di fronte alla sorte più nera non si perdono d'animo. Non nascondiamoci per paura di vedere cosa c'è di veramente REALE di fronte a noi. Forse questa consapevolezza se si potesse acquisire ci salverebbe dal sbagliare sempre. Ma siamo pensiero oltre che materia. E questa condizione ci porta lontano, ed è bellissimo, ma a volte ci si allontana troppo ed è dura tornare indietro.
  13. Infatti hai detto la parola giusta: insostenibile. E non se ne esce fuori. Non ho mai pensato di farmi analizzare, con tutto il rispetto per la materia che apprezzo e ritengo sia utile se svolta bene, ma ho sempre pensato di farcela da sola, sbagliando, ma quale vittoria più bella raggiungere degli obiettivi con le propie forze? Ma stavolta mi arrendo, davvero, da questa storia ultima che mi è capitata, ne esco sconfitta, priva di qualsiasi ragionamento logico. Sicuramente sbaglio in qualcosa, non è possibile incontrare sempre le persone sbagliate o situazioni che a tuo giudizio sono lontane dal tuo mondo. Stò cercando di reagire con le unghie e con i denti, ma è solo reazione, forse spirito di sopravvivenza perchè dentro mi sento morta. Eppure non è da me, scoraggiarmi, amo la vita. Ma ogni qualvolta mi tradisce, non la capisco, ogni volta la devo odiare per risorgere. Stavolta sono stanca, tra l'altro non sono più una bambina. Và a finire che faccio la fine di Pavese. Forse è uno dei pochi atti nobili, non depressione, non viltà. Ma CORAGGIO DI VEDERE IN FACCIA LA REALTA'!! :ciaotutti [/code]
  14. Ciao a tutti volevo rispondere a piccola che mi aveva risposto su un'altro topic e volevo sapere che cosa ne pensate di questa mia esperienza. Ho vissuto una storia d'amore (ho dei dubbi su questo termine riguardo colui) per quasi otto anni. Risultato? Per come è finita ho l'impressione che si sia cancellato tutto, tutto quello che di bello abbiamo condiviso. Non mi dite che è la solita storia. Forse, ma la cosa grave è che a me non sembrava che fosse la solita storia comune, se vuoi banale, dozzinale. Quando ci siamo messi insieme io avevo 34 anni lui sette meno di me. Troppo piccolo? Eppure ci siamo comprati una casa fuori Roma partendo da niente io ancora avevo un lavoro precario. Abbiamo fatto un secondo lavoro insieme per qualche anno e questa cosa sembrava che mai ci avesse diviso, mai. Tutto era condiviso. Sogni, aspirazioni i miei erano uguali ai suoi. Eppure è successo: una volta raggiunto il traguardo nel 2004 qualcosa non ha funzionato. Lui aveva conservato il secondo lavoro che lo portava via da casa almeno 3 o 4 volte in una settimana; era sempre stanco. Nel frattempo ci eravamo allontanati. Io lavoravo (e lavoro) tutto il giorno, non avevamo mai tempo per noi. Inutili i miei tentativi di farlo smettere avevamo anche un piccolo fondo utile per qualsiasi evenienza. Tutto quello che si era presagito come bello, indistruttibile, si stava invece sgretolando. Alla fine si è voluto allontanare fisicamente da me per capire diceva lui, forse era solo stress. Ma io a questo ho reagito molto male. l'ho lasciato fare, pensando che era la cosa migliore da fare, così avrei riflettuto anch'io ma...... Dentro di me sapevo che non era giusto, sarebbe stato meglio che lui avesse cercato altre soluzioni all'interno del rapporto, e non fuori come è successo, lasciando il secondo lavoro e dedicarci a noi come era giusto, dopo tanti sacrifici. Dopo un tira e molla da parte sua di deboli riprese al telefono poi! abbiamo deciso di vendere la casa ma sembrava tutto così incomprensibile che quando l'ho detto da parte mia forse neanche ci credevo veramente, non me ne capacitavo. Per caso ho scoperto che aveva una relazione... d'amore. Ha avuto il coraggio, il disprezzo, di portarsela a casa nostra. Io adesso non ho più parole, pensieri, cose da fare. Quello che aveva giurato e spergiurato di amarmi, che aveva giurato e spergiurato di non farmi mai del male è diventato un nemico, da combattere. Sempre, proprio perchè ci portavamo rispetto, ci eravamo detti di dircelo, qualsiasi cosa sarebbe successo. Pensavo di stare con un uomo, o perlomeno con un ragazzo consapevole delle sue scelte. Mi ritrovo davanti un ragazzino che ha voluto dare un calcione a tutto, perso per questa ragazza, più piccola di me e non vi stò a dire quando l'ho chiamata cosa ho scoperto! una sola frase" io e Alessandro stiamo insieme da paura!" Io rimango sgomenta e attonita. Pensavo di aver costruito montagne, città. Oltre al dolore della fine di un rapporto bisogna sopportare anche l'inganno, la falsità, la vigliaccheria. Devo fare un lavoro di rimozione non indifferente perchè ho messo in discussione tutto: anche l'essere stato con me. Sono stata cieca e sorda sì, ma sono stata ingannata mille e mille volte! Non si può pensare che dopo una storia del genere uno si possa rimbarcare in un'altra (se prima era a cento adesso è a mille) senza aver riflettuto, senza aver raccolto almeno le idee!! Mi aiutate a capire?
  15. Ciao piccola, ho davvero bisogno di sfogarmi! Però purtroppo adesso non posso (sono al lavoro) e devo chiudere! Appena ho un momento ti rispondo subito! Grazie per avermi risposto! Sono già un pò felice!! Non non è vero, magari bastasse così poco!! CIAO!!
×
×
  • Crea Nuovo...

Important Information

Navigando questo sito accetti le nostre politiche di Privacy Policy.